Apple ha preso di mira la causa per danni antitrust dell'App Store che sta cercando $ 1 miliardo + per gli sviluppatori del Regno Unito

È stata intentata una richiesta di risarcimento danni contro Apple per conto degli sviluppatori con sede nel Regno Unito.
La causa, che chiede un risarcimento che potrebbe arrivare fino a 800 milioni di sterline (oltre 1 miliardo di dollari), accusa il gigante della tecnologia di aver abusato di una posizione dominante addebitando una commissione "anticoncorrenziale" del 30% sulle vendite in-app effettuate dai produttori di app sul suo App Store iOS.
Sostiene inoltre che i consumatori del Regno Unito si stanno perdendo poiché gli sviluppatori vengono privati di denaro che potrebbe essere speso in ricerca e sviluppo per promuovere l'innovazione delle app.
Sean Ennis, professore di politica della concorrenza presso l'Università dell'East Anglia che ha ricoperto incarichi presso l'OCSE, il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti e la Commissione europea, sta portando avanti l'azione collettiva per conto di oltre 1.500 sviluppatori con sede nel Regno Unito.
“Sono decenni che studio le questioni della concorrenza e la concorrenza digitale da parecchio tempo.
Ne ho scritto in saggi tecnico economici ma anche in lavori meno tecnici.
E sono davvero convinto che il tipo di comportamento di cui stiamo parlando in questo caso sia profondamente problematico.
Quindi ero interessato ad assumere un ruolo per aiutare a ottenere un risarcimento per coloro che ritengo siano stati danneggiati dal comportamento ", ha detto a TechCrunch, discutendo le sue motivazioni per intentare la causa, che è finanziata dal finanziatore del contenzioso britannico Harbour.
La causa è un'azione collettiva di rinuncia, il che significa che gli sviluppatori con sede nel Regno Unito non devono registrarsi per essere inclusi in eventuali vincite potenziali.
Se i litiganti prevalgono contro Apple, il livello dei danni dovuti per sviluppatore verrebbe calcolato in base alla loro attività di app iOS, quindi i pagamenti potrebbero variare ampiamente e in alcuni casi anche milioni di sterline.
L'argomento principale che i litiganti stanno facendo è familiare.
Artisti del calibro di Spotify ed Epic si sono scagliati per anni contro l'ingiusta "tassa" di Apple mentre la sostengono, presentando i propri reclami di alto profilo contro le politiche e le commissioni dell'App Store presso le autorità di regolamentazione e i tribunali su entrambe le sponde dell'Atlantico, con vari gradi di successo.
Anche Elon Musk ha soprannominato la commissione di Apple sugli acquisti in-app una tassa globale de facto su Internet.
Apple respinge sistematicamente le accuse di approfittare delle spese degli sviluppatori sostenendo che le tariffe che addebita le consentono di fornire agli utenti iOS un'esperienza premium, notando che la sua amministrazione del negozio include la revisione delle app per problemi di sicurezza e privacy, tra gli altri controlli di qualità (sebbene, le truffe – oggetto di una precedente causa per sviluppatori relativa all'App Store che Apple ha risolto lo scorso anno – sfuggono ancora).
Tuttavia, molti sviluppatori continuano a insistere sul rovescio della medaglia: sostenere che la commissione di Apple è ingiusta, sia per il modo non uniforme in cui viene applicata (poiché alcune app/tipi di contenuto vengono addebitati, mentre altri no) sia come risultato dell'entità del taglio effettuato (nel 2020 Apple ha abbassato la commissione al 15% per il primo milione di dollari di entrate generate, ma dopo aver guadagnato così tanti sviluppatori sono ancora in genere spostati sul suo taglio "standard" del 30%).
Questa causa nel Regno Unito mira a testare gli argomenti nel tentativo di ottenere un risarcimento agli sviluppatori per quello che i litiganti sostengono sia un comportamento abusivo e anticoncorrenziale da parte di Apple.
Lo studio legale che supporta Ennis nella causa è Geradin Partners.
Discutendo l'argomento che intendono sostenere per conto degli sviluppatori in un'intervista con TechCrunch, il partner Damien Geradin ha evidenziato un paio di elementi che ha suggerito saranno punti focali per la causa: in primo luogo indicando che la commissione di Apple viene applicata in modo non uniforme, con solo il 16% delle app soggette ad essa come conseguenza di come (in modo incoerente) Apple applica la sua regola che addebita la commissione sulle app che forniscono contenuti digitali, con app come giochi, notizie e servizi di streaming che tendono a sostenere il peso maggiore dell'addebito mentre altre app scivolano sotto il radar.
Ha anche segnalato il fatto che Apple addebita anche agli sviluppatori una quota annuale del programma ($ 99).
E gli sviluppatori suggeriti hanno sempre più bisogno di pagare Apple per acquistare annunci di ricerca per avere la possibilità che il loro software venga scoperto dagli utenti iOS.
Il punto è che Apple ha una varietà di percorsi per monetizzare il negozio.
"Un altro elemento critico è che anche se il canone fosse zero, avresti comunque lo stesso App Store perché Apple non potrebbe vendere un singolo dispositivo senza app di valore come Tinder, Spotify, Netflix, app di notizie, app di giochi e simili", ha anche suggerito.
"È solo perché si sono creati un monopolio di distribuzione che sono in grado di riscuotere questa commissione straordinaria".
I dettagli (e l'equità) dei Termini e condizioni dell'App Store sono stati masticati da una serie di regolatori della concorrenza, tra cui la stessa Autorità per la concorrenza e i mercati (CMA) del Regno Unito, che ha aperto la sua indagine nel marzo 2021.
In alcuni mercati, tra cui l'Europa e l'Asia, abbiamo anche assistito ad azioni di contrasto da parte delle autorità di regolamentazione incentrate sui termini dei servizi di pagamento dell'App Store di Apple che l'hanno costretta a consentire a terze parti di utilizzare processori di pagamento alternativi, con un certo (limitato) impatto sulle commissioni addebitate.
Ma è giusto dire che la società non ha ancora dovuto affrontare un'importante resa dei conti normativa oltre l'addebito del 30%.
Tuttavia, le cause legali per danni potrebbero spostare l'ago del comportamento.
Anche se potrebbero volerci anni, al plurale, perché casi come questo emettano un verdetto (e qualsiasi pagamento di successo per gli sviluppatori).
Avviando ora la loro azione legale, i litiganti affermano che sperano che la loro causa possa essere unita a una causa dell'App Store esistente (incentrata sui danni ai consumatori) – alias Dr.
Rachael Kent contro Apple – che è stata presentata nel 2021 e chiede un risarcimento di 1,5 miliardi di sterline per conto dei consumatori del Regno Unito.
Quella causa è stata certificata ed è in attesa di giudizio presso il tribunale d'appello della concorrenza.
Premuti sui tempi della loro causa, e in particolare sul motivo per cui non hanno deciso di aspettare che l'indagine sull'App Store della CMA finisse prima di intentare una causa, hanno suggerito di non dover aspettare che le autorità di regolamentazione della concorrenza forniscano ulteriori prove del danno, indicando il lavoro di controllo già intrapreso in alcune giurisdizioni (incluso un importante studio sull'ecosistema del mercato mobile recentemente concluso dalla CMA).
"Se guardi lo studio di mercato dell'ecosistema mobile CMA, pubblicato pochi mesi fa, vedrai esattamente gli stessi risultati", ha affermato Geradin.
“Vedi che la redditività dell'App Store è compresa tra il 75% e il 100%.
È letteralmente un bancomat.
È una macchina per stampare denaro.
E siamo in disaccordo con questo.
E quindi non discutiamo che forniscano un servizio ma non per una commissione del 30% raccolta in modo discriminatorio.
I litiganti sottolineano anche l'analisi economica che hanno commissionato a Compass Lexecon – che suggeriscono mostra che il dominio del mercato di Apple le ha dato "profitti straordinari ed eccessivi a scapito del valore fornito dagli sviluppatori di app", come dicono loro.
"Un rapporto alla sottocommissione per il diritto antitrust, commerciale e amministrativo del comitato giudiziario della Camera degli Stati Uniti afferma che le entrate nette di Apple dal solo App Store sono state stimate in circa $ 15 miliardi nel 2020, salendo a $ 18,8 miliardi nel 2022.
Secondo lo stesso rapporto, l'ex Senior Director of App Store Review di Apple ha confermato che i costi di gestione per l'App Store erano inferiori a $ 100 milioni all'anno ", hanno anche scritto in un comunicato stampa annunciando la loro causa oggi .
Geradin ha aggiunto che si aspettano che il processo di scoperta legale fornisca qualsiasi altro dato rilevante necessario per portare a casa il loro reclamo per gli sviluppatori iOS con sede nel Regno Unito.
Nel caso della CMA contro l'App Store di Apple, nonostante oltre due anni di indagini, il procedimento non ha ancora portato ad alcuna applicazione pubblica.
Recentemente c'è stata una serie di notifiche di casi sulle estensioni delle tempistiche di revisione e analisi per l'esame delle informazioni raccolte.
Ma non è chiaro quando il regolatore possa prendere una decisione.
Non ci sono scadenze legali per tali casi, il che significa che un'indagine complessa può continuare a essere estesa se la CMA ritiene che sia necessario più tempo per garantire una revisione solida e approfondita.
(O, beh, per qualsiasi altra ragione che consideri importante.) "Non si sa mai con le autorità garanti della concorrenza", ha osservato anche Geradin, spiegando ulteriormente perché non stanno aspettando che la CMA emetta un verdetto.
“Ho passato la mia vita ad aspettare che agissero.
Quindi forse succederà qualcosa la prossima settimana, o forse succederà qualcosa l'anno prossimo.
Quindi è sempre un po' delicato aspettare cosa faranno, considerando che non si sa mai quando agiranno e cosa riguarderà l'azione".
Ha anche sottolineato che la causa sta chiedendo un risarcimento danni per conto degli sviluppatori per quelli che sostengono essere torti anticoncorrenziali che Apple ha già commesso.
Considerando che le autorità garanti della concorrenza si concentrano sulla correzione dei comportamenti abusivi in futuro.
“Loro [la CMA] possono richiedere ad Apple di cambiare comportamento, ma non fa nulla per il passato.
Considerando che una richiesta di risarcimento danni è per il passato e pensiamo che gli sviluppatori di app ne abbiano approfittato e dovrebbero essere risarciti per le azioni passate.
Quindi questi sono strumenti complementari ", ha affermato.
"Ma anche, non sappiamo quale sia lo scopo dell'indagine CMA – il CMA è stato molto silenzioso e discreto su ciò che stanno guardando." Negli ultimi anni, una serie di azioni legali collettive nel Regno Unito sono state intentate senza successo contro le principali aziende tecnologiche che chiedevano danni per violazioni della legge sulla privacy, in genere fallendo per sfide relative alla creazione di una classe (ad esempio, una recente richiesta di dati sanitari contro Google DeepMind o la causa per il monitoraggio di Safari contro Google).
Tuttavia, le cause per la privacy potrebbero non offrire molto di una guida su come potrebbero andare le azioni collettive della concorrenza.
Alla domanda su questo, i litiganti hanno espresso fiducia nei confronti della creazione di comunanza, poiché "tutti i nostri sviluppatori che vendono contenuti digitali sono trattati allo stesso modo", ha affermato Geradin.
Hanno anche suggerito di dimostrare che il danno legato all'abuso dell'antitrust dovrebbe essere più semplice rispetto ai casi sulla privacy in cui le discussioni sui danni e gli impatti possono essere più soggettive.
"C'è molta somiglianza con il danno qui perché stiamo parlando di una commissione del 30%", ha suggerito Ennis.
“Quindi confrontalo con il danno che subisci a causa di una violazione della privacy rispetto a qualcun altro.
.
.
Non ho intenzione di speculare sui fatti di quei casi ma, qui, il livello della commissione è solo noto e comune, e questo rende più facili alcuni aspetti della formazione di una classe.
L'azione collettiva britannica intentata contro Meta chiede 3,1 miliardi di dollari per violazione del diritto della concorrenza

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: