Transportation

Carvana torna con i piedi per terra

Il grande rally di Carvana ora sembra più un blip sul radar.
Le azioni del rivenditore di auto online sono aumentate giovedì, chiudendo in rialzo del 56% rispetto al giorno precedente alla notizia che prevedeva di registrare un EBITDA rettificato per un valore di 50 milioni di dollari nel trimestre in corso, alimentato da una maggiore redditività delle vendite per auto.
Per Carvana, i guadagni sono stati una gradita inversione di tendenza.
La società, che una volta aveva prezzi delle azioni fino a $ 360 nel 2021, aveva registrato un calo costante fino a una sola cifra.
Tuttavia, nonostante il superamento di $ 25 per azione giovedì sulla scia del suo aggiornamento degli utili, le azioni di Carvana hanno chiuso oggi a $ 19,07, cancellando gran parte dei suoi recenti guadagni.
Ciò che ha cambiato il debito di Carvana e il calo delle entrate, e la fredda risposta che ha ottenuto dagli analisti del settore, ha eclissato le rosee previsioni di profitto dell'azienda.
C'era anche la preoccupazione che il risultato di redditività rettificato della società fosse un affare una tantum.
Altri commenti hanno fatto eco a ciò che TechCrunch ha scritto ieri: l'aumento della redditività di Carvana stava arrivando sulla scia del calo dei ricavi.
Al conteggio attuale, gli analisti di Wall Street si aspettano che Carvana registri ricavi per $ 2,57 miliardi nel secondo trimestre e $ 2,63 miliardi nel terzo trimestre.
Queste cifre si confrontano male se posizionate accanto ai risultati dei ricavi del secondo e del terzo trimestre del 2022, rispettivamente di $ 3,88 miliardi e $ 3,39 miliardi.
Carvana è una società fortemente indebitata, con un debito a lungo termine di oltre 6,5 miliardi di dollari alla fine del primo trimestre.
Con un utile lordo di poche centinaia di milioni a trimestre al conteggio attuale e un flusso di cassa operativo negativo di 66 milioni di dollari nel primo trimestre del 2023, la società ha davanti a sé una strada in salita.
Un po' di storia Carvana è stata lanciata nel 2013, definendosi il "primo rivenditore di auto online completo".
All'epoca, il co-fondatore Ernie Garcia III disse che la società aveva eliminato il sovraccarico fisico associato ai concessionari tradizionali, sostituendolo con "tecnologia a misura di consumatore" e offrendo viste interne ed esterne a 360 gradi del suo inventario.
Carvana ha abbracciato gli spazi commerciali fisici nel 2015, anche se in un modo nuovo, tramite "distributori automatici di auto" a più piani.
Negli anni successivi, Carvana si è assicurata miliardi in finanziamenti azionari e di debito e ha acquistato un paio di startup, vale a dire Car360 e Adesa.
Nonostante tutto, la società non ha ancora registrato un profitto reale.
Certamente, una migliore redditività per vendita e un miglioramento degli utili rettificati per il secondo trimestre sono i benvenuti, come evidenziato ieri dalla reazione iniziale degli investitori.
Tuttavia, non è chiaro se la traiettoria a lungo termine di Carvana sia cambiata abbastanza da giustificare un riprezzamento totale.
Sembra che oggi abbiano prevalso teste più fredde, o più ciniche.
Tuttavia, Carvana, a circa $ 19 per azione, vale quasi un terzo in più rispetto a prima che rilasciasse le sue ultime notizie.
Questa è una vittoria per l'azienda, non importa come la tagli.
Carvana torna con i piedi per terra di Harri Weber originariamente pubblicato su TechCrunch

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...