Social

Non puoi postare il culo, Threads è condannato

I thread, il clone di Twitter di proprietà di Meta lanciato questa settimana, saranno sempre ostacolati dalle proprie linee guida sui contenuti.
L'app è nel migliore dei casi asciutta e, nel peggiore dei casi, assorbe i tuoi dati personali.
Con 30 milioni di download in meno di un giorno dal suo lancio, Threads è pronto a competere con l'enorme volume di utenti di Twitter.
Sebbene innumerevoli piattaforme social basate su testo abbiano abbagliato gli utenti al momento del lancio prima di svanire nell'oscurità dall'acquisizione di Elon Musk, Threads ha il vantaggio unico di integrarsi perfettamente con Instagram.
Gli utenti non devono ricominciare da capo quando si iscrivono a Threads: l'app offre agli utenti la possibilità di seguire automaticamente tutti quelli che già seguono su Instagram.
Non devi setacciare le macerie di una piattaforma social nuova di zecca per trovare i tuoi reciproci, e non devi imparare funzionalità completamente nuove poiché l'interfaccia è quasi identica a quella di Twitter.
E a differenza delle altre alternative di pubblicazione di testo a Twitter, come Bluesky e Spill, Threads è aperto a chiunque disponga di un account Instagram.
Non è possibile cercare codici di invito o aggiungersi disperatamente a una lista d'attesa come se stessi gareggiando per un posto sull'ultima scialuppa di salvataggio al largo di una nave che affonda.
Threads è posizionato per essere un faro di speranza nel mezzo della straziante e continua implosione di Twitter.
Sfortunatamente, Threads è incredibilmente noioso e probabilmente rimarrà tale perché aderisce alle linee guida puritane della community di Instagram.
Instagram vieta la nudità, comprese foto, video e "alcuni contenuti creati digitalmente che mostrano rapporti sessuali, genitali e primi piani di glutei completamente nudi".
Fa un'eccezione per i capezzoli femminili nel contesto dell'allattamento al seno, del parto, di situazioni legate alla salute come interventi chirurgici per l'affermazione del genere e atti di protesta.
Le linee guida consentono anche la nudità nelle foto di dipinti e sculture.
Queste linee guida sono applicate in modo incoerente e Instagram è noto per censurare in modo sproporzionato le donne nere, gli utenti taglie forti e le persone trans e non binarie.
È anche ostile nei confronti delle lavoratrici del sesso e ha represso i creatori di contenuti per adulti che condividono risorse sui loro settori, tanto meno pubblicano foto volgari.
L'account Instagram thedancersresource, ad esempio, sollecita e pubblica recensioni di strip club di ballerini reali per mettersi in guardia a vicenda sulla clientela imprecisa, evidenziare locali che pagano bene e condividere altri consigli sulla sicurezza.
Sebbene l'account condivida il meme occasionale sullo stripping, il suo contenuto è del tutto sicuro per il lavoro.
Instagram ha comunque sospeso l'account più volte.
Nelle 24 ore trascorse dal suo lancio, Threads si è condannato a essere una piattaforma vanilla in cui i marchi possono prosperare, ma lo shitposting vacilla.
Non sarà mai un vero rivale di Twitter con una moderazione così rigida e nessuna garanzia di anonimato.
I thread, come Facebook, sono per gli utenti che probabilmente non avrebbero comunque utilizzato Twitter.
Threads si sta configurando per essere una versione sterilizzata di Twitter che utilizza le funzionalità più banali della piattaforma soffocando la cultura del post che ha reso Twitter così unico.
La pubblicazione casuale di culo è stata fondamentale per plasmare la cultura di Twitter, così come gli sfrenati poster di merda, le orde di stan e gli agitatori di discorsi.
Anche quando la piattaforma era piena di conflitti, il marchio caotico dei post spingeva gli utenti a tornare su Twitter.
Bluesky, un altro rivale di Twitter, è stato elogiato per aver abbracciato la vivace cultura dei post che ha reso Twitter Twitter.
I post su Twitter sono intrinsecamente sciocchi, anche se virano verso il serio, ed è punteggiato da un cinismo che permea quasi tutto l'umorismo di Internet.
Ma le restrizioni arbitrarie di Instagram limitano quel tipo di pubblicazione e alla fine impediranno a Thread di sostituire veramente Twitter.
Threads si sta configurando per essere una versione sterilizzata di Twitter che utilizza le funzionalità più banali della piattaforma soffocando la cultura del post che ha reso Twitter così unico.
Gli utenti che rendono divertente Twitter e costruiscono il senso di comunità che ha definito la piattaforma al suo apice, saranno probabilmente contrassegnati per aver violato una delle linee guida arcaiche della comunità di Instagram se portano la stessa energia a Threads.
I post consentiti su Threads sono piatti, seri e prevalentemente locali.
Nelle ore successive al lancio di Threads, gli utenti che sono tornati su Twitter si sono già lamentati di essere stati contrassegnati per post relativamente innocui.
Un utente si è lamentato di essere stato segnalato su Threads per aver detto di essere arrapato, quindi "Elon vince questo round".
Un altro ha affermato di essere stata penalizzata per aver chiesto se gli utenti possono "pubblicare tette", che Threads ha contrassegnato come contenuto che "assomiglia ad altri che sono stati segnalati".
"Ho provato a definirmi stupido sui thread ed è stato segnalato per bullismo", ha twittato l'artista Mikaeladraws.
"Quel posto non gestirà nessuna delle nostre stronzate." La moderazione di Twitter, storicamente, è stata applicata in modo sproporzionato, contorta e altrettanto divisiva di qualsiasi altra piattaforma di social media.
Sulla scia dell'acquisizione di Musk, l'incitamento all'odio è salito alle stelle su Twitter e la moderazione è apparentemente inesistente.
Agli utenti dovrebbe essere richiesto di rispettare le linee guida sui contenuti di base che vietano l'incitamento all'odio e le minacce, ma la pesante censura applicata da Threads non lo rende più attraente per i normali utenti di Twitter.
La mancanza di anonimato è anche una mancanza per Threads.
Il relativo anonimato di cui gode la maggior parte degli utenti su Twitter può incoraggiare le riprese peggiori e le interazioni più tossiche, ma facilita anche una vera comunità.
Twitter è particolarmente attraente per gli utenti LGBTQ, le prostitute, gli organizzatori e altre comunità emarginate che costituiscono la linfa vitale della piattaforma.
La natura senza volto di Twitter consente agli utenti di esistere in una bolla dei propri interessi e ha gettato le basi per il fiorire della cultura stan.
Nessuno vuole postare come fa su Twitter se sarà visto da persone che conosce davvero.
Gli utenti hanno bisogno di un certo grado di separazione dal loro pubblico affinché queste comunità esistano.
La cultura della pubblicazione disinibita che rende Twitter una piattaforma così invidiabile non può migrare a Threads perché l'app è così intrecciata con la vita reale degli utenti.
Per ora, gli utenti non possono eliminare il proprio account Thread senza eliminare anche il proprio account Instagram.
Puoi creare un account alt se crei un account Threads utilizzando una finsta, ma gli utenti non possono ancora passare da un account all'altro.
In un commento che chiede quando Thread consentirà più account, il capo di Instagram Adam Mosseri ha detto "è sulla lista".
La maggior parte delle persone, me compreso, compartimentalizza la propria presenza online.
Instagram, con la sua impiallacciatura curata e lucida, è per stare al passo con le persone che conosco nella vita reale.
TikTok è per i contenuti sui miei hobby estremamente di nicchia.
Reddit è per immergersi nelle recensioni di ogni prodotto che abbia mai pensato di acquistare.
Twitter (e tutti i cloni che tentano di risorgere dalle sue ceneri) è per condividere ogni pensiero stupido che abbia mai avuto.
Sebbene alcune funzionalità possano essere tradotte in altre piattaforme, gli spazi che occupiamo online determinano il modo in cui interagiamo gli uni con gli altri e, per estensione, le comunità che si sviluppano sulla piattaforma.
I thread possono affermarsi come alternativa a Twitter, ma la sua portata è limitata.
Con linee guida sui contenuti così rigide, non riuscirà a convincere gli utenti a cui vale la pena rimanere su Twitter, specialmente se non puoi pubblicare il culo.
Non puoi postare il culo, Threads è condannato da Morgan Sung originariamente pubblicato su TechCrunch

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...