La spietata tattica dell'e-commerce cinese diventa globale con l'escalation della guerra Shein-Temu

La battaglia tra due delle più grandi società di e-commerce della Cina si sta surriscaldando, poiché portano le tattiche spietate che sono state a lungo utilizzate nel paese nei mercati internazionali che entrambi bramano.
L'affiliata del gigante cinese dell'e-commerce, Temu, che si sta espandendo aggressivamente all'estero, ha recentemente depositato un atto giudiziario negli Stati Uniti accusando il gigante del fast fashion Shein di pratiche anticoncorrenziali.
Nello specifico, Temu afferma che Shein ha "imposto accordi di esclusiva sui produttori di abbigliamento".
Questa affermazione ricorda la famigerata politica di Alibaba di "scegliere uno su due", in cui ai venditori veniva chiesto di vendere esclusivamente sulle piattaforme di Alibaba e saltare il suo acerrimo rivale, Pinduoduo.
Come parte della sua ampia repressione dell'industria tecnologica, il governo cinese ha lanciato un'indagine su Alibaba alla fine del 2020 per le sue pratiche monopolistiche.
TechCrunch ha contattato Shein e Temu per un commento sul caso.
Da allora, la Cina ha proposto una legge anti-monopolio per frenare il potere dei suoi giganti di Internet dei consumatori.
La domanda è se la Cina agirà sulla battaglia in corso tra Shein e Temu, nessuno dei quali vende prodotti direttamente in Cina.
La holding di Shein è domiciliata a Singapore, sebbene abbia un'impronta operativa significativa e provenga principalmente da produttori in Cina.
Nel tentativo di accelerare l'espansione globale, l'entità dietro Temu e Pinduoduo ha recentemente fatto di Dublino la sua base.
Uno sguardo più attento a ciò per cui Shein e Temu stanno litigando – i produttori di abbigliamento – rivela un dettaglio interessante.
Oltre al controllo dei prezzi, perché Shein dovrebbe mantenere un controllo così stretto sui suoi fornitori di abbigliamento, data l'abbondanza di risorse in Cina? Un post su Xiaohongshu, la comunità cinese di condivisione di stili di vita ed esperienze, offre un indizio.
L'autore del post, che sembra essere un venditore di Temu, afferma che la sua fabbrica di jeans ha problemi a procurarsi cotone che non viene prodotto nello Xinjiang, la principale fonte di cotone in Cina.
Per contestualizzare, l'industria della moda statunitense ora deve liberarsi dal cotone dello Xinjiang dopo l'entrata in vigore di una legge nel 2021, che conferisce alle autorità di frontiera statunitensi maggiori poteri per bloccare le merci legate al presunto lavoro forzato in Cina.
Il requisito di esclusività non riguarda solo il cotone.
A partire da maggio, Shein ha richiesto a tutti i circa 8.338 produttori che forniscono o vendono sulla sua piattaforma di firmare accordi di esclusiva, impedendo loro di vendere su Temu o fornire prodotti ai venditori di Temu, secondo il deposito di Temu.
Questi circa 8.338 produttori rappresentano il 70-80% del numero totale di commercianti in grado di fornire moda ultra-veloce, afferma Temu.
La controversia legale tra Shein e Temu non è unilaterale.
A marzo, Shein ha accusato Temu di "aver violato intenzionalmente e in modo flagrante i diritti di marchio e copyright esclusivi e preziosi di Shein" e si è impegnato in un piano per aumentare la propria crescita negli Stati Uniti "impersonando [il] marchio Shein sui social media, commerciando al di fuori dei noti marchi Shein e utilizzando immagini protette da copyright di proprietà di Roadget come parte dei [propri] elenchi di prodotti.
L'app per lo shopping gemella di Pinduoduo, Temu, è in cima all'App Store degli Stati Uniti

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: