Privacy

La polizia vuole riprese video di robotaxi per aiutare a risolvere i crimini

La polizia sta iniziando a rivolgersi ai robotaxi, in particolare a tutti quei filmati catturati dalle telecamere, per prove video per aiutare a risolvere i crimini.
Anche se potrebbe non essere ancora una tendenza, le prove suggeriscono che il robotaxi è il nuovo banco di prova per i sostenitori della privacy e le forze dell'ordine, soprattutto perché aziende come Cruise e Waymo si stanno espandendo verso nuove città.
Le auto a guida autonoma possono avere più di una dozzina di telecamere che catturano viste a 360 gradi e risme di dati mentre percorrono le strade della città.
E si scopre che è interessante per le agenzie governative in cerca di prove.
Ad esempio, Bloomberg ha riferito giovedì di aver trovato nove mandati di perquisizione che erano stati emessi per i filmati della società di veicoli autonomi Waymo a San Francisco e nella contea di Maricopa in Arizona.
Waymo sta anche testando a Los Angeles.
Anche Cruise, un rivale di Waymo che ha operazioni a San Francisco, Phoenix, Austin e Houston, ha ricevuto un mandato, secondo Bloomberg.
I casi sembrano tutti ragionevoli: la polizia voleva aiuto per saperne di più sui crimini che vanno dagli omicidi alle rapine a un tentativo di rapimento.
"I veicoli autonomi registrano continuamente l'ambiente circostante e hanno il potenziale per aiutare con indizi investigativi", si legge in un documento di formazione del dipartimento di polizia di San Francisco, che è stato ottenuto da Vice nel 2022.
"Le indagini lo hanno già fatto diverse volte".
Matthew Guariglia, analista politico senior presso il gruppo senza scopo di lucro per i diritti digitali Electronic Frontier Foundation (EFF), afferma che il problema con la polizia che è in grado di intercettare i dati da veicoli altrimenti modesti è che non c'è sempre trasparenza su come i dati vengono raccolti e archiviati e su come il la polizia può accedervi.
"Se un veicolo autonomo si ferma all'angolo di una strada e parcheggia per un po', come farebbe qualcuno a sapere – o non sapere, del resto – se ci fosse la polizia in piedi davanti alla scrivania di un operatore di crociera, dicendo: 'Avvicinati un po' a quell'angolo perché vogliamo le riprese di un affare di droga'”, ha detto Guariglia.
Cruise e Waymo hanno entrambi dichiarato a TechCrunch che, rispetto al numero di miglia che percorrono, le richieste della polizia non si verificano spesso.
Quando lo fanno, le società affermano di fornire dati alla polizia solo quando c'è un mandato o un mandato di comparizione.
"Esaminiamo attentamente ogni richiesta per assicurarci che soddisfi le leggi applicabili e abbia un procedimento legale valido", ha detto a TechCrunch un portavoce di Waymo.
“Waymo analizzerà i dati o le informazioni richiesti per assicurarsi che rientrino nell'ambito del mandato.
Se una richiesta è eccessivamente ampia (richiede troppe informazioni), cerchiamo di restringerla e in alcuni casi ci opponiamo a fornire qualsiasi informazione.
Entrambe le società affermano inoltre di adattare i dati forniti all'oggetto specifico del mandato.
Ad esempio, se un mandato richiede informazioni per identificare un altro veicolo, Cruise può fornire solo immagini fisse da un video.
Se una richiesta richiede un video, Cruise potrebbe fornire una breve clip da una singola videocamera.
Waymo afferma che offusca le targhe e i volti delle persone al fine di proteggere la privacy degli astanti che potrebbero apparire nelle immagini richieste nel mandato.
Un portavoce ha detto a TechCrunch che ci sono eccezioni a questa regola.
La società potrebbe, ad esempio, rendere meno confusa la targa di un veicolo incriminato in caso di mordi e fuggi, ma il mandato dovrebbe fornire una descrizione dettagliata del veicolo.
Cruise non ha risposto in tempo per confermare se ha una politica simile.
"La privacy è estremamente importante per noi, motivo per cui divulghiamo dati rilevanti solo in risposta a processi legali o circostanze urgenti, in cui possiamo aiutare una persona che è in pericolo imminente", ha detto a TechCrunch Navideh Forghani, portavoce di Cruise.
Forghani ha continuato dicendo che Cruise può condividere informazioni senza processi formali in circostanze di emergenza reali, come allarmi ambra, emergenze mediche o crimini attivi – come violenza sessuale, aggressione con un'arma mortale, rapine, eventi di sparatorie attive e atti di terrorismo.
Ma Guariglia dice che è un pendio scivoloso.
Negli ultimi anni, Ring di Amazon, una società di campanelli e sicurezza domestica, si è avvicinata alle forze dell'ordine in tutto il paese, offrendo alla polizia un facile accesso ai dati dalla sua rete di singoli prodotti di consumo.
Guariglia afferma che un certo numero di aziende si sente obbligato a creare strumenti che consentano alla polizia di accedere ai propri dati, anche se la polizia non è un loro cliente.
"Dobbiamo chiederci costantemente, cosa ottengono le aziende da questo?" Guariglia ha dichiarato a TechCrunch.
“Quella cosa esatta potrebbe non accadere con Cruise [e Waymo], ma la preoccupazione è che le città offrano permessi per operare a queste compagnie.
Cosa succede se le città iniziano a guardare più favorevolmente alle aziende che hanno rapporti intimi con i dipartimenti di polizia? Non sto facendo niente di male, a chi importa se la polizia ha i dati? Per coloro che affermano che non importa se la polizia ha accesso ai filmati perché non stanno facendo nulla di sbagliato, Guariglia dice: "non hai idea di cosa stai facendo di sbagliato".
"Le persone in molti stati in cui era legale abortire pochi mesi fa devono improvvisamente vivere nella paura che da un giorno all'altro questi stati possano perseguire retroattivamente le persone", ha detto.
"E poi inizi a chiederti di tutti quei mesi in cui sei andato dal tuo medico o specialista di salute mentale, quanti dati sono stati raccolti e cosa possono sapere le forze dell'ordine su di me quando non pensavo di avere nulla da nascondere?" Le auto a guida autonoma non operano solo nelle città.
Anche i camion autonomi vengono testati sulle autostrade nella speranza di avviare operazioni commerciali con un conducente sicuro al volante.
Negli Stati Uniti, dove ora ci sono 14 stati che hanno completamente vietato l'aborto e l'Idaho ha limitato i viaggi fuori dallo stato per aborti, c'è un vero timore che le forze dell'ordine locali possano tentare di utilizzare filmati AV per perseguire le persone che cercano la libertà riproduttiva.
L'abuso di potere è una delle preoccupazioni principali e ha precedenti.
Nel 2020, la Electronic Frontier Foundation ha citato in giudizio l'SFPD per aver condotto una sorveglianza di massa dei manifestanti di Black Lives Matter utilizzando la rete di telecamere di un quartiere degli affari del centro.
I registri ottenuti dall'EFF hanno mostrato che SFPD ha ricevuto accesso live in tempo reale a centinaia di telecamere e "data dump" di filmati delle telecamere durante le manifestazioni contro la violenza della polizia.
Andando più indietro, i sostenitori della privacy puntano alle rivelazioni rivelate da Edward Snowden nel 2013, un appaltatore dell'agenzia per la sicurezza nazionale che ha fatto trapelare informazioni sul programma PRISM e la raccolta in blocco di metadati telefonici, che ha raccolto dati su milioni di persone senza sospetti mirati di illeciti.
.
E, naturalmente, ogni volta che aumenti l'accesso della polizia alla sorveglianza e metti le comunità al microscopio, le persone che si faranno male sono già comunità emarginate, dice Guariglia.
La tecnologia ha già testato i confini della sorveglianza Oltre a Ring, i dipartimenti di polizia negli Stati Uniti utilizzano anche lettori automatici di targhe per tracciare i movimenti dei veicoli e possono utilizzare i mandati di geofence emessi da un tribunale per cercare nei database e trovare tutti i dispositivi mobili attivi all'interno di un particolare area georecintata.
E, naturalmente, la polizia può richiedere filmati da milioni di telecamere di sicurezza nelle aziende e nelle residenze di tutto il paese.
I sostenitori della privacy affermano che l'aggiunta di reti mobili di telecamere e dati di veicoli autonomi a quel cocktail di sorveglianza è motivo di preoccupazione.
Come minimo, c'è il potenziale di violazione dei diritti fondamentali alla privacy.
Ma l'uso di riprese video per la sorveglianza apre anche la porta all'abuso di potere, come lo scope creep o la sorveglianza di individui estranei al crimine indagato.
Può anche portare a un effetto agghiacciante, in cui le persone potrebbero alterare il loro comportamento o le loro espressioni di libertà di parola se temono di essere costantemente monitorate.
La polizia vuole riprese video di robotaxi per aiutare a risolvere i crimini di Rebecca Bellan originariamente pubblicato su TechCrunch

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...