L'anatomia di un obiettivo di contenzioso brevettuale

La protezione della proprietà intellettuale (PI) può essere una parte vitale del viaggio di un'azienda da giovane a un colosso da miliardi di dollari, salvaguardando tutto il duro lavoro dei suoi tecnologi e aumentando il valore dell'azienda per gli investitori o potenziali acquirenti.
Ma come abbiamo visto innumerevoli volte nel corso degli anni, l'IP può anche essere utilizzato come arma.
Le guerre sui brevetti sono state un pilastro dell'era della tecnologia moderna, con alcune delle più grandi aziende del mondo coinvolte in tête-à-tête di alto profilo, da Apple contro Samsung, Qualcomm e Nokia, a Google contro Sonos, Twitter contro IBM e molti altri.
Mentre alcune di queste chiacchiere sui brevetti potrebbero derivare da autentiche violazioni della proprietà intellettuale, ci sono molti esempi di brevetti utilizzati in modo improprio esclusivamente a scopo di lucro.
Questa è una paura che sta emergendo all'indomani dell'acquisizione da 6 miliardi di dollari di Micro Focus da parte di OpenText, un accordo concluso sei mesi fa.
Entriamo nei dettagli completi di quella storia qui.
Ma il lungo e breve è che OpenText ha raccolto migliaia di brevetti concessi e in attesa attraverso l'acquisizione; Micro Focus sta ora rinunciando alla sua appartenenza all'organizzazione di appartenenza ai troll anti-brevetto LOT Network; e molti rimangono a chiedersi cosa accadrà dopo.
OpenText non è estraneo all'affermazione dei brevetti ed è già stato accusato di comportarsi come un troll di brevetti sulla scia dell'acquisizione nel 2019 della società di sicurezza dei dati Carbonite, un accordo che ha portato a procedimenti legali in corso contro CrowdStrike, Kaspersky, Sophos, e TrendMicro.
Tutto ciò porta a una domanda: che aspetto avrà un obiettivo di contenzioso sui brevetti nel 2023? E c'è qualcosa in particolare che potrebbe rendere un'azienda più suscettibile alle azioni legali di un'altra? Minaccia di NPE Il costo che le entità non praticanti (NPE), o "patent troll", hanno sull'innovazione è considerevole, in particolare con un impatto sulle startup e scale-up che manovrano nel mondo della ricerca e sviluppo, sebbene le società da miliardi di dollari di lunga data siano tutt'altro che anche immune.
Un rapporto pubblicato all'inizio di quest'anno da LOT Network, condotto dalla società di consulenza IP Hightech Solutions (HTS), ha approfondito esattamente questo aspetto.
La minaccia NPE: fonti di brevetto e caratteristiche dell'obiettivo del contenzioso ha esplorato l'attività di contenzioso relativa alle NPE dal 2017 al 2022, utilizzando i dati forniti da Unified Patents relativi a oltre 6.000 imputati citati in giudizio da NPE nel periodo.
Come ci si potrebbe aspettare, aziende del calibro di Google, Amazon, Samsung e Apple figurano in cima all'elenco degli imputati più frequentemente presi di mira nelle controversie sui brevetti.
Tuttavia, parte del compito del rapporto era scoprire fino a che punto le NPE rappresentano una minaccia per le aziende più piccole, quelle in procinto di diventare grandi che potrebbero avere molto in gioco.
Inoltre, queste aziende potrebbero non disporre sempre di considerevoli risorse legali.
I dati suggeriscono che, mentre negli ultimi anni le controversie sui brevetti "legittime" da parte delle società operative sono leggermente diminuite, quelle avviate dalle NPE sono "costantemente aumentate", principalmente a causa del numero di attività brevettuali "in vendita sul mercato aperto e della disponibilità di contenziosi finanziamenti”.
"È abbastanza comune per le NPE, piuttosto che finanziare o finanziare se stesse, [entrare in contatto] con un'entità di finanziamento del contenzioso che sostanzialmente paga il contenzioso e poi ottiene un taglio sull'affermazione", l'avvocato per la proprietà intellettuale Patrick McBride, che di recente ha diretto Programmi IP di Red Hat, spiegati a TechCrunch.
"E come puoi immaginare, questo cambia parecchio il gioco, perché l'NPE ha risorse finanziarie significative che li sostengono e quello che stanno cercando di fare." Circa il 60% di tutti i contenziosi sui brevetti lo scorso anno è derivato da NPE.
Ma le caratteristiche che rendono un'azienda "più o meno probabile" essere presa di mira da una frivola causa legale sui brevetti, come identificate nel rapporto, rendono interessante la lettura.
Il report parte dall'ipotesi che le NPE possano essere motivate da tempi legati all'IPO di una società.
Ad esempio, le startup che si avvicinano a una quotazione pubblica vorranno sistemarsi rapidamente, mentre quelle che hanno appena completato un'IPO potrebbero avere a disposizione un capitale extra.
Delle 247 società identificate dagli obiettivi del contenzioso NPE che sono diventate pubbliche dal 2012 al 2022, il 30% del primo contenzioso si è svolto quattro anni o più dopo la data dell'IPO.
Ma al contrario, il 39 percento del contenzioso NPE ha avuto luogo nei due anni precedenti e successivi a un'IPO.
Il rapporto ha osservato: Questa scoperta supporta l'ipotesi che stavamo esplorando e significa che il periodo prima e dopo un'IPO è un momento di rischio elevato che un'azienda diventi l'obiettivo di una o più azioni legali NPE.
Seleziona contenzioso NPE (2017-2021) e dati finanziari (IPO dal 2012 al 2022) Crediti immagine: rete HTS / LOT Il rapporto suggerisce anche che gli NPE potrebbero tenere conto dei finanziamenti raccolti dai suoi obiettivi, con il numero medio di round raccolti a quasi quattro: ciò significa che da qualche parte intorno alla fase da serie C a D è interessante per le NPE, con l'importo medio del finanziamento raccolto prima del primo contenzioso che si attesta a $ 65 milioni.
Il rapporto aggiungeva: Tutto questo ha senso, in quanto, negli affari, è sempre più allettante citare in giudizio un obiettivo che ha tasche profonde, rispetto a uno notoriamente scarso di risorse finanziarie.
Riepilogo delle azioni legali NPE contro società private entro la prima data del contenzioso NPE (giri di finanziamento annunciati 2017-2022) Crediti immagine: rete HTS / LOT Questi dati potrebbero non raccontare l'intera storia, ovviamente.
Non tutte le minacce di contenzioso entrano nella sfera pubblica; alcuni potrebbero sistemarsi il prima possibile prima di attirare l'attenzione.
Ma supporta ancora l'idea che i troll dei brevetti adottino un approccio abbastanza mirato ai loro tentativi di contenzioso.
"Gli NPE sono attratti dal denaro e vogliono soldi facili", ha detto McBride.
“Sono attratti da entità con prodotti sul mercato che possono analizzare e almeno fare un'affermazione colorabile che sono coperti dai loro brevetti.
Più i tuoi prodotti sono sul mercato, visibili ai consumatori e simili, più è probabile che tu sia il bersaglio di un'affermazione.
Lacrime di una nuvola Ci sono alcuni esempi del mondo reale che aiutano a illustrare alcuni di questi dati.
Ciò include Cloudflare, che è attualmente nel bel mezzo di un secondo round di contenzioso sui brevetti iniziato nel 2021, circa due anni dopo che la società è diventata pubblica.
Tuttavia, il gigante dell'infrastruttura web è stato inizialmente preso di mira da un altro troll di brevetti nel 2017, esattamente due anni prima della quotazione in borsa.
Piuttosto che acconsentire, Cloudflare è passato all'offensiva e ha lanciato una campagna di crowdsourcing chiamata Project Jengo.
Ciò è avvenuto in risposta a Blackbird Technologies, uno studio legale che era riuscito ad acquisire dozzine di brevetti prima di intentare causa contro diverse società, tra cui Cloudflare.
Il progetto Jengo è stato (ed è tuttora) presentato come un "concorso", con Cloudflare che offre ricompense finanziarie alle persone che aiutano a condurre ricerche sull'arte precedente per aiutare a combattere il suo caso.
Cloudflare è emerso vittorioso nel 2019 poco prima della quotazione alla Borsa di New York (NYSE), ma due anni dopo è stato preso di mira da un altro troll di brevetti.
E sebbene circa il 90% di quelle affermazioni fatte contro di essa siano state respinte all'inizio di quest'anno, Cloudflare dovrà affrontare alcune di queste affermazioni in tribunale entro la fine dell'anno.
Il consigliere generale di Cloudflare, Doug Kramer, ha riconosciuto che le startup pre-IPO potrebbero sembrare un obiettivo più allettante per gli NPE, ma forse non è così chiaro.
"Non sono sicuro che abbiamo visto una strategia chiara o un obiettivo nel diluvio di lettere di minaccia e azioni legali minacciate perseguite da troll di brevetti", ha spiegato Kramer a TechCrunch.
“Una volta che un NPE entra in possesso di un brevetto, spesso invia lettere a tutti coloro che potrebbero plausibilmente essere citati in giudizio per violazione di tale brevetto, comprese le società in fase iniziale, o persino un'azienda che acquista un prodotto al dettaglio dallo scaffale realizzato da un società che l'NPE può ritenere stia violando.
Lanciano un'ampia rete e vedono cosa riescono a raccogliere.
L'alternativa al contrattacco, secondo Kramer, sarebbe stata probabilmente quella di accontentarsi di una somma "bassa a sei cifre".
Tuttavia, la preoccupazione maggiore qui riguardava la creazione di un precedente, incoraggiando affermazioni più frivole più avanti lungo la strada.
"Abbiamo davvero visto che il rischio principale era quello di spalare più carbone nel motore di questa locomotiva ruggente", ha detto Kramer.
"Non volevamo perpetuare quel sistema e pensavamo che ci fosse un modo per poter pagare di più a breve termine e provare a mettere noi stessi, e l'industria in generale, in una posizione migliore a lungo termine".
Il fatto che Cloudflare stia affrontando un secondo round di contenzioso sui brevetti potrebbe suggerire che le tattiche combattive dell'azienda non hanno funzionato come deterrente.
Ma Kramer sostiene che si tratta più di ridurre piuttosto che rimuovere completamente le possibilità di essere presi di mira.
"Pensiamo decisamente che Project Jengo possa scoraggiare i futuri troll, sia contro Cloudflare in particolare che contro le aziende in generale", ha affermato.
“I deterrenti hanno successo se diminuiscono il flusso dei casi, anche se non li eliminano del tutto.
E siamo sicuramente a conoscenza di alcune denunce o minacce di denunce che sono state ritirate quando i troll sono venuti a conoscenza delle nostre pratiche".
La startup vulnerabile di veicoli autonomi Oxa (ex Oxbotica) è una startup che si sta avvicinando a una fase in cui i troll dei brevetti potrebbero iniziare a prestarvi attenzione, avendo recentemente chiuso un round di finanziamento di serie C da 140 milioni di dollari.
La società ha depositato circa 8 brevetti, di cui uno concesso al momento della scrittura.
Alex Tame, responsabile delle licenze e della gestione della proprietà intellettuale di Oxa, afferma che sebbene non preveda controversie sui brevetti nell'immediato futuro, le cose potrebbero cambiare man mano che il suo profilo cresce.
"Come piccola azienda nel Regno Unito, probabilmente non siamo davvero sul radar per molte delle aziende 'problematiche' là fuori", ha detto Tame.
"Mentre iniziamo a crescere e il nostro marchio inizia a ricevere un po' più di complimenti, saremo sul radar di qualcuno da qualche parte." Le aziende di intelligenza artificiale, comprese le startup simili a Oxa che stanno lavorando su veicoli autonomi, sono state mature per l'acquisizione negli ultimi anni.
Parte di questo è stato guidato dalla necessità di talenti tecnici di alto livello, ma anche la proprietà intellettuale è stata una componente centrale.
Quando Amazon, ad esempio, ha distribuito 1,2 miliardi di dollari per la startup automobilistica a guida autonoma Zoox nel 2020, ha raccolto più di 150 brevetti, tra cui tecnologie di controllo automatico della velocità, segnalazione e assistenza alla guida, secondo Forbes all'epoca.
Sebbene non ci siano state molte controversie sulla proprietà intellettuale nel regno dell'IA in generale, siamo ancora nella fase relativamente nascente di una rivoluzione dell'IA in rapida crescita e le cose possono cambiare rapidamente man mano che più giocatori cercano di affermare la propria autorità (e IP ) sui rivali.
Lo sviluppatore di ChatGPT OpenAI è attualmente in procinto di registrare il marchio "GPT" con l'Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti (USPTO), un presagio forse di ciò che accadrà lungo la strada per startup, scaleup e colossi aziendali che cercano di ottenere la loro fetta di Torta AI da trilioni di dollari.
Ciò non significa necessariamente che stiamo per assistere a un vortice di azioni legali e contro-cause, ma con l'hype train dell'intelligenza artificiale che prende piede, le aziende inizieranno almeno a mettersi sulla difensiva con le loro misure di proprietà intellettuale in modo da avere una base per proteggere loro stessi.
Questo non è limitato ai brevetti, ma ai marchi, al diritto d'autore ea tutto il resto.
Questo è in parte il motivo per cui uno dei primi compiti di Tame quando è entrato a far parte di Oxa nel 2019 è stato quello di costituire l'azienda con l'adesione a LOT Network, la coalizione senza scopo di lucro che protegge le aziende associate concedendo automaticamente licenze incrociate ai loro brevetti se cadono nelle mani di un brevetto entità di asserzione (PAE – un concetto simile a un NPE, che LOT definisce come un'entità che ricava più della metà del suo reddito dall'applicazione di brevetti).
LOT conta migliaia di membri, inclusi alcuni dei rivali più ricchi di Oxa.
"Non siamo in un settore che – al momento – sarà litigioso", ha detto Tame.
“Non siamo un'industria che inizierà a litigare l'uno con l'altro, anche se ciò potrebbe avvenire in seguito.
Guarda chi sono i membri della rete LOT e la maggior parte dei nostri concorrenti sono nella rete.
Quindi è stato un gioco da ragazzi: se ci siamo uniti alla rete LOT, otteniamo una certa protezione da [come] Google, Uber e Aurora.
(Sebbene questa protezione si estenda solo agli scenari in cui i brevetti dei membri LOT cadono nelle mani di un NPE/PAE).
Anche se potrebbe non esserci sempre una strategia convincente o coerente nel playbook del troll sui brevetti, sembra che ci sia qualcosa di un punto debole in termini di aspetto di un contenzioso ideale o di un obiettivo di licenza.
Certo, Google o Intel potrebbero essere bersagli succosi, ma sono anche dotati di risorse adeguate e esperti nell'affrontare i contenziosi.
"La cosa da capire sugli NPE è che non riguardano i meriti della loro invenzione, riguardano la negoziazione della leva finanziaria per massimizzare i soldi che ottengono – questo è il gioco a cui stanno giocando", ha detto McBride.
"E così quando sei una società pre-IPO, o sei una piccola azienda che desidera essere acquisita privatamente, sei in uno stato vulnerabile." L'idea è che qualsiasi società pre-IPO che potrebbe essere soggetta a due diligence, prima di una quotazione pubblica, di un round di finanziamento o di una potenziale acquisizione, vorrà che l'ispezione proceda nel modo più agevole possibile.
Qualsiasi controversia persistente, spuria o meno, è un'importante bandiera rossa nel processo di due diligence.
Pertanto, i patent troll potrebbero essere attratti da tali scenari, dal momento che la startup potrebbe essere un po' più disposta a risolvere il caso.
"Ho svolto due diligence su società che speravano di essere acquisite, erano soggette a un'asserzione o a un contenzioso NPE e questo ha ucciso l'affare", ha detto McBride.
"Gli NPE lo sanno e specificatamente programmano i loro attacchi proprio per un evento del genere".

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: