Startups

Mukesh Bansal cerca una valutazione di oltre $ 100 milioni nel primo finanziamento della nuova impresa

Mukesh Bansal del colosso indiano dell'e-commerce di moda Myntra e la piattaforma di fitness Cultfit stanno valutando una nuova impresa.
Anche se non ha ancora deciso i suoi piani esatti per le nuove offerte – o la loro sequenza – ha già in mente un potenziale prezzo.
Bansal, che all'inizio di quest'anno si è ritirato dal business Neu del conglomerato Tata Digital, e il co-fondatore di Zomato Mohit Gupta hanno presentato diversi investitori, tra cui Peak XV, Lightspeed India Partners, Accel e Nexus Venture Partners, nelle ultime settimane, alla ricerca di condizioni che possano valorizzare la holding a oltre $ 100 milioni e fino a $ 250 milioni, secondo persone che hanno familiarità con la questione.
Una valutazione iniziale di $ 100 milioni sarebbe straordinaria nel panorama delle startup indiane, dove la maggior parte di tali transazioni in genere valuta le aziende sotto i $ 10 milioni.
Tuttavia, alcuni degli imprenditori seriali indiani hanno contrastato questa tendenza.
In particolare, Kunal Shah, fondatore di CRED, e Jitendra Gupta, fondatore di Jupiter, hanno precedentemente ottenuto finanziamenti iniziali a valutazioni considerevolmente elevate.
E sembra che Gupta e Bansal siano già in fase avanzata per trovare sostenitori.
Il duo ha detto ad almeno due investitori di aver già ricevuto un soft-commitment di circa $ 50 milioni, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione, anche se non è chiaro quanto di tale impegno si concretizzerà.
Altre cose che rimangono poco chiare – e in questo caso, non solo per me – è esattamente ciò che il duo intende costruire.
Bansal e Gupta vogliono fondare una sorta di fonderia che ospiterà più di una dozzina di prodotti nel corso degli anni.
Gli investitori otterrebbero una partecipazione sia nella società madre che nell'entità holding di ogni nuovo prodotto, hanno detto le persone che sono state proposte dal duo, chiedendo l'anonimato per parlare candidamente.
Bansal e Gupta erano ancora indecisi fino a due settimane fa su quale prodotto avrebbero realizzato per primo.
Secondo una fonte coinvolta nelle discussioni sugli investimenti, il duo ha presentato una serie di idee a potenziali sostenitori.
Questi includono una controparte incentrata sulle donne di Manyavar, un celebre marchio di abbigliamento etnico, e "Infosys 2.0", un presunto aggiornamento della multinazionale di servizi IT e società di consulenza.
Bansal non ha risposto a una richiesta di commento lunedì.
Il notiziario indiano Arc ha precedentemente riportato alcuni di questi dettagli.
Bansal in precedenza aveva affermato che le speculazioni sulla sua prossima impresa erano "completamente sbagliate".
Ha aggiunto: "Continuo ad essere molto entusiasta del viaggio di Curefit e impegnato a lungo termine".
In un podcast pubblicato questo mese, Bansal ha suggerito che stava pensando ai suoi prossimi passi.
“Sono stato un ragazzo di startup per tutta la vita.
Ho lavorato in quattro startup nella Silicon Valley, poi ho fatto parte del viaggio Myntra e del viaggio Curefit.
Ho anche lavorato a stretto contatto con due startup negli ultimi cinque anni: Groww e Skyroot", ha affermato.
“Continuo a sentire quel rimorchiatore e ora sto pensando come posso fare di più? Quali sono le altre società che posso creare o co-costruire con qualcun altro? E quale potrebbe essere il metodo per farlo ancora in modo sistematico, dove si costruiscono solide fondamenta e lo si progetta a lungo termine.
Spero che tra qualche mese o entro la fine dell'anno avrò maggiore chiarezza in merito".

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...