WhatsApp mette a disposizione funzionalità che condividono il tuo stato su Facebook e altre app

WhatsApp sta testando l’idea di consentire ai suoi utenti di condividere i post dallo stato di WhatsApp con altre app. A partire da oggi, gli utenti del programma beta di WhatsApp inizieranno a vedere una nuova opzione di condivisione al di sotto del loro stato, che può essere utilizzata per pubblicare uno stato direttamente sulla propria storia di Facebook o inviarlo a un’altra app come Instagram, Gmail o Google Foto. WhatsApp Status è la funzione in stile Instagram Stories del servizio che ti consente di pubblicare immagini, testo e video sul tuo profilo che scompaiono dopo 24 ore.

Sebbene esista un link diretto per condividere il tuo stato su Facebook, WhatsApp dice che non sta facendo nulla per collegare i tuoi account sui due servizi. Invece, sta facendo uso delle stesse API di condivisione dei dati iOS e Android come ogni altra app, il che significa che i dati vengono trasferiti tra le app sul dispositivo. Anche se condividi i dati su un altro servizio di proprietà di Facebook come Instagram, WhatsApp dice che i due post saranno eventi separati nei sistemi di Facebook e che non saranno collegati. Non è inoltre possibile avere lo stato di WhatsApp automaticamente condiviso con un altro servizio; WhatsApp dice che vuole che la funzionalità sia una decisione attiva da parte dell’utente.

WhatsApp deve fare attenzione a creare l’impressione della condivisione dei dati con Facebook. Quando Facebook ha acquisito il servizio di messaggistica nel 2014, WhatsApp ha promesso che non avrebbe condiviso i dati dell’utente con Facebook e ha dichiarato che avrebbe funzionato “in modo indipendente e autonomo”. Ciò è cambiato nel 2016 quando la società ha annunciato che avrebbe iniziato a condividere i dati utente con Facebook . Da allora, i regolatori francesi e tedeschi hanno detto a Facebook di interrompere la pratica. Nel 2017, la società è stata multata $ 122 milioni dalla Commissione Europea per i regolatori fuorvianti sulla misura in cui potrebbe collegare i conti prima dell’acquisizione.

Per essere chiari, la nuova funzionalità di condivisione dello stato di WhatsApp non consente alcuna condivisione dei dati che ha causato problemi a Facebook in passato. Ma mentre Facebook si muove verso consentire agli utenti di tutti e tre i suoi principali servizi di scambiarsi messaggi su un unico backend tecnico, anche caratteristiche apparentemente innocue come questa possono rischiare un esame approfondito.

Lanciato nel 2017, lo stato di WhatsApp è cresciuto fino a essere utilizzato da 500 milioni di utenti ogni giorno e nel 2020 diventerà il primo posto nell’app WhatsApp per mostrare gli annunci.

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: