Climate

La startup di riciclaggio della plastica Kubik chiude un seme da 3,34 milioni di dollari per scalare la produzione in Etiopia

La quantità di rifiuti di plastica prodotti a livello globale è sulla buona strada per triplicare fino a superare i 1.000 milioni di tonnellate entro il 2060.
Il rapporto dell'OCSE prevede che i paesi sviluppati continueranno a produrre la maggior parte dei rifiuti di plastica pro capite, anche se le regioni emergenti come l'Africa e l'Asia dovrebbero sperimentare il crescita più rapida a causa della rapida crescita della popolazione e dell'urbanizzazione.
L'inquinamento da plastica è già una minaccia che si dice stia alterando gli ambienti e mettendo in pericolo vite umane, ma c'è un barlume di speranza poiché si prevede che la quota di plastica riciclata quasi raddoppierà nello stesso periodo fino al 17% con l'aumento della plastica che passa attraverso i sistemi di gestione dei rifiuti.
In Africa, Kubik, una startup di upcycling con attività in Kenya ed Etiopia, è tra le aziende che stanno guidando il riutilizzo dei rifiuti di plastica e gli sforzi di sostenibilità nel nascente settore del riciclaggio del continente, che attualmente recupera solo il quattro percento dei rifiuti prodotti.
La startup trasforma i rifiuti di plastica difficili da riciclare (polietilene, polipropilene e polistirene) in materiali da costruzione a prezzi accessibili tra cui mattoni, colonne, travi e stipiti, rimuovendo ogni giorno 45.000 kg di rifiuti di plastica dalle discariche.
La startup sta ora pianificando di raddoppiare la produzione di materiali da costruzione in Etiopia prima di espandersi in altri paesi dell'Africa, sullo sfondo di un round di finanziamento iniziale da 3,34 milioni di dollari, recentemente chiuso.
Fondata da Kidus Asfaw e Penda Marre nel 2021, Kubik prevede di aumentare la produzione nel suo stabilimento in Etiopia entro la fine dell'anno, affermando di avere la capacità di costruire oltre un quarto di milione di metri quadrati di superficie muraria ogni anno.
“Questo può costruire ovunque fino a 10.000 case a prezzi accessibili all'anno, per esempio.
Parlando di alloggi a prezzi accessibili, c'è un deficit di oltre 300 milioni di unità abitative a livello globale considerate accessibili ai poveri.
Questo è un mercato da $ 2T + che abbiamo l'opportunità di affrontare e siamo appena all'inizio ", ha affermato Asfaw, CEO dell'azienda, che ha vinto Startup of the Year ai Global Startup Awards 2023 ed è stata anche dichiarata leader del clima startup tecnologica in Africa alla conferenza VivaTech della scorsa settimana.
Gli investitori che hanno preso parte al round includono Plug & Play, Bestseller Foundation, GIIG Africa Fund, Satgana, Unruly Capital, Savannah Fund, African Renaissance Partners, Kazana Fund, Princeton Alumni Angels e Andav Capital.
“Siamo entusiasti di investire e collaborare con Kubik nel loro viaggio di trasformazione.
La loro visione mirata, il team eccezionale e il modello di business unico, che combina impatto sociale positivo, economia circolare e costruzione a basse emissioni di carbonio, posizionano Kubik come una soluzione scalabile e sostenibile per le sfide più urgenti dell'Africa ", ha affermato Climate Tech VC Satgana, co -fondatore, Romain Diaz.
Kubik sviluppa materiali da costruzione ad incastro, che includono mattoni, colonne, travi e stipiti, consentendo agli sviluppatori di erigere muri senza la necessità di cemento, aggregati e acciaio.
Asfaw afferma che ciò non compromette l'integrità dell'edificio e che la resistenza dei muri costruiti con i suoi prodotti è pari a quella dei muri a base di cemento.
Ha aggiunto che i prodotti Kubik costano almeno il 40% in meno al metro quadrato e hanno proprietà chimiche che li rendono sicuri, anti-infiammabili e non degradabili.
Inoltre, afferma, questi prodotti sono a basse emissioni di carbonio, con un'emissione di gas serra di "almeno 5 volte inferiore rispetto ai prodotti a base di cemento".
Asfaw afferma che l'accessibilità economica dei materiali può svolgere un ruolo nel colmare l'attuale deficit abitativo che è in parte determinato dalla crescita della popolazione urbana e dagli elevati costi di costruzione.
La startup sta guidando questo cambiamento anche se continuano gli appelli globali affinché i governi introducano politiche che riducano i rifiuti di plastica e incoraggino un uso più circolare della plastica.
“Oggi il mondo si sta urbanizzando in modo drammaticamente veloce e le città sentono il peso dei rifiuti di plastica non gestiti, delle condizioni di vita insostenibili (soprattutto negli alloggi) e dell'impatto del cambiamento climatico.
La nostra azienda svolge un ruolo nell'affrontare tutte e tre queste sfide attraverso una soluzione di costruzione a basso costo e a basse emissioni di carbonio che rimuove i rifiuti di plastica dall'ambiente.
Crediamo che questo sia il motivo per cui c'è molta eccitazione nella nostra azienda e nella sua missione ", ha affermato Asfaw.
"Abbiamo un prodotto che sta trasformando il modo in cui costruiamo in modo sostenibile e più conveniente, e prevediamo di diventare un'azienda che continuerà a guidare la tecnologia nei materiali utilizzati per decarbonizzare più velocemente l'ambiente costruito".
Recycleye prende 17 milioni di dollari, definendo la crisi della plastica una "straordinaria opportunità di business" La startup di materiali Novoloop porta la sua suola riciclata nella nuova scarpa da corsa di On originariamente pubblicato su TechCrunch

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...