Venture

Michael Moritz va avanti, concludendo un lungo capitolo in Sequoia Capital

Michael Moritz, il giornalista diventato VC che è stato a lungo uno degli investitori più importanti e rispettati di Sequoia Capital, ha lasciato l'azienda dopo 38 anni per "approfondire il suo rapporto di consulenza" con Sequoia Heritage, l'unità di gestione patrimoniale che ha fondato nel 2010 con il collega Doug Leone e nel cui board siede da anni.
La mossa ha effetto immediato.
In una nota agli LP che abbiamo ottenuto in precedenza, il socio dirigente globale di Sequoia, Roelof Botha, ha affermato che Moritz continuerà a rappresentare Sequoia Capital in una manciata di società, ma che quei seggi saranno "trasferiti" ad altri partner nel tempo.
Una fonte vicina all'azienda ha affermato che lo sviluppo non è stato socializzato all'interno della partnership molto prima del suo annuncio agli investitori di Sequoia perché Moritz ha rinunciato molto tempo fa alle sue responsabilità quotidiane.
In effetti, si è dimesso da un ruolo dirigenziale attivo nel 2012, dicendo agli investitori che gli era stata diagnosticata una "rara condizione medica che può essere gestita ma è incurabile" e spiegando che gli era stato detto che "nei prossimi cinque a dieci anni, è molto probabile che la qualità della mia vita diminuisca”.
Nonostante l'adattamento, Moritz ha continuato a essere coinvolto in Sequoia, con alcuni dei suoi nove posti nel consiglio di amministrazione più nuovi di altri.
Ad esempio, siede nel consiglio di amministrazione di Getir, la società di consegne istantanee con sede in Turchia che il family office di Moritz ha sostenuto nel 2020 prima che Sequoia firmasse un assegno alla società.
Altri dei suoi posti nel consiglio di amministrazione includono Instacart, l'azienda di consegne con sede negli Stati Uniti; Strava, il social network per gli atleti; Klarna, la società di pagamento con sede a Stoccolma che lo scorso anno ha accettato nuovi finanziamenti a una valutazione nettamente inferiore rispetto all'anno precedente; e Stripe, con sede a San Francisco, che potrebbe rivelarsi uno dei maggiori risultati di Sequoia fino ad oggi.
Al contrario, quando Leone si è dimesso l'anno scorso dal suo ruolo di "Senior Steward" di Sequoia per essere sostituito da Botha, che in precedenza era partner dirigente delle operazioni di Sequoia negli Stati Uniti e in Europa, il trasferimento è durato circa due anni visti i numerosi ruoli il ruolo richiede.
In Sequoia, allontanarsi è spesso un processo attenuato.
Leone continua a far parte dei team seed e growth di Sequoia.
Così fa un altro ex manager di Sequoia, Jim Goetz, che ha supervisionato le attività statunitensi di Sequoia con Botha fino al 2017 e che continua a fare nuovi investimenti per l'azienda dal suo trespolo a Miami, Florida.
(Il fondatore dell'azienda Don Valentine ha notoriamente partecipato alle riunioni dei partner per 10 anni dopo aver passato le redini a Moritz e Leone.) Moritz, tuttavia, non farà nuovi investimenti, e forse inevitabilmente, ciò ha sollevato le sopracciglia in alcuni angoli, in particolare dato che Sequoia ha subito una serie di altre modifiche recenti.
In un pezzo pubblicato oggi, il Financial Times cita un venture capitalist che ha investito insieme a Moritz e Sequoia e che, secondo quanto riferito, ha affermato che la partenza di Moritz rischia di lasciare un "vuoto di leadership" in Sequoia.
"È passato molto tempo, ma arriva in un brutto momento." Il mondo degli investimenti in startup si sta ancora riprendendo da anni di schiuma, per prima cosa.
Inoltre, in una delle mosse più drammatiche nella storia di Sequoia, l'azienda – che ha riscosso un enorme successo in tutto il mondo – ha annunciato all'inizio del mese scorso di aver deciso di sciogliersi, con il rilancio dei fondi di Sequoia in Cina, India e Sud-est asiatico come nuove società : Partner HongShan e Peak XV.
In un'intervista a Forbes, Botha, insieme agli altri due responsabili degli investimenti delle società, Neil Shen e Sailendra Singh, ha affermato che la decisione è legata ai conflitti tra i rispettivi portafogli dei fondi e ha minimizzato un ambiente geopolitico che ha reso quasi impossibile per gli investitori statunitensi per finanziare accordi con la Cina in particolare e viceversa.
Non è stato l'unico grande cambiamento per Sequoia.
Meno di due anni fa, l'azienda ha annunciato che stava "rompendo con l'organizzazione tradizionale" basata su cicli di fondi e ristrutturando Sequoia Capital attorno a una struttura unica e permanente che le avrebbe consentito di detenere azioni pubbliche molto tempo dopo che un portafoglio diventa pubblico (rispetto alla distribuzione le azioni ai suoi investitori).
La decisione, ha affermato Sequoia, consentirebbe inoltre all'azienda di "aumentare ulteriormente i nostri investimenti in asset class emergenti come le criptovalute".
Sebbene a lungo termine la mossa possa rivelarsi fruttuosa, il suo tempismo si è rivelato infausto.
Circa sei mesi dopo la ristrutturazione di Sequoia, i mercati più ampi sono crollati, trascinando verso il basso il prezzo delle azioni di società pubbliche che gli investitori di Sequoia avrebbero altrimenti venduto.
Sequoia ha anche subito un raro imbarazzo quando FTX, l'exchange di criptovalute in cui Sequoia ha inserito più di $ 200 milioni, è imploso quasi dall'oggi al domani a causa di una cattiva gestione.
Il partner Alfred Lin ha detto in seguito a questo editore che l'investimento rappresentava un importo ragionevole dal punto di vista della gestione del rischio, se si considera il fondo multimiliardario da 6,3 miliardi di dollari da cui sono stati emessi gli assegni di Sequoia.
Ma un investitore in fase di crescita che ha lavorato con Lin in quell'affare, Michelle Fradin, da allora ha lasciato Sequoia alla ricerca di un ruolo operativo.
E ci sono state altre partenze.
Due investitori, Kais Khimji e Daniel Chen, sono partiti per avviare due diverse società di intelligenza artificiale, entrambe sostenute da Sequoia.
(Sequoia ha una storia di sostegno ai propri investitori, incluso il fondatore di Nubank David Vélez.) Se n'è andato anche Mike Vernal, un ex vicepresidente di Facebook che è entrato a far parte di Sequoia come partner nel 2016 e che si prenderà una pausa fino alla fine di quest'anno, secondo a una fonte che conosce i piani di Vernal.
Vernal ha avuto un ruolo più importante rispetto agli altri, incluso quello di aiutare a supervisionare il programma "scout" di Sequoia, in cui ai fondatori nel suo portafoglio e ai loro amici viene data la possibilità di scrivere assegni da Sequoia e di condividere eventuali premi successivi.
Ora, i partner di lunga data Bryan Schreier e Jess Lee sovrintendono al programma insieme a Ian Taylor, che è entrato a far parte di Sequoia la scorsa estate dopo aver trascorso tre anni con la società Pear VC.
Dealbook ha riferito per primo sulla partenza di Moritz; L'Informazione riportava prima le partenze di Vernal, Khimji, Chen e Fradin.
Come ogni azienda delle sue dimensioni e portata, anche Sequoia ha assunto nuovi talenti.
All'inizio di quest'anno, David Cahn ha accettato di entrare a far parte di Sequoia Capital come partner del suo team di crescita dopo aver trascorso più di cinque anni con Coatue Management.
Sequoia più recentemente ha rubato un preside di Accel – Julien Bek – che si è unito alla sua crescente pratica con sede a Londra.
Ad ogni modo, Moritz non viaggerà lontano per trascorrere del tempo con il team di Sequoia Heritage, che è stato seminato con $ 150 milioni dai soldi di Moritz, $ 150 milioni da Leone e $ 250 milioni da investitori esterni che hanno portato.
investitori Keith Johnson e Kevin Kelly, l'entità legale separata detiene spazi per uffici nello stesso edificio di Sequoia Capital.
Anche Sequoia Capital Global Equities, l'unità di hedge fund di Sequoia, ha un ufficio lì.
Secondo un recente articolo di Bloomberg, Heritage è stato progettato per lavorare a stretto contatto con Sequoia, ma ha sempre mantenuto il diritto di prendere le proprie decisioni di investimento.
Ha preso delle buone decisioni, evidentemente; le sue attività in gestione sarebbero cresciute da 4,2 miliardi di dollari nell'aprile 2018 a 16,4 miliardi di dollari lo scorso aprile.
Per quanto riguarda le risorse di Sequoia Capital, che sono separate da Sequoia Heritage e Sequoia Capital Global Equities, hanno registrato una tendenza al ribasso insieme al più ampio mercato delle startup.
Come segnalato da Bloomberg, tali attività si sono recentemente attestate a 55,58 miliardi di dollari, secondo un deposito SEC, rispetto agli 85 miliardi di dollari alla fine del 2021.
Di seguito è riportata la lettera di Botha agli investitori, inviata questa mattina presto: Vi scriviamo per informarvi che Michael Moritz lascerà Sequoia Capital dopo quasi 38 anni con la Partnership, a partire dal 19 luglio 2023.
Siamo immensamente grati per tutti i contributi di Michael.
Ha contribuito a stabilire Sequoia come uno dei principali gruppi di investimento tecnologico al mondo, sia come leader dell'azienda per due decenni sia attraverso la sua rappresentazione della partnership in aziende come Yahoo!, PayPal, Google, Zappos, Instacart, Stripe e Klarna, solo per citarne alcuni.
Michael intende approfondire il suo rapporto di consulenza con Sequoia Heritage, un'azienda indipendente di cui è socio fondatore e membro del consiglio dal 2010.
Sequoia Heritage è ora un fondo globale da 15 miliardi di dollari con investimenti in una gamma diversificata di attività e partnership e ospita un gran parte delle attività di Crankstart, la fondazione di famiglia di Michael e sua moglie, Harriet Heyman, così come gli investimenti di molti altri membri della grande comunità di Sequoia.
Michael ha abbandonato la gestione quotidiana di Sequoia più di un decennio fa ma, da allora, ha fornito supporto e consulenza alla Partnership.
Michael continuerà a rappresentare gli interessi di Sequoia in una manciata di aziende in cui tutti abbiamo intrattenuto rapporti di lunga data con fondatori e amministratori delegati.
Nel tempo, collaboreremo con le società in portafoglio per trasferire agevolmente i posti nel consiglio di amministrazione di Sequoia attualmente occupati da Michael.
Sequoia Capital non sarebbe quello che è oggi senza Michael.
Più personalmente, ha plasmato la mia carriera, assumendomi la possibilità di diventare CFO di PayPal e poi reclutandomi in Sequoia nel 2003.
È stato, e continuerà ad essere, un mentore e un'ispirazione per me e per innumerevoli altri.
Best, Roelof per conto del Team Sequoia

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...