Djust è una nuova piattaforma commerciale focalizzata esclusivamente sulle transazioni B2B

Incontra Djust, una startup francese che essenzialmente vuole costruire una piattaforma di e-commerce come Mirakl, ma focalizzata esclusivamente sulle attività business-to-business (B2B).
La società ha recentemente raccolto un round di finanziamento di 13 milioni di dollari (12 milioni di euro).
NEA sta guidando il round di finanziamento più recente, con Elaia Partners che investe anche nella società.
Elaia ha precedentemente guidato il seed round da 4 milioni di dollari di Djust nel 2020.
Il motivo per cui sto confrontando Djust con Mirakl è che il co-fondatore e CEO di Djust, Arnaud Rihiant, faceva parte del team fondatore di Mirakl, lavorando per l'azienda da più di un decennio.
Mirakl è ora una delle startup francesi più apprezzate e compete con Adobe Commerce, Salesforce Commerce e Shopify.
Mirakl è nato per la prima volta come un modo per lanciare un mercato di venditori di terze parti su un sito Web di e-commerce: una strategia B2C.
Nel tempo, Mirakl si è resa conto che i marketplace potevano funzionare bene anche per i clienti B2B.
"Ogni volta che realizzavamo un progetto B2B con Mirakl, ero scioccato dalla complessità del progetto", mi ha detto Rihiant.
“Quando ho esaminato la questione, ho capito che non è colpa [di Mirakl].
Ma l'industria del mercato è stata progettata per il B2C.
Eppure, Rihiant ritiene che le piattaforme di commercio B2B rappresentino un'opportunità interessante in quanto è stato un mercato poco servito per troppo tempo.
Molte aziende dispongono già di un sistema ERP, ma continuano a gestire gli ordini per telefono, via e-mail e utilizzando fogli di calcolo Excel.
In altre parole, non si adatta bene.
Quando si tratta delle basi, Djust colma il divario tra i sistemi legacy e la sua piattaforma moderna.
Può connettersi con i sistemi ERP e rendere i dati fruibili.
Da Djust puoi gestire il tuo catalogo, i tuoi clienti e i tuoi ordini.
E l'avvio offre funzionalità avanzate in tutte quelle categorie.
Ad esempio, quando si tratta di gestione del catalogo, Djust ti consente di segmentare il catalogo in modo che ogni cliente veda i prodotti pertinenti.
A volte, i clienti ottengono anche prezzi diversi a seconda di ciò che hanno concordato quando hanno firmato il contratto originale.
Quando è il momento di ordinare, Djust offre diverse opzioni a seconda del settore.
Ad esempio, puoi abilitare un processo di offerta o facilitare i riordini per i clienti che desiderano principalmente rifornire i loro negozi.
Puoi anche configurare diverse opzioni di pagamento.
Djust sta già lavorando con clienti nel settore delle costruzioni, come Bouygues ed Eiffage, e con rivenditori alla ricerca di una piattaforma per gestire gli ordini con i loro negozi in franchising, come Monoprix, Franprix e Naturalia.
La startup sta costruendo una piattaforma di commercio B2B generica in modo che funzioni per diversi settori.
Ad esempio, le catene di ristoranti potrebbero trarre vantaggio da un prodotto come Djust come sistema di approvvigionamento.
I marchi di moda che vendono principalmente i loro articoli nei negozi partner potrebbero connettersi con i loro partner di vendita al dettaglio su una piattaforma alimentata da Djust.
Il prodotto può essere utilizzato come piattaforma headless con il proprio framework di frontend oppure può essere utilizzato con il frontend di Djust personalizzato in base alle proprie esigenze.
Funziona con diversi canali di vendita: i clienti possono ancora offrire ordini telefonici o e-mail senza chiedere a tutti i loro clienti esistenti di passare attraverso un nuovo sito web.
Attualmente sono 45 le persone che lavorano per la startup.
Con il round di finanziamento di oggi, Djust ha in programma di far crescere il suo team, iterare sul suo prodotto e trovare nuovi clienti in tutta Europa.
Djust è una nuova piattaforma commerciale incentrata esclusivamente sulle transazioni B2B di Romain Dillet originariamente pubblicata su TechCrunch

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: