L'intelligence americana conferma di aver acquistato i dati personali degli americani

Un rapporto governativo recentemente declassificato conferma per la prima volta che le agenzie di spionaggio e di intelligence statunitensi acquistano enormi quantità di informazioni disponibili in commercio sugli americani, inclusi dati da veicoli connessi, dati di navigazione web e smartphone.
Per stessa ammissione del governo degli Stati Uniti, i dati che acquista "forniscono chiaramente valore di intelligence", ma anche "solvono questioni significative relative alla privacy e alle libertà civili".
L'Ufficio del direttore dell'intelligence nazionale (ODNI) ha declassificato e pubblicato venerdì il rapporto datato gennaio 2022, a seguito di una richiesta del senatore Ron Wyden (D-OR) di rivelare come la comunità dell'intelligence utilizza i dati disponibili in commercio.
Questo tipo di dati viene generato da dispositivi connessi a Internet e reso disponibile da broker di dati per l'acquisto, come app telefoniche e veicoli che raccolgono dati granulari sulla posizione e dati di navigazione Web che tracciano gli utenti mentre navigano in Internet.
Il rapporto declassificato è la prima divulgazione pubblica del governo degli Stati Uniti che rivela i rischi associati ai dati disponibili in commercio degli americani che possono essere prontamente acquistati da chiunque, inclusi avversari e nazioni ostili.
Gli Stati Uniti non hanno una legge sulla privacy o sulla protezione dei dati che regoli la condivisione o la vendita delle informazioni private degli americani.
"In un modo che molti meno americani sembrano capire, e ancora meno di loro possono evitare, [le informazioni disponibili in commercio] includono informazioni su quasi tutti che hanno un tipo e un livello di sensibilità che storicamente avrebbero potuto essere ottenuti" da altre raccolte di intelligence capacità, come mandati di perquisizione, intercettazioni telefoniche e sorveglianza, afferma il rapporto.
In una dichiarazione successiva alla pubblicazione del rapporto, Wyden ha affermato: "Questa revisione mostra che le politiche esistenti del governo non sono riuscite a fornire salvaguardie essenziali per la privacy degli americani o la supervisione di come le agenzie acquistano e utilizzano i dati personali".
"Secondo questo rapporto, l'ODNI non sa nemmeno quali agenzie di intelligence federali stiano acquistando i dati personali degli americani", ha aggiunto Wyden.
Il rapporto conferma un flusso di resoconti dei media secondo cui le agenzie governative statunitensi stavano acquistando enormi set di dati sugli americani.
L'Internal Revenue Service ha acquistato l'accesso a un enorme database che memorizza i dati sulla posizione di milioni di telefoni americani per cercare di catturare frodi fiscali, mentre dati simili sulla posizione del telefono sono stati utilizzati dalla Homeland Security per l'applicazione dell'immigrazione.
Le agenzie governative devono in genere garantire un mandato approvato dal tribunale per ottenere i dati privati degli americani direttamente da una società telefonica o tecnologica, come i messaggi privati.
Ma il rapporto dell'ODNI afferma che nei casi in cui le informazioni degli americani – come i dati sulla posizione – sono apertamente in vendita al pubblico in generale, le agenzie di intelligence statunitensi possono acquistarle.
(Tuttavia, questa teoria deve ancora essere esaminata dalla corte federale.) Sebbene questi dati siano generalmente venduti all'ingrosso – spesso milioni di punti dati alla volta – il rapporto dell'ODNI avverte che i dati disponibili in commercio possono essere facilmente deanonimizzati per identificare individui, tra cui americani.
I dati sulla posizione, ad esempio, possono essere utilizzati per dedurre dove le persone vivono e lavorano, in base a dove si trovano i loro telefoni e veicoli in determinati momenti della giornata.
Le informazioni disponibili in commercio possono anche rivelare "i movimenti dettagliati e le associazioni di individui e gruppi, rivelando attività politiche, religiose, di viaggio e discorsive", afferma il rapporto, come essere utilizzate per "identificare ogni persona che ha partecipato a una protesta o a un raduno sulla base di la posizione del loro smartphone o i record di tracciamento degli annunci.
"Nelle mani sbagliate, le informazioni sensibili ottenute tramite [informazioni disponibili in commercio] potrebbero facilitare il ricatto, lo stalking, le molestie e la vergogna pubblica", afferma il rapporto.
Il rapporto ha rilevato che nel 2021, i dati sulla posizione disponibili in commercio raccolti da un'app di incontri gay sono stati utilizzati per eliminare un prete cattolico, che in seguito si è dimesso.
Il rapporto ha anche fatto riferimento alla raccolta e alla vendita di dati sulla posizione da un'app di preghiera musulmana all'esercito americano.
Wyden ha chiesto al Congresso di approvare una legislazione per "mettere barriere agli acquisti del governo, per frenare le società private che raccolgono e vendono questi dati e tenere le informazioni personali degli americani fuori dalle mani dei nostri avversari".
Nuovi documenti rivelano la portata "enorme" dei dati sulla posizione dei telefoni cellulari del governo degli Stati Uniti che tracciano l'intelligence statunitense conferma di acquistare i dati personali degli americani da Zack Whittaker originariamente pubblicato su TechCrunch

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: