Transportation

GM e Ford potrebbero contribuire a scatenare una guerra sugli standard di ricarica collaborando con Tesla

Sette mesi fa, quando Tesla annunciò che avrebbe condiviso il design del connettore di ricarica per veicoli elettrici per incoraggiare le case automobilistiche ad adottare la tecnologia e contribuire a renderla il nuovo standard in Nord America, pochi, se non nessuno, prevedevano che i concorrenti avrebbero morso.
Ora, con Ford e General Motors che accettano di integrare la tecnologia di ricarica Tesla nei loro veicoli di nuova generazione entro il 2025, l'industria dei veicoli elettrici è improvvisamente all'apice di un cambiamento che potrebbe frantumare il mercato.
"Questi annunci con Ford e GM consolidano il fatto che continuerà a esserci una guerra per gli standard per un decennio", ha dichiarato a TechCrunch+ Arcady Sosinov, fondatore e CEO della startup di ricarica rapida FreeWire Technologies.
"NACS (lo standard di Tesla) è un'esperienza migliore e più OEM, crediamo, convergeranno su di esso." La maggior parte dei veicoli elettrici negli Stati Uniti, ad eccezione di Tesla, utilizza il Combined Charging System, uno standard di ricarica riconosciuto a livello internazionale sviluppato da un consorzio di case automobilistiche, tra cui Ford, Volkswagen e Daimler.
Tesla ha preso una direzione diversa e ha sviluppato un ecosistema di ricarica (soprannominato North American Charging Standard, o NACS) che include la porta e il connettore di ricarica.
Tesla ha anche creato una rete di migliaia di caricabatterie veloci chiamati Supercharger, accessibili solo ai veicoli con lo standard NACS.
CCS è stato lo standard di riferimento per le case automobilistiche.
Tuttavia, la qualità del sistema di ricarica di Tesla, dalle dimensioni e dal peso dei cavi di ricarica alla qualità delle stazioni di sovralimentazione alla facilità di pagamento, ha contribuito a spingere la casa automobilistica a diventare il venditore n.
1 di veicoli elettrici.
"Ford e GM stanno dicendo che non possono più aspettare", ha detto Sosinov.
"Non possono mettere il loro successo nelle mani di queste reti di ricarica che semplicemente non lo stanno facendo, e questa è una dichiarazione davvero importante da fare e dovrebbe essere un colpo di grazia a persone come Electrify Americas e EVgos".
Tesla è pronta a rendere disponibili 7.500 Supercharger a non Tesla entro il 2024, secondo una dichiarazione della Casa Bianca, ma non è chiaro se gli allineamenti di Ford e GM con Tesla abbiano cambiato quei piani.
L'apertura di Tesla Superchargers a Ford, GM e possibilmente ad altre case automobilistiche offre anche a Tesla un utilizzo garantito sulla sua infrastruttura.
Ma questo comporta le sue sfide.
I Tesla Supercharger situati lungo i corridoi della California e in alcune parti della costa orientale sono già affollati di Tesla.
La ricarica non è un'attività ad alto margine per Tesla.
Le entrate della casa automobilistica da "servizi e altro", che include la sovralimentazione insieme all'assistenza Tesla e alle parti e alle vendite di auto usate, sono arrivate a $ 1,8 miliardi nel primo trimestre.
Il costo di tali entrate è stato di $ 1,7 miliardi.
Ma ottenere un maggiore utilizzo dei caricabatterie esistenti potrebbe aiutare Tesla a finanziare l'implementazione di ancora più infrastrutture, fratturando ulteriormente il settore.
Un sistema a due standard L'industria della ricarica dei veicoli elettrici è nascente e, sebbene i sostenitori del CCS possano lamentare la scomparsa prematura di un protocollo di ricarica standardizzato, resta il fatto che viviamo già in un sistema a due standard.
Almeno negli Stati Uniti.
GM e Ford potrebbero contribuire a scatenare una guerra degli standard di ricarica collaborando con Tesla di Rebecca Bellan originariamente pubblicato su TechCrunch

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...