Il debutto sul mercato pubblico di Better.com è stato Miserable.com

Bentornati a The Interchange, dove diamo uno sguardo alle notizie più importanti sul fintech della settimana precedente.
Better.com è finalmente diventato pubblico la scorsa settimana e la performance del titolo è stata peggiore del previsto.
Affirm, d’altro canto, ha visto le sue azioni ottenere una spinta sulla scia di un rapporto sugli utili migliore del previsto.
C'è stato anche un mega rilancio e anche un'acquisizione.
In un'altra nota, se vuoi ricevere The Interchange direttamente nella tua casella di posta ogni domenica, vai qui per iscriverti! Better.com finalmente si quota in borsa La più importante notizia fintech della settimana è incentrata sul pessimo debutto sul mercato pubblico di Better.com.
O come l'ha descritto il mio amico e collega Alex Wilhelm, Better.com ha avuto una settimana Miserable.com.
Per riassumere, l'istituto di credito ipotecario digitale Better.com ha fatto il suo debutto pubblico il 24 agosto.
Senza sorpresa di nessuno, il titolo non è stato esattamente un successo tra gli investitori pubblici.
In effetti, fu una bomba clamorosa.
Venerdì 25 agosto il titolo aveva chiuso a soli 1,19 dollari.
Mercoledì, prima che Better.com diventasse ufficialmente pubblica, le azioni del partner SPAC, Aurora, venivano scambiate a 17,45 dollari.
Si tratta di una società che due anni fa aveva pianificato di quotarsi in borsa con una valutazione di 7,7 miliardi di dollari.
Ora, sapevamo che le azioni di Better.com non avrebbero funzionato esattamente bene.
Ma non sono sicuro che qualcuno si aspettasse che si aggirasse a un prezzo delle azioni che dava a Better.com una capitalizzazione di mercato di soli 19,14 milioni di dollari.
Ho avuto l'opportunità di intervistare Vishal Garg, CEO e co-fondatore di Better.com, un paio di settimane fa in previsione della quotazione in borsa della società tramite una fusione SPAC con Aurora Acquisition Corp.
Te lo dirò dopo quasi due anni passati a scrivere di i molteplici licenziamenti (e per lo più pasticciati) dell'azienda, tutti i vari modi in cui Garg è riuscito a far incazzare ex dipendenti e dirigenti, e l'oscillazione dell'azienda da un grande profitto nel 2020 a pesanti perdite nel 2022 e oltre, mi aspettavo che l'intervista essere un po' imbarazzante.
L'ultima volta che avevo intervistato Garg era nel 2020, quando tutti, compreso il fratello, stavano rifinanziando le loro case e Better.com stava raccogliendo soldi.
Alla fine, Garg si è comportato al meglio, mostrando il fascino e il carisma che senza dubbio sono riusciti a conquistare investitori come SoftBank, Activant Capital, Ping An Global Voyager Fund, Ally Financial e Citi, e altri che hanno investito collettivamente centinaia di milioni di dollari in azienda.
Alcuni punti salienti dell'intervista includevano quanto segue: Garg ha ammesso di "avere nervosismo" riguardo all'IPO.
Il dirigente ha anche affermato di “aver ricevuto molta formazione di leadership” e di aver capito che aveva bisogno di trattare i suoi dipendenti con la stessa gentilezza con cui trattava i clienti.
Diventare pubblica nonostante tutte le sfide dell'azienda significava ottenere 550 milioni di dollari da SoftBank.
Garg ha continuato a pubblicizzare la tecnologia dell'azienda (che anche gli oppositori dell'azienda riconosceranno essere dannatamente buona) e la speranza che un'inversione di tendenza del mercato immobiliare e una diminuzione del tasso ipotecario possano funzionare a suo favore nel 2024, se entrambi si materializzassero.
A tal proposito, lo stesso giorno in cui Better.com è stata quotata in borsa, il tasso medio dei mutui trentennali è balzato al 7,23%, segnando il massimo da 22 anni, secondo Yahoo Finance.
Con tariffe così elevate, il tentativo di Better.com di dare una svolta alla propria attività sarà ancora più impegnativo.
Phil Haslett, co-fondatore e responsabile della strategia di EquityZen, ha detto questo sulla scelta dell'azienda di andare avanti con la sua SPAC ritardata nonostante tutti i titoli negativi degli ultimi 20 mesi.
Via e-mail, ha scritto: “I dirigenti senior di Better.com (e i suoi investitori) non sono sorpresi che il titolo sia 'giù' del 90%.
Il de-SPAC è stato un modo per raccogliere 565 milioni di dollari.
Nessun altro avrebbe dato loro 500 milioni di dollari.
Vishal Garg vide che c'era un ultimo abito da sposa in vendita e lo prese.
Sapeva che non sarebbe andato bene, ma non gli importava.
Ce l'ha fatta." Per ascoltare il team del podcast Equity parlare di più della società e del suo debutto pubblico, controlla il collegamento sottostante.
— Mary Ann Crediti immagine: Settimana molto positiva per Better.com Affirm Better.com potrebbe aver avuto una settimana difficile, ma almeno le azioni di un'altra società fintech quotata in borsa sono andate molto meglio.
Le azioni di Affirm sono state scambiate in rialzo di quasi il 30% a poco meno di 18 dollari venerdì pomeriggio dopo che la società ha pubblicato i suoi utili del quarto trimestre e dell’anno fiscale 2023.
La società ha dichiarato che chiuderà l’anno con il raggiungimento della redditività sulla base del reddito operativo rettificato (AOI) e che i suoi ricavi sono aumentati del 22% su base annua raggiungendo i 446 milioni di dollari.
E, come riportato dalla CNBC, Affirm “ha anche fornito solide indicazioni per il primo trimestre fiscale, prevedendo entrate da 430 a 455 milioni di dollari, rispetto alle aspettative degli analisti di 430 milioni di dollari”.
L'analista di Third Bridge Kevin Kennedy ha espresso alcune riflessioni sui risultati dopo aver intervistato numerosi dirigenti del settore fintech, affermando a TechCrunch che "anche con risultati generalmente positivi, è difficile ignorare le continue perdite operative di Affirm e i margini di perdita sono aumentati di oltre l'11% punti nell’ultimo anno, con un conseguente deficit accumulato di 2,6 miliardi di dollari”.
Tra gli aspetti positivi, Kennedy ha anche osservato che il prodotto della carta Debit+ è stato “un passo nella giusta direzione e probabilmente svolgerà un ruolo chiave nel percorso verso la redditività favorendo una migliore monetizzazione degli utenti esistenti senza il peso dei costi marginali di acquisizione dei clienti.
" Ha detto che era anche particolarmente interessato a vedere la crescente adozione di Affirm nei settori dei viaggi, delle attrezzature e automobilistico.
Infine, ha affermato: "I nostri esperti ritengono che il futuro di Affirm come azienda autonoma dipenderà dalla capacità dell'azienda di sviluppare e vendere in modo efficace uno spettro più ampio di prodotti di servizi finanziari, come le offerte BNPL dei principali attori tecnologici diversificati come PayPal, Apple e Cash App (Block) stanno diventando sempre più competitivi.” Per il contesto, le azioni di Affirm sono ancora scambiate al di sotto del suo massimo di 52 settimane di $ 27,26, ma è più del doppio del suo minimo di 52 settimane di $ 8,62.
Dai un'occhiata alla nostra precedente intervista con il CTO dell'azienda qui.
– Mary Ann Weekly news Sarah Perez riferisce di un nuovo modo per gli amanti di Starbucks di pagare le loro bevande preferite, senza telefono.
Il metodo di pagamento senza contatto arriva mentre il colosso del caffè lavora per spostare le persone attraverso il drive-through più velocemente.
Scoprite come funziona.
Da Manish Singh ci sono due storie sul gigante indiano della vendita al dettaglio Reliance Retail.
Per prima cosa, l'unità spin-off dell'azienda, Jio Financial Services, ha fatto il suo debutto pubblico.
In secondo luogo, Reliance sta testando un sistema di pagamento a cassa armonica che convalida e annuncia istantaneamente quando un pagamento è andato a buon fine.
Saperne di più.
E questa settimana su Equity, Mary Ann ha approfondito la scena fintech e AI dell'America Latina con Mercedes Bent, partner del team in fase iniziale di Lightspeed Ventures e co-responsabile della regione LatAm di Lightspeed e fondo angelico.
Hanno parlato di una serie di argomenti, tra cui come e perché Mercedes ha iniziato a investire in America Latina e perché ritiene che la regione sia più resiliente di altre; perché siamo all’inizio del ciclo di hype quando si tratta dell’intersezione tra AI e fintech; e perché l’intelligenza artificiale generativa e il fintech non sono sempre la combinazione migliore.
Altri articoli che stiamo leggendo: Klarna vanta espansione e crescita in tutta Europa mentre le aziende più piccole “rimandano” agli impegni presi.
Parlando di Klarna, il CEO Sebastian Siemiatkowski ha pubblicato un thread avvincente su X, descrivendo in dettaglio le sfide di "cercare di assumere e gestire qualcuno che fa qualcosa che non hai idea di come fare".
Come la società fintech Marqeta utilizza l'intelligenza artificiale per aiutare i consumatori Hadley lancia un'app mobile per aumentare l'accesso ai piani di risparmio Scopri chi sta collaborando ora: OZ Câmbio collabora con Nium per migliorare il mercato delle PMI brasiliane e incoraggiare l'espansione internazionale Treasury Prime collabora con Liberty Bank Cross River Bank e Current lanciare un prodotto di creazione di credito Coinvolgimento bancario fintech Backbase collabora con SavvyMoney Fundings e M&A Come visto su TechCrunch La startup fintech Ramp raccoglie $ 300 milioni con una valutazione inferiore del 28% di $ 5,8 miliardi Moniepoint ha ottenuto il permesso di acquisire la fintech keniota Kopo Kopo Questa startup sostenuta da venture capital ha tranquillamente acquistato più di 80 negozi a conduzione familiare E altrove Yahoo acquisisce la piattaforma di investimento sociale Commonstock (Divulgazione: Yahoo è la società madre di TechCrunch) LemFi raccoglie 33 milioni di dollari Serie A per facilitare le rimesse per gli immigrati Koverly raccoglie 7,6 milioni di dollari per B2B BNPL Perché Ventura Capital e Peter Thiel stanno sostenendo questa RIA della Silicon Valley Scopri il Fintech Stage al Disrupt 2023 Dai un'occhiata al Fintech Stage al TechCrunch Disrupt 2023, che si terrà a San Francisco dal 19 al 21 settembre, dove tratteremo web3, servizi bancari e altro ancora.
Gli abbonamenti last minute sono ancora disponibili.
Risparmia il 15% con il codice INTERCHANGE.
Iscriviti ora! Crediti immagine: Bryce Durbin

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: