Una conversazione con il capo del fintech di Visa

Il rapporto tra fintech e incumbent è stato a lungo carico di tensioni.
Ma Marie-Elise Droga crede che non debba essere così.
Droga è entrata a far parte del gigante dei pagamenti Visa come SVP, responsabile delle partnership fintech globali e NA nel dicembre 2022 per guidare lo sviluppo, la commercializzazione e l'implementazione di tutti i prodotti Visa, nuove soluzioni di flusso di pagamento e servizi "a valore aggiunto" per la rete di partner fintech di Visa.
"Lavoro con le prime organizzazioni che sono all'inizio del loro viaggio e cercano soluzioni per crescere prima ancora che pensino al ridimensionamento, così come con fondatori globali che potrebbero non avere sede qui", ha detto a TechCrunch in un'intervista.
"I partner spaziano da startup fintech innovative a big tech affermate".
Droga afferma di considerarsi una creatrice di business globale creativa e strategica con profonde radici nelle vendite e nelle partnership.
Prima di entrare a far parte di Visa, Droga era in Western Union, dove afferma di essere diventata un'esperta di pagamenti transfrontalieri digitali e al dettaglio, espandendo le relazioni dell'azienda con aziende come Amazon, Airbnb e Google, oltre a guidare gli sforzi strategici per accelerare la crescita digitale e reinventare l'approccio dell'azienda alla distribuzione di canale.
E prima di Western Union, ha guidato una serie di organizzazioni internazionali di vendita e marketing, tra cui Marietta Corporation, American Express, imago e Ray-Ban.
Droga afferma di essere concentrata sull'identificazione e la sintesi di fattori che influenzano il panorama dei pagamenti, inclusi nuovi comportamenti, nuove riserve di valore, nuove strutture per il movimento di denaro e nuovi ambienti di transazione.
"È una funzione molto ricca che aiuta Visa a essere all'avanguardia nell'innovazione dei prodotti", ha aggiunto.
"Il nostro team si sfida costantemente in termini di quali tendenze dobbiamo prestare attenzione e in che modo ciò si traduce in crescita, non solo per i nostri prodotti, ma anche per poter avere soluzioni ancora più pertinenti per i nostri clienti".
TechCrunch ha incontrato Droga per saperne di più sul suo ruolo e su come Visa cerca di lavorare con le startup fintech.
L'intervista è stata modificata per chiarezza e brevità.
Nel corso degli anni, il rapporto tra incumbent e fintech è stato pieno di tensioni.
Eppure hanno bisogno l'uno dell'altro: devono collaborare, devono lavorare insieme piuttosto che competere.
Qual è la posizione di Visa al riguardo e come affronti il tuo rapporto generale con la comunità fintech? Alla fine li vedi come partner, potenziali partner o li vedi ancora come concorrenti, o entrambi? Detto semplicemente, la nostra pratica di partnership fintech è il motore di crescita dell'organizzazione.
Le fintech non sono sicuramente una concorrenza per noi.
Loro, prima di tutto, hanno contribuito a digitalizzare la sfera dei pagamenti e l'economia globale.
Sono parte integrante della nostra strategia di crescita, sia come partner autonomo, fornendo una soluzione o, cosa più interessante, come un modo per aiutare i nostri clienti legacy (banche) a differenziarsi.
Li usiamo come cassa di risonanza, un mezzo per aiutare l'ecosistema centrale a crescere e progredire.
Vogliamo anche aiutare i fornitori di servizi che hanno un forte interesse a posizionarsi in istituti finanziari di primo e secondo livello e portare loro una tecnologia che è potenzialmente troppo complessa, troppo costosa e troppo lunga per essere sviluppata internamente.
Fintech e la nostra rete di partner nello spazio sono un motore di crescita vitale per Visa e un fattore chiave per realizzare la nostra missione: elevare tutti ovunque.
Il nostro portafoglio di partner fintech è diversificato e continua a crescere e ad espandersi.
Negli ultimi due anni, il numero di programmi di carte fintech che generano $ 1 miliardo di volume di pagamenti all'anno è più che raddoppiato.
Coinvolgiamo l'ecosistema fintech attraverso diversi programmi per rendere più facile per le fintech collaborare con noi e attingere alla nostra rete di partner.
Fintech FastTrack, il nostro programma di punta per le fintech, è progettato per aiutare a lanciare rapidamente nuove funzionalità finanziarie, come l'avvio di un programma di carte o il trasferimento di denaro quasi in tempo reale con Visa Direct.
Forniamo onboarding semplificato, accesso chiavi in mano a centinaia di partner dell'ecosistema e accordi commerciali semplificati.
Inoltre, Visa Ready è un programma di certificazione che aiuta le aziende tecnologiche a creare e lanciare soluzioni di pagamento che soddisfano gli standard globali di Visa in materia di sicurezza e funzionalità.
Fintech Partner Connect di Visa crea percorsi chiari tra i clienti emittenti di Visa e i migliori fornitori di fintech.
Supportiamo anche le imprese emergenti attraverso programmi e piattaforme che coinvolgono le comunità fintech e start-up, tra cui il Visa Accelerator Program in Asia Pacific e il Visa Innovation Program Europe, una piattaforma di accelerazione fintech creata per l'Europa meridionale.
Tutto ciò per dire che valutiamo e investiamo continuamente in aziende che hanno il potenziale per far avanzare i pagamenti digitali per i nostri clienti e clienti, considerando in ultima analisi le fintech come partner strategici in tutto il mondo.
Crediti immagine: Marie-Elisa Droga / Visa Quanto sei coinvolto in eventuali potenziali acquisizioni di fintech? Collaboriamo spesso con il team di Visa Ventures.
Siamo una specie di motore di ricognizione per il braccio di rischio di Visa.
So che Visa ha recentemente concentrato alcuni sforzi molto concertati sul servizio ai creatori.
Puoi condividere di più su questo e su come vedi i creatori come un mercato indirizzabile? Vediamo l'economia dei creatori emergere come l'equivalente digitale dei segmenti di piccole e medie imprese di domani, o la nuova generazione e la prossima generazione di clienti delle PMI.
Tuttavia, riconosciamo che anche se i creatori hanno in genere le stesse esigenze di una piccola impresa tradizionale, sono trattati per la maggior parte come singoli consumatori.
Nonostante siano in grado di monetizzare, i creatori spesso non hanno accesso a strumenti adeguati per sostenere un'attività di successo e gestire le proprie esigenze finanziarie.
Dal flusso di cassa incoerente e dai pagamenti lenti dalle piattaforme alla mancanza di opzioni di prestito e conoscenze fondamentali per gestire un'impresa: i creatori affrontano molte delle stesse sfide delle PMI, ma con meno supporto.
I nostri sforzi per elevare i creatori includono la collaborazione con piattaforme e fornitori di servizi di pagamento per consentire ai creatori di essere pagati in modo più rapido ed efficiente, come la possibilità di trasferire fondi istantaneamente su una carta di debito, un conto di portafoglio o, in alcuni casi, un conto bancario in tempo reale -tempo o 1-2 giorni lavorativi.
Fornendo più opzioni e binari più veloci, aiutiamo ad alleviare alcune pressioni finanziarie che potrebbero impantanare molti creatori oggi.
Alcune delle iniziative che abbiamo sviluppato per aiutare a sostenere l'economia dei creatori includono: Serie GetP@id: il nostro esempio più recente di sostegno all'economia dei creatori è arrivato sotto forma della nostra serie di video social, che ha abbinato aspiranti creatori a moda, musica, e creatori di cibo per un programma di più settimane che ha permesso ai mentori di condividere le loro conoscenze su ciò che serve per costruire una carriera di successo, offrendo coaching di prima mano agli allievi e agli spettatori.
Inoltre, qualsiasi creatore emergente può sfruttare i suggerimenti e i trucchi condivisi durante il programma per iniziare il proprio viaggio verso il successo.
Visa Ready Creator Commerce Program: un'iniziativa globale per aiutare le piattaforme incentrate sui creatori, come le società di social-commerce e videogiochi, a incorporare strumenti finanziari, come pagamenti più rapidi e flessibili tramite Visa Direct, mance e donazioni.
Guardando al futuro, Droga ha affermato di essere entusiasta di "concentrarsi sull'acquisizione e lo sviluppo di partnership nell'intero ecosistema dei pagamenti incentrato sul fintech".
Vuoi più notizie fintech nella tua casella di posta? Iscriviti a The Interchange qui.

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: