Oracle lancia il suo "cloud sovrano" per i clienti dell'UE

Oracle lancia formalmente il suo "EU Sovereign cloud" per i clienti dell'Unione Europea (UE) oggi, quasi un anno dopo la prima rivelazione dei piani per l'iniziativa.
La cosiddetta "sovranità digitale" è emersa come una questione critica per le aziende che operano in tutta l'UE, guidata da normative esistenti come GDPR e normative imminenti come AI Act e Privacy Shield 2.0.
Inoltre, le organizzazioni private e pubbliche sono diventate sempre più preoccupate per come i loro dati potrebbero essere sfruttati dai colossi della Big Tech ospitati a migliaia di chilometri di distanza.
Questo è il motivo per cui abbiamo visto uno sforzo concertato da parte delle aziende che cercano di placare tali timori portando i dati e i relativi controlli più vicino a dove si trovano i loro clienti.
Microsoft ha lanciato il suo Cloud for Sovereignty lo scorso luglio, rivolto direttamente alle organizzazioni del settore pubblico, in particolare in Europa, che desiderano non solo l'archiviazione e l'elaborazione dei dati più vicino a casa, ma anche controlli più granulari e maggiore trasparenza.
Google, nel frattempo, ha rafforzato le sue credenziali di sovranità dei dati in vari modi, comprese partnership sorprendenti con attori locali sul campo, come i T-Sytems di Deutsche Telekom in Germania.
AWS di Amazon, nel frattempo, ha giocato un po' più freddamente, con il chief security officer Stephen Schmidt che ha definito il cloud sovrano "un termine di marketing più di ogni altra cosa", indicando i controlli esistenti sulla residenza dei dati che offre in Europa.
Sei mesi fa, tuttavia, AWS ha infatti svelato il suo cosiddetto "impegno di sovranità digitale", sancendo i suoi impegni di controllo dei dati nelle scritture.
E poi abbiamo artisti del calibro di TikTok, che ha avuto un'importante offensiva di fascino in Europa, che include la migrazione ai data center europei, sebbene questo sia stato colpito da ripetuti ritardi.
Andare a livello locale Con una quota di mercato dei servizi di infrastruttura cloud combinata di circa due terzi, Amazon (AWS), Microsoft (Azure) e Google (Google Cloud Platform) sono in genere raggruppati come i "tre grandi", con Oracle che abita uno spazio appena fuori che include "altri" giocatori come IBM e Alibaba.
Come con le sue controparti, Oracle offre già un'infrastruttura localizzata per i suoi clienti europei per archiviare ed elaborare i loro dati, ma la sua nuova offerta EU Sovereign Cloud promette di estenderla garantendo che tutte le operazioni interne e le responsabilità dell'assistenza clienti siano conferite anche ai residenti dell'UE, insieme a nuovi framework su come Oracle archivia e gestisce l'accesso ai dati dei clienti.
Ciò include entità legali completamente separate che sono state incorporate all'interno dell'Unione Europea e un'architettura tecnologica che esiste sulla propria infrastruttura separata dalle altre regioni commerciali di Oracle, comprese quelle in Europa.
Ciò sarà di particolare importanza per le organizzazioni del settore pubblico o le aziende altamente regolamentate che finora sono state riluttanti a passare al cloud a causa dei dati sensibili di cui sono responsabili.
E mentre è vero che altri fornitori di servizi cloud si sono allineati con la campagna pubblicitaria sulla sovranità dei dati, Oracle afferma che uno dei suoi principali punti di forza è che sta mettendo il suo servizio a disposizione di chiunque ne abbia bisogno, non solo delle organizzazioni del settore pubblico.
"Questo servizio EU Sovereign Cloud è progettato per settori e clienti che cercano un maggiore controllo dei propri dati all'interno dell'UE", ha affermato Jason Rees, responsabile dell'ingegneria tecnologica di Oracle per la regione EMEA, in una dichiarazione rilasciata a TechCrunch.
"Oracle è il primo hyperscaler a offrire questo servizio per qualsiasi azienda operante nell'UE." Il nuovo cloud sovrano di Oracle è suddiviso tra data center in Germania (Francoforte), che è ospitato dal gigante dei data center Equinix, e in Spagna (Madrid), che vede Oracle collaborare con Digital Reality.
Vale la pena notare che, nonostante i maggiori sforzi da parte di tutti i principali fornitori di servizi cloud, le preoccupazioni rimarranno probabilmente sempre, con le organizzazioni che scelgono di eseguire il proprio cloud privato o adottano un approccio ibrido in cui i loro carichi di lavoro più sensibili vengono mantenuti internamente.
In effetti, solo perché una regione di data center si trova in Europa, alla fine è ancora di proprietà di un'azienda con sede a migliaia di chilometri di distanza, motivo per cui potrebbe esserci un mercato considerevole per soluzioni più locali: solo un paio di settimane fa, una startup svedese chiamato Evroc è emerso di nascosto con l'intenzione di costruire data center hyperscale completamente localizzati in Europa.
Detto questo, è chiaro che le normative, così come le aspettative di organizzazioni e consumatori, stanno determinando un cambiamento epocale nel modo in cui le aziende trattano i dati dei propri utenti, con l'Europa al centro di questo cambiamento.
Il nuovo cloud sovrano di Oracle è ora aperto alle organizzazioni di tutti i 27 stati membri dell'UE, nonché alle aziende globali con requisiti di sovranità dei dati nella regione, con gli stessi prezzi e accordi sul livello di servizio (SLA) che sono collegati alla sua offerta di cloud pubblico esistente.
Oracle lancia il suo "cloud sovrano" per i clienti dell'UE di Paul Sawers originariamente pubblicato su TechCrunch

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: