Il crollo di SVB ha portato 26.000 clienti a Mercury in 4 mesi

Quando la Silicon Valley Bank è fallita a marzo, una raffica di startup si è affrettata a intervenire per colmare una lacuna nella comunità delle startup e del capitale di rischio.
Una di quelle startup, Mercury, in particolare, si è trovata nella posizione di cercare di soddisfare un'improvvisa ondata di domanda in mezzo al panico.
"Il momento più folle sono stati i primi cinque giorni", ricorda il CEO e co-fondatore Immad Akhund.
“È iniziato mercoledì sera, dove è stato molto stressante e non solo dal punto di vista di Mercury, ma tutta la Silicon Valley stava trattenendo il respiro.
La gente era preoccupata per quello che sarebbe successo dopo”.
Akhund afferma di aver trascorso la maggior parte del suo tempo quei primi giorni in chiamate e rispondendo a messaggi diretti di clienti esistenti e potenzialmente nuovi.
"Le persone erano molto stressate e dicevano 'Ho bisogno di un conto in banca ora'", dice.
"Ogni domanda aveva questa urgenza." In risposta, Mercury, in collaborazione con le banche partner Choice Financial Group ed Evolve Bank & Trust, ha aumentato la sua assicurazione FDIC, prima da $ 1 milione a $ 3 milioni e poi a $ 5 milioni.
Ha anche rilasciato un nuovo prodotto chiamato Vault, in modo che le persone potessero parcheggiare i loro soldi oltre tali importi in buoni del tesoro del governo degli Stati Uniti.
Tuttavia, una delle domande che continuavano a sorgere, secondo Akhund, era: "Se SVB sta fallendo, perché Mercury è al sicuro?" La domanda era giusta, a suo avviso, considerando che la stessa Mercury è una startup.
Nei primi giorni dopo il crollo, la società ha registrato depositi per oltre 2 miliardi di dollari.
E in tutto marzo, Mercury ha visto quasi 8.700 nuovi clienti depositare fondi sui suoi conti.
"È stato di gran lunga il nostro mese più importante che abbiamo avuto al mercurio, un enorme afflusso", ricorda Akhund.
"Abbiamo cercato di dare la priorità alle persone provenienti da SVB e abbiamo persino creato alcuni strumenti in modo che potessero connettersi agli account SVB".
Ma non è stato un boom a breve termine, qualcosa di cui Akhund era preoccupato.
La società afferma che il 95% dei suoi nuovi clienti netti è rimasto con Mercury a quasi 90 giorni dalla crisi di SVB e che quei depositi sono rimasti stabili.
Inoltre, la crescita di nuovi clienti è continuata anche dopo che la crisi di SVB si è risolta, con la società che ha raddoppiato le nuove iscrizioni al mese da aprile, portando a 17.000 nuovi clienti in totale che depositano fondi da aprile a giugno, una cifra che Akhund ha condiviso esclusivamente con TechCrunch.
Oggi, la sua base clienti totale comprende oltre 100.000 aziende come Deel, On Deck, Linear, Sprig e Forage.
Ciò significa che la base clienti di Mercury è passata da 76.000 a 100.000 nel giro di pochi mesi a seguito del crollo di SVB.
L'ondata di clienti ha contribuito alla crescita del tasso di esecuzione dei ricavi annualizzati dell'azienda di 4 volte su base annua da maggio 2022 a maggio 2023, ha aggiunto.
Complessivamente, nel 2022, Akhund ha affermato che Mercury ha elaborato transazioni per 50 miliardi di dollari.
Solo nella prima metà del 2023, la società ha elaborato transazioni per oltre 42 miliardi di dollari.
Anche Mercury, ha affermato, è stato redditizio negli ultimi 12 mesi.
Inoltre, secondo i dati ottenuti da Kruze Consulting, oltre il 30% dei clienti di Kruze ha ora un conto Mercury, rispetto al 17% alla fine di febbraio, la quota più alta di qualsiasi neobanca o banca, secondo Mercury.
Sebbene Mercury sia aperta a qualsiasi attività commerciale negli Stati Uniti, la sua attenzione è rivolta alle startup e alle società di e-commerce, che costituiscono il 70% della sua base di clienti.
Le startup in particolare, i bagarini di Mercury, hanno esigenze uniche che molti sostengono che le grandi banche non siano in grado di soddisfare adeguatamente.
"Stavamo già crescendo e abbiamo visto un balzo di circa il 20% a causa di quello che è successo con SBV", ha detto Akhund.
"Ovviamente è stato un punto di svolta, e dopo questo abbiamo accelerato".
Dal suo inizio nel 2017, Mercury ha raccolto oltre 163 milioni di dollari di finanziamenti da investitori come Andreessen Horowitz, Coatue e CRV, nonché da angel investor, atleti, intrattenitori e clienti.
Il suo ultimo round è stato una serie B da 120 milioni di dollari annunciata nel luglio del 2021.
Ho approfondito tutti questi dettagli e molto altro con Akhund on Equity Podcast, che puoi ascoltare qui.
Vuoi più notizie fintech nella tua casella di posta? Iscriviti a The Interchange qui.
Hai una notizia o informazioni privilegiate su un argomento che abbiamo trattato? Ci piacerebbe sentirti.
Puoi contattarmi a maryann@techcrunch.com.
Oppure puoi inviarci una nota a tips@techcrunch.com.
Felice di rispettare le richieste di anonimato.
Il crollo di SVB ha portato 26.000 clienti a Mercury in 4 mesi di Mary Ann Azevedo pubblicato originariamente su TechCrunch

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: