Lo strumento anti-molestie di Block Party per Twitter sta andando in pausa

Ora che l'accesso alle API di Twitter è bloccato dietro un alto paywall, le amate app di terze parti si stanno chiudendo.
L'ultimo a mordere la polvere è Block Party, uno strumento anti-molestie che ha aiutato le persone a stare al sicuro da molestie mirate su Twitter.
“Siamo addolorati perché non saremo in grado di aiutarti a proteggerti da molestatori e spammer sulla piattaforma, almeno per ora; abbiamo lottato molto duramente per rimanere e siamo così dispiaciuti di non essere riusciti a realizzarlo ", ha scritto Block Party in un post sul blog.
La società ha affermato di aver aiutato gli utenti a bloccare e silenziare milioni di troll negli ultimi quattro anni, ma a partire dal 31 maggio andrà in pausa a tempo indeterminato.
Abbiamo un aggiornamento difficile da condividere: il prodotto Twitter di Block Party andrà in pausa a tempo indeterminato a partire da domani.
Abbiamo lottato duramente per rimanere qui, ma i recenti cambiamenti lo hanno reso impossibile per ora.
Ci dispiace tanto che si sia arrivati a questo.
— Block Party (@blockpartyapp_) 30 maggio 2023 Sotto la proprietà di Elon Musk, Twitter ha alienato gli sviluppatori.
La piattaforma è iniziata con la chiusura di Toolbox, che mostrava il lavoro di sviluppatori di terze parti.
A gennaio, famosi client di terze parti come Tweetbot e Twitterific hanno smesso di funzionare senza preavviso.
E infine, pochi mesi dopo, Twitter ha completamente reciso i legami con molti sviluppatori offrendo l'accesso tramite paywall alla sua API.
Il livello base per l'accesso alle API è di $ 100 al mese, ma gli sviluppatori hanno scoperto che questo non può sostenere la maggior parte dei progetti.
Il paywall ostacola anche il lavoro di ricercatori e accademici, molti dei quali non dispongono dei finanziamenti istituzionali necessari per spendere migliaia di dollari per dati che prima erano gratuiti.
Secondo il fondatore di Block Party Tracy Chou, Twitter aveva contattato in modo proattivo Block Party nei giorni precedenti a Musk per lavorare insieme in tandem.
Ma quei giorni sono finiti per la fiorente comunità di sviluppatori di Twitter, per la quale la perdita di Block Party è l'ennesimo colpo.
"Sono ovviamente triste che dobbiamo mettere in attesa i nostri prodotti Twitter in questo momento, per tanti motivi ma non ultimo perché anch'io sono un utente di block party", ha twittato Chou martedì sera.
"L'ho costruito perché sapevo quanto fosse dannoso per la mia salute mentale dover vedere merda nelle mie menzioni tutto il giorno." Per fortuna, questa non è la fine della strada per Block Party come azienda.
Block Party ha raccolto un seed di 4,8 milioni di dollari lo scorso settembre per consentire alla piattaforma di espandere i suoi strumenti anti-molestie e privacy oltre Twitter.
Ora che l'app è costretta a chiudere il suo prodotto di punta, sarà ancora più cruciale sviluppare con successo il suo prossimo strumento, Privacy Party.
Come prodotto, Block Party potrebbe essere utilizzato per aiutare gli utenti a curare un'esperienza Twitter più sicura, ma era più noto per aiutare le persone a superare i momenti di crisi, come le campagne di molestie mirate.
Privacy Party è concepito più come uno strumento proattivo.
Al momento del lancio, l'estensione offre agli utenti consigli sulla privacy per Facebook, Twitter e Venmo e prevede di implementare in futuro Instagram, TikTok e LinkedIn.
"Spesso nel mondo della sicurezza dei social media, non è chiaro cosa dovresti fare o quali decisioni devi prendere", si legge nell'annuncio di Privacy Party.
L'obiettivo dell'estensione del browser è rendere queste decisioni sulla privacy più chiare e semplici, poiché possono essere difficili da navigare.
"Una volta che hai deciso quali limiti vuoi, le automazioni vanno a fare il lavoro confuso e noioso di trovare le giuste impostazioni e implementarle".
In concomitanza con l'annuncio che Block Party sarà interrotto, la società ha annunciato che Privacy Party è disponibile in alpha test per i clienti esistenti di Block Party.
"Questa non è la prima battuta d'arresto che abbiamo sperimentato nella nostra lotta per rendere Internet più sicuro per tutti, e non sarà l'ultima", ha scritto Block Party nel suo post sul blog.
"È anche un altro esempio del motivo per cui non ci si può fidare delle grandi piattaforme di social media per fare la cosa giusta per la sicurezza degli utenti senza regolamentazione o altri incentivi significativi".
Block Party, uno strumento per combattere le molestie online, raccoglie un seed da 4,8 milioni di dollari Lo strumento anti-molestie di Block Party per Twitter andrà in pausa di Amanda Silberling originariamente pubblicato su TechCrunch

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: