Lo sfidante di Google Neeva rinuncia alla ricerca dei consumatori, punta tutto sull'intelligenza artificiale e sull'impresa

Il motore di ricerca Challenger Neeva non esiste più, almeno nella sua forma attuale, poiché la società con sede a Mountain View, in California, ha rivelato che sta chiudendo la sua attività di consumo.
I fondatori Sridhar Ramaswamy e Vivek Raghunathan hanno scritto ieri in un post sul blog di aver affrontato sfide significative per attirare nuovi utenti che, combinati con il difficile contesto economico che tutte le aziende devono affrontare attualmente, significa che non è più possibile continuare il suo corso attuale.
"Non c'è più un percorso verso la creazione di un business sostenibile nella ricerca dei consumatori", hanno scritto.
"Di conseguenza, nelle prossime settimane, chiuderemo neeva.com e il nostro prodotto di ricerca dei consumatori, spostandoci su una nuova area di interesse".
Fondata nel 2019 dagli ex googler Ramaswamy e Raghunathan, Neeva ha lanciato negli Stati Uniti un motore di ricerca senza pubblicità e solo in abbonamento (cioè a pagamento) due anni fa, prima di aggiungere un livello gratuito al mix sei mesi dopo.
Nei mesi successivi, Neeva ha affermato di aver accumulato più di 600.000 utenti, sebbene la stragrande maggioranza di questi avesse un piano gratuito.
Alla ricerca della crescita, Neeva ha intrapreso un rapido esercizio di espansione globale a partire dall'Europa a ottobre, quindi ha iniziato a provare a reinventare l'intera esperienza di ricerca con un nuovo motore di intelligenza artificiale generativa che combinava più risultati e fonti per creare un'unica risposta.
Morte ai "10 collegamenti blu" era l'idea generale.
NeevaAI in azione Crediti immagine: TechCrunch Neeva aveva anche lavorato a un'app di ricerca AI generativa autonoma chiamata Gist e, sebbene fosse già stata resa disponibile su Android, il suo lancio iOS pianificato alla fine di marzo è stato continuamente ritardato con pochi ostacoli di una spiegazione.
David vs.
Goliath & Goliath Il numero di licenziamenti nella sfera tecnologica nell'ultimo anno è un chiaro indicatore dei duri venti contrari economici che anche le aziende più grandi stanno affrontando, qualcosa a cui Neeva non sarà stata immune.
La società aveva raccolto oltre $ 75 milioni sin dal suo inizio, anche da sostenitori di grandi nomi come Sequoia e Greylock, ma più di due anni dopo il suo rilancio in serie B, Neeva avrebbe probabilmente dovuto pensare a un round di serie C – qualcosa che, alla fine, chiaramente non era imminente.
Mentre la promessa di Neeva di una vera alternativa a Google si basava in gran parte su un'esperienza senza pubblicità e sul proprio stack di ricerca, la linea di fondo è che sarebbe sempre stata un'impresa erculea far cadere Google dal suo alto trespolo.
Questo è qualcosa che il suo ricco rivale Microsoft ha cercato di fare negli ultimi tempi iniettando un po' di ChatGPT di OpenAI nel suo motore di ricerca Bing, spingendo Google ad accelerare i propri sforzi nello spazio con Bard.
Quindi questo era evidentemente un affare David vs.
Goliath & Goliath, anche se Neeva aveva qualche sostegno da altri sfidanti come You.com e Brave.
Ciò che è chiaro da tutto ciò è che Neeva non aveva visto la crescita che né lei né i suoi investitori avevano sperato.
Tuttavia, i due fondatori sono fermamente convinti che convincere gli utenti a pagare per una ricerca senza pubblicità non fosse la parte difficile: la sfida principale era in realtà convincerli a passare dai grandi nomi storici (principalmente Google).
"Contrariamente alla credenza popolare, convincere gli utenti a pagare per un'esperienza migliore era in realtà un problema meno difficile rispetto a convincerli a provare un nuovo motore di ricerca in primo luogo", hanno scritto i fondatori.
“Durante questo viaggio, abbiamo scoperto che una cosa è costruire un motore di ricerca e una cosa completamente diversa è convincere gli utenti abituali della necessità di passare a una scelta migliore.
Dall'inutile attrito richiesto per modificare le impostazioni di ricerca predefinite, alle sfide nell'aiutare le persone a capire la differenza tra un motore di ricerca e un browser, acquisire utenti è stato davvero difficile.
Ricerca aziendale Nell'ambito della chiusura dell'attività dei consumatori, Neeva ha affermato che emetterà rimborsi a coloro che hanno abbonamenti a pagamento e cancellerà tutti i dati degli utenti.
Ma questo non significa necessariamente la fine per Neeva.
La società aveva precedentemente accennato ad alcuni futuri piani di monetizzazione oltre agli abbonamenti a pagamento, inclusi accordi di licenza per potenziare la ricerca di applicazioni all'interno delle aziende, e questa potrebbe essere una strada che persegue con maggiore fretta, ora che sta chiudendo la parte principale della sua attività.
All'inizio di questa settimana, sono emerse notizie secondo cui Neeva stava discutendo con il gigante del cloud Snowflake su una possibile acquisizione e, alla luce delle notizie secondo cui Neeva si sta allontanando dal consumatore, un simile accordo ha molto senso.
Essenzialmente, prendendo il lavoro che ha già svolto con i modelli di linguaggi di grandi dimensioni (LLM) e la ricerca e mettendolo in pratica in casi d'uso molto specifici, in particolare all'interno di un'azienda che non vuole fare affidamento sulla tecnologia fornita da aziende come Google o Microsoft, o non vuole iniziare il proprio sviluppo interno da zero.
Ma Neeva non ha ancora confermato alcun piano specifico per il futuro, sia che si tratti di parte di un'impresa più grande o di concedere in licenza la sua tecnologia affinché altri possano utilizzarla.
"Nell'ultimo anno, abbiamo visto la chiara e urgente necessità di utilizzare gli LLM in modo efficace, economico, sicuro e responsabile", hanno concluso i fondatori.
“Molte delle tecniche di cui siamo stati pionieri con modelli di piccole dimensioni, riduzione delle dimensioni, riduzione della latenza e implementazione economica sono gli elementi che le aziende vogliono davvero e di cui hanno bisogno oggi.
Stiamo esplorando attivamente come possiamo applicare la nostra esperienza di ricerca e LLM in questi contesti e forniremo aggiornamenti sul futuro del nostro lavoro e del nostro team nelle prossime settimane.
Lo sfidante di Google Neeva rinuncia alla ricerca dei consumatori, punta tutto sull'intelligenza artificiale e l'impresa di Paul Sawers originariamente pubblicato su TechCrunch

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: