Biotech & Health

I governi africani stanno collaborando con gli innovatori per rafforzare le filiere sanitarie locali

L'anno scorso, la società di consulenza sanitaria globale Salient Advisory ha intervistato più di 80 aziende in quattro paesi africani per un rapporto che sottolineava la crescita delle startup che digitalizzano la catena di fornitura sanitaria del continente e i quadri normativi e di distribuzione che regolano le attività di e-pharmacy.
Questa volta, l'azienda è andata più a fondo nel segmento della filiera sanitaria africana, ampliando l'ambito della sua ricerca e apportando alcune modifiche.
Per prima cosa, ha cercato startup in 54 paesi (rispetto alle quattro dello scorso anno) e ha incluso aziende con offerte di filiera sanitaria verticalizzate.
Monitorando quasi 350 innovatori in 27 paesi, il rapporto 2023 di Salient Advisory stabilisce che le catene di approvvigionamento della sanità pubblica in tutto il continente sono sotto pressione e sovraccaricate, lasciando alla maggior parte degli africani poca scelta se non quella di procurarsi prodotti da innovatori sanitari privati.
Il problema, tuttavia, è che l'offerta sanitaria privata è frammentata dalla produzione alla distribuzione, con un impatto in ultima analisi su prezzo, disponibilità e qualità (i prodotti contraffatti e scadenti sono più disponibili nei mercati farmaceutici aperti in Africa rispetto alla medicina standard globale, ad esempio).
Pertanto, il rapporto di Salient Advisory, finanziato dalla Bill & Melinda Gates Foundation, cerca di rintracciare gli innovatori che sfruttano la tecnologia per digitalizzare i processi della catena di approvvigionamento e risolvere questi problemi.
“Una cosa da considerare che è accaduta dopo la pandemia in Nigeria, e in una certa misura a livello globale, sono le diverse carenze che abbiamo notato nelle forniture come i dispositivi di protezione individuale (DPI).
Questi problemi esistevano a causa delle lacune nelle catene di approvvigionamento sanitario ", ha dichiarato Yomi Kazeem, consulente senior per l'Africa occidentale presso Salient Advisory, durante una chiamata con TechCrunch.
"E quindi alla luce di ciò, è importante dare un'occhiata a come le startup sanitarie stanno utilizzando la tecnologia per cercare di migliorare le catene di approvvigionamento nel continente per garantire che le persone nelle aree urbane o nelle comunità rurali abbiano un accesso migliore e più sicuro ai prodotti sanitari".
I risultati di Salient Advisory mostrano anche come i governi africani (circa 11 dalla ricerca) stiano collaborando con gli innovatori della filiera sanitaria su quasi 50 partnership, sfruttando le loro soluzioni tecnologiche per risolvere le sfide a lungo termine relative alla disponibilità, all'accessibilità e alla qualità dei prodotti sanitari nelle filiere della sanità pubblica.
Circa la metà delle partnership identificate si concentra sul consentire ai governi di digitalizzare la gestione degli ordini e dell'inventario per migliorare l'efficienza e ridurre al minimo gli sprechi, evidenziando il forte interesse dei governi nell'adozione di soluzioni digitali per la gestione degli ordini e dell'inventario.
In un'intervista con TechCrunch, Kazeem analizza le scoperte di Salient, toccando l'importanza degli innovatori che lavorano in partnership con i governi, le lacune che devono essere colmate nonostante gli encomiabili sforzi, le disparità nei finanziamenti tra gli ecosistemi di innovazione della filiera sanitaria e un aggiornamento sull'iniziativa Investing in Innovation (I3) orientata verso le startup guidate da donne.
TechCrunch: il rapporto di Salient dello scorso anno conteneva rigorosamente gli innovatori nel segmento della filiera sanitaria privata.
Ma il rapporto di quest'anno include piattaforme di e-commerce B2B come Copia Global.
Perché? Yomi Kazeem: In primo luogo, il modo di pensare a questo è pensare ai segmenti delle aziende e il modo per classificarli è in ciò che offrono.
Nonostante sia una società di e-commerce, Copia Global, ad esempio, è stata inclusa perché i farmaci over-the-top sono uno dei prodotti che offre in Kenya, dove opera.
Dal momento che stiamo cercando di monitorare le startup e gli innovatori che utilizzano la tecnologia per migliorare l'accesso ai farmaci, sono presenti anche i grandi operatori di e-commerce, non solo Copia, ma altri come Glovo, Jumia e Konga.
Sebbene i prodotti per la salute non siano l'unica cosa che distribuiscono e siano probabilmente uno dei loro verticali più piccoli, è essenziale metterli in evidenza perché si tratta di canali e piattaforme significativi che potrebbero essere fondamentali per garantire un accesso maggiore e più ampio.
Quali altre nuove categorie sono state introdotte in questa ricerca? Quando pensi alle catene di approvvigionamento, devi pensare in modo ampio.
Non si tratta solo di chi gestisce una farmacia online che consente alle persone di ordinare prodotti.
Include piattaforme che consentono a farmacie, cliniche e ospedali di ordinare prodotti direttamente da un produttore o distributore e di ricevere tali prodotti, fornendo ai rivenditori soluzioni di finanziamento e credito.
Include quelli che offrono soluzioni per il trasporto, lo stoccaggio e la logistica inversa perché anche questi sono processi chiave della catena di approvvigionamento ed è qui che entrano in gioco operatori di consegna con droni come Zipline, che collabora con i governi per fornire forniture mediche essenziali alle strutture sanitarie pubbliche.
Hai aziende come Chekkit che costruiscono soluzioni attorno a questo.
Un altro sottoinsieme interessante che abbiamo visto, anche se non ci sono molti di questi tipi di aziende là fuori, sono quelli che sono coinvolti nell'analisi dei dati della catena di approvvigionamento, cercando di capire quali prodotti vengono consumati e aiutando anche le agenzie governative incaricate di distribuire farmaci per pianificare meglio la loro domanda e comprendere le tendenze di consumo.
I finanziamenti raccolti da queste aziende più grandi come Zipline e Glovo non distorcono i numeri riportati nella ricerca? Lo fa.
Le grandi società di e-commerce statunitensi ed europee e gli operatori di consegna di droni medici hanno rappresentato circa il 77% del denaro raccolto dagli innovatori nella nostra ricerca.
Anche se distorcono un po' i dati perché le loro operazioni non riguardano solo la salute, è qualcosa su cui siamo stati molto chiari e sinceri nello studio.
A parte la complessità dell'introduzione di nuovi innovatori nella ricerca, quali altre interessanti tendenze vale la pena evidenziare dal rapporto? Le parti più interessanti risiedono nelle principali startup della catena di approvvigionamento sanitario che stanno costruendo soluzioni adottate dai governi.
È una cosa enorme da vedere in questi ecosistemi in cui agenzie governative o governi, a livello nazionale o subnazionale, stanno sfruttando queste soluzioni per migliorare le catene di approvvigionamento della sanità pubblica.
Ci sono diversi esempi di questo in Kenya, dove Maisha Meds, una startup di gestione dell'inventario e mercato digitale, ha collaborato con ben tre diversi governi di contea nel paese e quei governi di contea stanno utilizzando la loro soluzione di gestione dell'inventario nelle strutture sanitarie pubbliche.
Le startup africane di tecnologia sanitaria nel segmento della catena di approvvigionamento mostrano una rapida crescita, stimolando un'iniziativa di investimento da 7 milioni di dollari.
In termini di impatto sulla vita reale, ad esempio, utilizzando quella soluzione tecnologica, le strutture sanitarie pubbliche possono gestire meglio le proprie scorte o ridurre al minimo gli sprechi perché ora hanno un'idea intelligente di quali prodotti sono disponibili o quando è probabile che avvenga la successiva scorta.
Senza uno strumento di questo tipo che fornisca loro tutte queste informazioni in anticipo, potrebbero avere molti prodotti scaduti nel loro inventario senza esserne pienamente consapevoli.
Quindi questo è solo un esempio di come queste soluzioni risolvano problemi reali per i governi.
Tra le categorie di servizi, le soluzioni fornite dalla categoria di gestione degli ordini e dell'inventario sono le più adottate dai governi di tutto il continente.
Ora, abbiamo identificato quasi 50 partnership in cui i governi hanno o stanno lavorando con innovatori, fondamentalmente utilizzando le loro soluzioni per migliorare la salute pubblica e la catena di approvvigionamento.
Questo è incredibile perché una cosa fondamentale da notare è che nel contesto della salute in tutta l'Africa, se queste aziende vogliono raggiungere la scala, lavorare con grandi acquirenti pubblici è essenziale per quel viaggio.
E quindi se i governi ordinano servizi a queste startup, questo è un percorso verso la scalabilità.
Al di là della scala, il vantaggio per il governo o le persone è che i vantaggi dell'utilizzo di quella soluzione tecnologica si tradurranno in un impatto sulla salute pubblica.
Il rapporto afferma che questi partenariati richiedono sostegno.
Questo è il sostegno del governo o di una terza parte? Qual è il contesto dietro questo? Parlando con funzionari governativi e startup, la realtà dell'esecuzione di partnership può essere impegnativa, soprattutto per quanto riguarda i finanziamenti.
Ad esempio, un governo statale ha chiesto a una startup di procurarsi un particolare tipo di prodotto; la dimensione dell'ordine valeva circa $ 250.000.
La startup non ha potuto accedere al finanziamento del credito necessario per soddisfare quell'ordine perché il governo non avrebbe pagato in anticipo.
E così quello che finì per accadere fu che il governo statale dovette ridurre le dimensioni di quell'ordine fino all'80%.
E così facendo, ha tagliato i prodotti essenziali, comprese le forniture chirurgiche e i materiali di consumo.
Con questo contesto in mente, la nostra raccomandazione qui è un ruolo che i donatori e le agenzie sanitarie globali devono svolgere nella progettazione di soluzioni e meccanismi di finanziamento commerciale e nel fornirli direttamente agli innovatori che lavorano con grandi aziende e governi.
Quegli innovatori nella fase iniziale possono accedere ai finanziamenti necessari per soddisfare ordini di grandi dimensioni e dimostrare la validità del loro servizio o il caso d'uso, e possono quindi costruire la possibilità a lungo termine di lavorare insieme al governo a un livello in cui c'è un rapporto e un flusso migliori in termini di fornitura del servizio e pagamento.
L'altra cosa da sottolineare riguardo alle nostre raccomandazioni per gli attori della salute globale è anche continuare a comprendere il ruolo delle sovvenzioni.
Quindi, una delle cose che abbiamo scoperto nella ricerca è che se guardi la sezione dei finanziamenti, l'equità è la fonte di finanziamento più comune.
Ma quando si disaggrega per aziende fondate da uomini e donne, ci si rende conto che l'equità non è ugualmente disponibile per le donne come lo è per gli uomini.
Abbiamo una realtà in cui le startup fondate da donne fanno molto affidamento su sovvenzioni e debiti rispetto a quelle fondate da uomini.
Per mettere questo in prospettiva, di tutto il denaro che le startup fondate da uomini hanno raccolto, il 96% è equity, il 3% sovvenzioni e l'1% debito.
Per le donne, è il 50% di capitale proprio, il 35% di sovvenzioni e il 15% di debito.
Abbiamo parlato con le donne fondatrici e le parti interessate e abbiamo incluso nel rapporto un caso di studio incentrato sull'agenda in cui abbiamo esplorato alcune delle ragioni sistemiche che guidano le barriere che le donne fondatrici devono affrontare negli ecosistemi della catena di approvvigionamento sanitario.
Sono emerse alcune ragioni, come l'accesso ineguale ai finanziamenti, il pregiudizio di genere incorporato nei comitati di selezione e le imprese guidate da donne percepite come più rischiose quando investono rispetto agli uomini, anche se gestiscono attività a livelli simili.
Fondamentalmente, le sovvenzioni sono ancora fondamentali in termini di creazione di ecosistemi di innovazione più equi perché, in definitiva, c'è un ruolo importante da svolgere per le aziende fondate dalle donne.
Questo è uno dei motivi per cui l'iniziativa tecnologica sanitaria panafricana da 7 milioni di dollari Investing in Innovation (I3) è stata lanciata lo scorso anno, giusto? Quali sono stati i progressi su questo fronte? Il primo anno si è appena concluso e 31 diverse startup sono state selezionate e hanno ottenuto sovvenzioni.
Stiamo ora entrando nel secondo anno, durante il quale verranno selezionate anche altre 30 aziende in tutta l'Africa.
L'iniziativa rafforza il nostro punto di vista perché quando si guardano le fonti di finanziamento per questi innovatori, il programma Investing Innovation, lanciato proprio l'anno scorso, è in cima a quella lista.
È la fonte di finanziamento più comune per le catene di approvvigionamento sanitario nel continente perché hanno partecipato a 31 accordi, fornendo essenzialmente sovvenzioni.
E poi, naturalmente, spiccano anche gli altri programmi di sovvenzione come la Bill & Melinda Gates Foundation (che investe direttamente) e alcune persone azionarie.
Plug and Play Ventures e Launch Africa sono in cima alla lista in termini di fonti di finanziamento azionario.
Ma mette in evidenza il ruolo che le concessioni giocano e il programma stesso è progettato per porre l'accento prima sui fondatori africani ma anche, ovviamente, per prestare particolare attenzione alle startup che le donne hanno fondato.
Nella prima coorte, circa il 48% delle aziende selezionate sono state fondate da donne fondatrici e credo che lo stesso pensiero intenzionale sia in atto per quest'anno; forse potrebbe essere portato a un livello maggiore e più alto.
Quali lezioni sulle start-up in fase iniziale e sulle partnership con il governo porta a casa la ricerca? Le aziende nascenti e precoci in genere si concentrano sul servire i consumatori, ma man mano che crescono e raggiungono una maggiore maturità, hanno un po' più di larghezza di banda per essere flessibili.
E vediamo una maggiore diversità in chi servono man mano che maturano, motivo per cui vediamo molte collaborazioni con il governo.
Il programma I3 si sta anche sforzando di presentare le startup ai governi e, in alcuni casi, ad altre parti interessate del settore, compresi i produttori.
Tutto ciò è importante per garantire che le startup possano passare da dove sono all'inizio o all'inizio della fase di crescita per stabilire se stesse e le imprese.
Il vantaggio va in entrambe le direzioni, specialmente lavorando con i governi.
Una cosa su cui ci siamo spesso interrogati o esaminati è la disposizione del governo all'innovazione.
È spesso percepito come contraddittorio.
Questo è il pensiero.
Ma qui vediamo i governi da soli che cercano soluzioni e le adottano.
Il feedback generale quando ci impegniamo con gli attori del governo è che c'è molto interesse nel modo in cui i governi vedono le partnership.
È ancora presto.
E quindi la speranza e l'aspettativa è che nei prossimi mesi e anni vedremo molte più collaborazioni.
Una cosa che è importante sottolineare, oltre al ridimensionamento delle startup, è il vantaggio e l'impatto nella vita reale dei governi che utilizzano la tecnologia nei sistemi sanitari pubblici per garantire un accesso più sicuro a medicinali di qualità.
Ciò si traduce in migliori risultati di salute positivi per individui e posti di lavoro, il che è fantastico in questo ecosistema.

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...