Questo laureato di Stanford sta assumendo banchi dei pegni con una nuova startup di carte di credito

Negli ultimi anni non sono mancate le startup che offrono linee di credito a chi non ha banche.
La maggior parte parla della loro missione di aiutare le persone a stabilire un credito, il che è nobile, ma stanno anche estendendo il credito perché – ammettiamolo – prestare denaro è redditizio.
Ora, una startup fondata dal laureato di Stanford James Savoldelli ha trovato un nuovo cuneo nello stesso settore, ed è attraverso i banchi dei pegni.
Chiamato Pesto, l'idea è creativa e intelligente.
Per chi è in gravi difficoltà finanziarie, i banchi dei pegni sono una banca di ultima istanza.
Un individuo non deve avere una linea di credito o un conto bancario o addirittura un reddito.
Un cliente con un documento d'identità governativo può semplicemente lasciarsi alle spalle qualcosa di valore – gioielli, elettronica – e ricevere un prestito garantito in cambio di una percentuale del valore di quell'oggetto, più gli interessi.
Se lui o lei ripaga il prestito, quella persona può recuperare l'oggetto; in caso contrario, viene confiscato e venduto.
Ma tali prestiti possono essere egregiamente costosi, a seconda di dove si trova un banco dei pegni.
Mentre in California, i negozi possono addebitare solo il 2,5% di interesse sull'importo principale ogni mese, in Florida, Georgia e Alabama, un cliente può pagare il 25% di interesse al mese (o uno straordinario 300% all'anno).
Non c'è da stupirsi che negli Stati Uniti ci siano 12.000 banchi di pegno che contribuiscono a un mercato di circa 14 miliardi di dollari, secondo la National Pawnbrokers Association.
Pesto spera di catturare alcune di queste persone online prima che inizino quella strada, in parte offrendo loro una MasterCard protetta che offre fino a un APR del 29,99% e zero interessi se qualcuno rimborsa il prestito per intero in tempo.
Ieri abbiamo parlato con Savoldelli della strategia di Pesto, che ha formulato dopo che gli è stato offerto un prestito ad alto interesse come studente universitario e successivamente ha registrato il tempo in una varietà di banchi dei pegni per comprendere meglio il comportamento dei clienti.
Anche gli investitori sono chiaramente incuriositi da ciò che sta costruendo.
La startup, che è passata attraverso l'acceleratore Y Combinator nel 2021, ha appena attirato 11 milioni di dollari in finanziamenti di serie A da Activant Capital, Plural e altri.
Segue altro, modificato per la lunghezza: durante il Covid, hai vissuto con un compagno di classe a Los Angeles e hai iniziato a lavorare in un banco dei pegni.
Quello che è successo? Ho accettato un lavoro al più grande banco dei pegni di Los Angeles; era considerato un servizio essenziale.
Quindi sono lì tutti i giorni con la mascherina ad aiutare questa clientela, e quello che ho visto mi ha affascinato.
I clienti ricevevano un prestito e poi lo rimborsavano, quindi ricevevano un altro prestito e lo rimborsavano, e lo facevano ancora e ancora e ancora.
Ma non li ha mai aiutati a creare credito.
Non li ha mai aiutati a passare a qualcosa di meglio di quello che avevano appena finito di ripagare.
Quindi erano bloccati in questo ciclo.
Questo è ciò che mi ha fatto pensare: e se potessimo costruire un prodotto che effettivamente ricompensi le persone per aver ripagato qualcosa? E più ho imparato sul credito, ho [visto] l'opportunità di costruire una carta di credito garantita da attività in cui diamo alle persone l'accesso a quello che è, all'inizio, un credito molto, molto più economico e li facciamo uscire da questo mondo di prestiti con anticipo sullo stipendio, banchi dei pegni, [e] prestiti per titoli e prodotti finanziari tradizionali.
È sorprendente che alcuni stati permettano ai banchi dei pegni di addebitare così tanti interessi.
Perché le leggi intorno a queste attività sono così vaghe e orribili? Quanto tempo hai? [Ride.] Non penso che abbastanza persone lo sappiano onestamente o, francamente, ci stiano lavorando.
Ma è una proposta orribile dall'inizio alla fine.
Come funziona esattamente il pesto? Come – dove – prendi possesso di questi oggetti di valore contro i quali stai fornendo credito? I clienti vanno online, trovano il nostro sito web.
Eseguono una rapida valutazione inserendo i dettagli sulla loro attività e noi diamo loro una stima di quale potrebbe essere la loro linea di credito.
Quindi forniamo loro un codice QR che consente loro di entrare in qualsiasi negozio UPS in tutto il paese, dove verrà imballato e spedito, completamente assicurato, direttamente a noi.
Una volta ricevuto il bene, lo apriamo sotto video, ispezioniamo il bene e diamo loro un'offerta finale di credito.
Da lì, giriamo una carta digitalmente e la carta fisica arriva un paio di giorni dopo per posta.
L'articolo viene quindi conservato in un caveau a temperatura controllata per il momento, e quando passano a una carta non protetta o chiudono il loro account, rispediamo loro l'articolo.
Ti preoccupi per le merci illecite? Siamo un modo orribile per recintare un oggetto.
I nostri clienti passano attraverso un KYC completo.
I prestiti dei banchi dei pegni in genere danno alle persone da 30 a 120 giorni per pagarli.
Non c'è una tempistica con l'offerta di Pesto? Ti interessano anche i beni o ti concentri principalmente sugli interessi derivanti dai prestiti che fornisci? Puoi utilizzare [la tua carta] finché è conveniente per il cliente.
Il nostro obiettivo è guadagnare il più possibile dalla transazione spesa.
Uno dei motivi per cui abbiamo tassi di interesse così bassi è che guadagniamo quando il cliente spende denaro, ma non lo addebitiamo al cliente, proprio come qualsiasi carta di credito standard.
Vogliamo assolutamente che i clienti riprendano i loro beni.
Con chi hai collaborato nel back-end? Abbiamo collaborato direttamente con MasterCard.
Abbiamo una banca emittente con cui lavoriamo direttamente: la Continental Bank nello Utah.
Lavoriamo con un elaboratore di carte di credito chiamato ITC.
Nel costruire una carta di credito, prendi quei pezzi e li metti tutti insieme per costruire la tua esperienza.
Questa parte demografica fa parte di una mossa iniziale? Nel tempo, la società della tua carta di credito prenderà di mira un'altra popolazione o settore? Abbiamo molte idee su dove potremmo andare con questo [dopo] aver trascorso gli ultimi due anni a costruire una moderna piattaforma di credito.
Abbiamo un sacco di cose sul tavolo da disegno.
Questo laureato di Stanford sta assumendo banchi dei pegni con una nuova startup di carte di credito di Connie Loizos originariamente pubblicata su TechCrunch

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: