Government & Policy

TikTok espande l'API di ricerca in Europa e lancia la libreria per la trasparenza degli annunci

TikTok ha finalmente lanciato una libreria per la trasparenza degli annunci, a partire dai dati sugli annunci e altri contenuti commerciali in esecuzione in Europa, ma con l'intenzione di espanderla.
Inoltre oggi ha annunciato l'estensione dell'accesso alla sua API di ricerca in Europa.
Entrambe le mosse sembrano intese ad aiutare l'azienda a soddisfare i requisiti in entrata ai sensi del Digital Services Act (DSA) dell'Unione europea.
Ad aprile, il social network per la condivisione di video è stato confermato come una delle 19 cosiddette piattaforme online molto grandi (VLOP) ai sensi del DSA, una designazione che porta una serie di requisiti di conformità aggiuntivi relativi alla trasparenza e alla responsabilità degli algoritmi.
Vale a dire: l'articolo 39 del regolamento pan-UE richiede ai VLOP le cui piattaforme visualizzano annunci per offrire un database consultabile di annunci con informazioni, tra cui chi ha pagato per l'annuncio, i principali parametri di targeting e dati sulle visualizzazioni.
Mentre l'articolo 40 riguarda l'accesso ai dati per i ricercatori controllati e altri ricercatori esterni per promuovere l'obiettivo del regolamento di garantire che i rischi sistemici derivanti dalle principali piattaforme possano essere studiati in modo approfondito.
"Oggi stiamo espandendo l'accesso alla nostra API di ricerca in Europa e aprendo nuovi strumenti di trasparenza per i contenuti commerciali", ha scritto TikTok in un post sul blog che annunciava i lanci.
"Questi strumenti sono progettati per migliorare la trasparenza sui contenuti della nostra piattaforma e sono informati dal feedback che stiamo ascoltando dai ricercatori e dalla società civile".
Un portavoce di TikTok ha confermato che l'API di ricerca viene messa a disposizione dei ricercatori che lavorano in tutta Europa, non solo a quelli delle istituzioni all'interno dell'UE, quindi è aperta anche alle candidature di accademici che lavorano nel SEE (Spazio economico europeo), in Svizzera e nel Regno Unito.
La piattaforma di social media ha annunciato che stava sviluppando un'API per i ricercatori la scorsa estate, quando ha affermato che avrebbe fornito a ricercatori selezionati maggiore trasparenza sulla sua piattaforma e sul suo sistema di moderazione dando accesso a dati pubblici e anonimi su contenuti e attività sull'app.
Una versione iniziale dell'API di ricerca era pronta per essere testata dai membri dei Consigli consultivi sui contenuti e sulla sicurezza di TikTok a novembre, prima di essere aperta ai ricercatori accademici negli Stati Uniti all'inizio di quest'anno, a febbraio.
Finora, secondo TikTok, l'API gratuita ha visto più di 60 applicazioni da parte di ricercatori accademici statunitensi senza scopo di lucro su argomenti tra cui quelli relativi alle tendenze dei consumatori, alla disinformazione e alla salute mentale.
L'impatto delle piattaforme di social media sulla vita e sul benessere dei giovani continua a essere un argomento di discussione e preoccupazione nei media mainstream.
Ma gli scienziati hanno avvertito che non disponiamo ancora di dati solidi per trarre conclusioni solide, da qui la spinta dei legislatori dell'UE a rendere le principali piattaforme aperte al controllo esterno.
L'approccio di TikTok per l'API di ricerca richiede ai ricercatori di creare un account e completare un'applicazione che esamina per garantire che i suoi criteri siano soddisfatti prima di concedere l'accesso.
Quindi ha detto che si aspetta che i primi ricercatori accademici senza scopo di lucro in Europa ottengano l'accesso "nelle prossime settimane".
I criteri di TikTok per l'accesso all'API richiedono che i ricercatori regionali abbiano esperienza e competenza accademiche dimostrabili nell'area di ricerca specificata nella domanda; nessun conflitto di interessi rispetto all'utilizzo dei servizi; una proposta di ricerca chiaramente definita; e di impegnarsi a utilizzare i dati solo per scopi non commerciali.
Anche oggi, ha detto che sta lavorando per poter garantire ai ricercatori che stanno collaborando con altri la possibilità di lavorare insieme su un progetto di ricerca condiviso.
Questa funzione di collaborazione in arrivo, che si dice stia aggiungendo in risposta al feedback dei primi utenti, si chiamerà "Lab Access".
"Più della metà delle domande che abbiamo ricevuto richiedono la collaborazione con altri ricercatori, quindi presto consentiremo a un massimo di 10 ricercatori di lavorare insieme su un progetto di ricerca condiviso", ha scritto.
“Tutti i ricercatori dovranno avere il proprio account TikTok for Developers e trovarsi negli Stati Uniti o in Europa per accedere alla nostra API di ricerca.
“I principali ricercatori potranno presentare un'unica domanda per i collaboratori della stessa università.
I progetti che coinvolgono più università dovranno presentare domande separate per ciascuna scuola.
Finalmente la trasparenza degli annunci La libreria per la trasparenza degli annunci, o "Libreria dei contenuti commerciali" come la fattura TikTok, è un'iniziativa più recente e il lancio colma una lacuna di trasparenza di lunga data per la piattaforma.
Un rapporto critico su TikTok di Mozilla, a metà del 2021, ha rilevato scappatoie politiche, una supervisione permissiva sul marketing degli influencer e la mancanza di un database di annunci pubblici e ricercabili stava rendendo la piattaforma vulnerabile alla spacciatura di annunci politici come contenuti organici, rendendo la politica ufficiale di TikTok vietare gli annunci politici piuttosto privi di significato.
Ora chiunque può cercare annunci TikTok o altri contenuti commerciali per paese, data e parola chiave.
Tuttavia, grande avvertimento! — per ora sono disponibili solo i dati sulle cose commerciali in circolazione in Europa.
TikTok ha affermato che prevede di includere dati da "più paesi" in futuro (ma non ha specificato dove o quando).
"La Commercial Content Library è un database ricercabile con informazioni sugli annunci a pagamento e sui metadati degli annunci, come la creatività pubblicitaria, le date di pubblicazione dell'annuncio, i principali parametri utilizzati per il targeting (ad es.
età, sesso), il numero di persone a cui è stato offerto l'annuncio, e altro ancora", ha osservato TikTok.
Lo strumento include anche informazioni su altri contenuti che sono "di natura commerciale e contrassegnati con un'etichetta di partnership a pagamento o un'etichetta promozionale, come contenuti che promuovono un marchio, un prodotto o un servizio ma non sono annunci a pagamento", quindi TikTok include il marketing di influenza anche nel database (o almeno lo è se gli influencer hanno taggato correttamente i loro video).
Alcune "partnership a pagamento" viste da milioni di utenti TikTok in Spagna che sono elencate sotto "altri contenuti commerciali" nel database di TikTok (Screengrab: Natasha Lomas/TechCrunch) "Abbiamo testato una prima versione della libreria dei contenuti commerciali con ricercatori e società civile per raccogliere feedback negli ultimi mesi prima di renderlo più ampiamente disponibile", ha aggiunto TikTok.
"Dai nostri test e dal contributo degli esperti, abbiamo aggiunto la possibilità di eseguire ricerche precise, incluso più parametri di targeting e una migliore qualità dei dati, tra gli altri aggiornamenti." TikTok fornisce anche l'accesso a un'API di contenuto commerciale per consentire ai ricercatori di interrogare il database degli annunci.
"I ricercatori dovranno creare un account TikTok Developers e inviare una domanda per accedere all'API dei contenuti commerciali che esaminiamo per impedire a malintenzionati di utilizzare in modo improprio questi dati", ha aggiunto.
TikTok inizia a testare una prima versione della sua API di ricerca sulla piattaforma

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...