Fintech

Volt, una fintech di open banking per pagamenti e altro, raccoglie $ 60 milioni con una valutazione di oltre $ 350 milioni

L'open banking, in cui le banche tradizionali abilitano pagamenti e altri nuovi servizi tramite API che danno accesso a dati finanziari precedentemente bloccati nei loro sistemi, ha portato a un'ondata di startup che cercano di costruire i collegamenti per renderlo realtà.
Oggi una delle speranze nell'open banking – Volt dal Regno Unito – annuncia un significativo round di finanziamento, un segno di crescente attività e fiducia nello spazio.
La società ha raccolto 60 milioni di dollari in un round di finanziamento di serie B, denaro che utilizzerà per l'espansione internazionale e per espandere il suo prodotto.
La società è attualmente attiva nel Regno Unito, in Europa e in Brasile, regioni che hanno messo in atto una struttura bancaria aperta e stanno vedendo un certo numero di banche muoversi per costruire e abilitare le API.
Complessivamente, ci sono circa 70 paesi che ora dispongono di strutture bancarie aperte, account-to-account, ma c'è poco in termini di armonizzazione degli standard, dando ad aziende come Volt l'opportunità di sviluppare pagamenti internazionali che funzionano oltre quei confini .
IVP, un grande investitore nel fintech – altri nel suo portafoglio includono Coinbase, Wise, Prosper, Klarna, Brex, Robinhood e molti altri, insieme a un lungo elenco di startup non fintech – è in testa a questo round, con il nuovo sostenitore CommerzVentures ( un partner strategico data la sua connessione con CommerzBank), e hanno partecipato anche i precedenti finanziatori EQT Ventures, Augmentum Fintech PLC e Fuel Ventures.
Volt ha precedentemente raccolto poco meno di $ 30 milioni in seed e finanziamenti di serie A.
L'amministratore delegato e co-fondatore di Volt, Tom Greenwood, ha dichiarato in un'intervista che la società non sta rivelando la valutazione, ma una fonte forte vicina all'accordo mi dice che è poco più di $ 350 milioni, dandogli una diluizione negli anni dell'adolescenza.
Questi sono numeri forti e diluzione soprattutto nel mercato attuale, dove le startup hanno difficoltà a raccogliere e chiudere round, e spesso lo fanno a diluizioni molto più elevate.
Mentre la "interruzione" in sé e per sé era un punto di forza molto forte per le startup, in questi giorni gli investitori stanno cercando prove più concrete di trazione e ricavi.
A questo proposito, Volt ha inviato i segnali giusti (sì, gioco di parole).
L'azienda attualmente si integra con circa 5.000 banche nelle regioni in cui è attiva – attualmente Regno Unito, Europa e Brasile – e quindi registra i clienti – rivenditori online e altri che effettuano transazioni online – per utilizzare i suoi binari per poter ricevere ed effettuare pagamenti e eseguire altri servizi per i clienti di tali banche, come un'altra opzione per pagare beni o servizi insieme, ad esempio, al pagamento con carta o all'utilizzo di un servizio di portafoglio mobile.
Greenwood mi dice che la base di clienti include artisti del calibro di Farfetch, Vestaire Collective ed eToro, anche se alcuni di questi non sono ancora attivi: stanno ancora lavorando attraverso integrazioni per abilitare i pagamenti alimentati da Volt, ha affermato.
Un'altra grande vittoria per l'azienda sono gli accordi stipulati con Shopify e Worldpay.
Shopify ha reso Volt il suo primo fornitore di servizi bancari aperti e ciò renderà più facile l'integrazione di Volt con i clienti di Shopify.
Worldpay, nel frattempo, è il più grande acquirente commerciale al mondo (che consente pagamenti con carta per i suoi clienti) e, collaborando con Volt, ora avrà un'opzione per i suoi clienti di aggiungere pagamenti in tempo reale al suo mix.
Ancora una volta, come con Shopify, Volt realizzerà ricavi da tale accordo solo quando i clienti di Worldpay integreranno le opzioni basate sull'open banking.
Ma il potenziale è enorme, dal momento che Worldpay non solo lavora direttamente con molti, molti rivenditori, ma ha anche un accordo con la più grande azienda di e-commerce del mondo, Amazon.
Greenwood non ha voluto commentare con quale dei clienti di Worldpay sta parlando.
In ogni caso, puoi capire perché IVP potrebbe essere stato interessato a Volt.
E perché un'azienda dovrebbe voler dedicare il tempo e gli sforzi necessari per integrare l'open banking come opzione insieme a quegli altri metodi, potresti chiederti? Due motivi principali: Greenwood mi dice che significa commissioni più basse: i pagamenti con carta gestiti, ad esempio, da Visa, Mastercard o Amex, in genere coinvolgono una lunga catena di altre società per abilitare ed elaborare le transazioni, e ognuna di loro ottiene un taglio, uno dei motivi perché i margini sui pagamenti sono sempre stati piuttosto bassi e quindi le società di pagamento hanno bisogno di grandi economie di scala per ottenere rendimenti decenti (da qui giganti come Adyen, Stripe e PayPal che dominano lo spazio dei pagamenti, per non parlare dei visti del mondo).
Greenwood afferma che attualmente le transazioni alimentate da Volt stanno producendo margini lordi superiori all'80%.
L'altro motivo sono i pagamenti più rapidi: il processo di riconciliazione attorno alle reti di carte può richiedere giorni prima che il denaro prelevato da un cliente raggiunga il conto del venditore.
L'open banking, con i suoi collegamenti diretti alle banche, promette una riconciliazione in tempo reale o quasi in tempo reale.
Tuttavia, il tempo e lo sforzo necessari per integrare le opzioni di open banking sono stati uno dei fattori di controllo per le aziende in questo spazio e il concetto per prendere piede più forte.
Altrettanto impegnativo è il fatto che nei mercati più maturi esistano una serie di metodi di pagamento già consolidati e una spinta verso nuovi approcci che si legano già profondamente alle abitudini dei consumatori: ad esempio Apple Pay e Google Pay come opzioni continue per i pagamenti dovuti alla loro presenza nei punti vendita per gli acquisti fisici, e sempre più come opzione online tra una popolazione di possessori di smartphone.
Altre sfide includono il fatto che ci sono una serie di altri grandi concorrenti nella stessa area di Volt.
Uno dei più grandi di questi, TrueLayer, anch'esso fuori dal Regno Unito, ha raccolto un grosso giro con una valutazione di oltre $ 1 miliardo nel 2021.
I servizi di Volt oggi includono pagamenti online, pagamenti tramite link e impostazione di pagamenti ricorrenti.
Gli altri prodotti che fornisce ai suoi clienti includono dashboard per la gestione dei pagamenti, servizi di prevenzione delle frodi, strumenti per controllare i dettagli bancari e di altro conto degli utenti e prodotti per migrare gli utenti all'open banking dai pagamenti con carta.
Nuovi servizi lungo la linea In termini di regioni, il piano sarà quello di attingere a ulteriori mercati nelle Americhe, in particolare in America Latina, e nelle regioni dell'Asia Pacifico.
Ci sono due opportunità per l'open banking, ironicamente agli estremi l'una dall'altra.
Da un lato, c'è l'opportunità di sfruttare i mercati emergenti che tradizionalmente hanno avuto una minore penetrazione dei pagamenti con carta, creando un ambiente maturo affinché le banche assumano il ruolo di fornire infrastrutture per i pagamenti senza contanti.
D'altra parte, i paesi in cui i pagamenti con carta sono molto comuni diventano mercati in cui i consumatori sono già ben abituati a effettuare transazioni e, essendo al corrente di ciò, potrebbero essere più disposti a esplorare metodi alternativi se ci sono altri incentivi collegati a quelli ( come programmi di fidelizzazione).
“Fedele al suo nome, Volt sta creando una rete globale elettrizzante per pagamenti A2A istantanei, sicuri ed economici.
La saggezza e l'esperienza dei fondatori maturate presso società di pagamenti trasformative, insieme ai talentuosi dipendenti dell'azienda, posizionano fortemente Volt per offrire a commercianti e partner di pagamento la soluzione di pagamento fulminea e migliore della categoria che desideravano e di cui avevano bisogno, ", ha dichiarato Eric Liaw, socio accomandatario di IVP, in una dichiarazione.
“Mentre oltre 70 paesi, inclusi gli Stati Uniti, passano ai sistemi RTP, i commercianti stanno sperimentando gli immensi vantaggi dei pagamenti A2A istantanei, sicuri e convenienti.
Con il valore dei pagamenti A2A nelle transazioni di e-commerce destinato a raggiungere i 757 miliardi di dollari entro il 2026, Volt è ben posizionata per ridefinire il futuro dei pagamenti su scala globale", ha aggiunto Angela Zhu, partner di IVP.
Volt, una fintech di open banking per pagamenti e altro, raccoglie 60 milioni di dollari con una valutazione di oltre 350 milioni di dollari di Ingrid Lunden originariamente pubblicata su TechCrunch

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...