Possiamo fidarci delle case automobilistiche per costruire una rete di ricarica per veicoli elettrici che rivaleggia con il Supercharger di Tesla?

Sembra che le case automobilistiche abbiano avuto un risveglio la scorsa settimana: i veicoli elettrici sono il futuro e se vogliono continuare a vendere auto, devono pensare oltre l'auto.
Non sto parlando di abbonamenti, però; Sto parlando della ricarica.
Per anni, le principali case automobilistiche sono state felici di lasciare l'infrastruttura a qualcun altro.
Tesla è stata l'unica eccezione, costruendo una rete globale di caricabatterie veloci e affidabili che hanno placato gli acquirenti di auto ansiosi di autonomia che hanno acquistato i veicoli elettrici dell'azienda a frotte.
Altre case automobilistiche, tuttavia, non sono riuscite a collegare l'esperienza di ricarica dei veicoli elettrici con le vendite di veicoli elettrici.
Forse è perché l'infrastruttura è un territorio sconosciuto.
O forse in realtà non erano così interessati a vendere veicoli elettrici.
In ogni caso, il recente momento di avvicinamento delle case automobilistiche è culminato in un annuncio la scorsa settimana secondo cui sette delle più grandi avrebbero formato una joint venture per costruire un'enorme rete di ricarica in tutto il Nord America.
Composta da non meno di 30.000 punti di ricarica che offrono sia connettori CCS (Combined Charging System) che North American Charging Standard (NACS), la rete ancora senza nome promette di essere un vero rivale del Supercharger di Tesla e del diesel Volkswagen finanziato dall'accordo Elettrizza l'America.
Sembra un passo nella giusta direzione.

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: