Lightspeed dice che l'India non è per i deboli di cuore dopo la scissione di Sequoia

Bejul Somaia, il partner fondatore di Lightspeed India, ha difeso fermamente il fascino del panorama degli investimenti dell'Asia meridionale, anche sulla scia di movimenti inquietanti come la decisione di Sequoia di segregare la sua impresa indiana.
"Il modello di startup e venture si basa sull'apprendimento e sull'adattamento rapido, sulla navigazione verso alti rialzi e sulla comprensione che le poche aziende che hanno davvero successo guidano le economie e l'umanità in avanti e creano un enorme valore", ha scritto Somaia in un saggio, pubblicato su Twitter.
“E quelli che non hanno successo contribuiscono a un ciclo di distruzione creativa che è essenziale per lo sviluppo di un'economia dell'innovazione.
Il potenziale dell'India rimane incredibilmente convincente: un mercato considerevole, fondatori di alta qualità e adozione a senso unico della tecnologia.
La domanda non è se ci sia un potenziale, ma come gestire al meglio questo potenziale".
Le osservazioni di Somaia arrivano sulla scia di un'escalation di critiche da parte di alcune figure del settore che sono state apertamente scettiche sulla decisione di Sequoia di tagliare il braccio dell'India e del sud-est asiatico.
La storica società di venture capital ha dichiarato all'inizio di questo mese che intende separare le sue operazioni in India e Cina dalla nave madre statunitense, una mossa che ha suscitato un acceso dibattito nel settore.
Chamath Palihapitiya, il miliardario fondatore di Social Capital, ha dichiarato di essere rimasto perplesso dalla decisione di Sequoia di dividere l'attività in India.
"Sono rimasto sorpreso dal motivo per cui avrebbero permesso all'India di andarsene", ha detto la scorsa settimana nel suo podcast All-In.
“L'India è un Paese che cresce del 6% all'anno.
Sembra letteralmente la Cina nel 2008-09.
Penso che vorresti attaccarli a te stesso perché fa sembrare migliore il business negli Stati Uniti.
Palihapitiya ha affermato di non accettare l'idea – la giustificazione registrata fornita dalla società di venture capital – che Sequoia sta dividendo l'attività a causa di problemi di conflitto di portafoglio.
“Sequoia China negli ultimi 15-20 anni è stata francamente buona o probabilmente migliore di Sequoia US Sequoia India, non credo abbia molto di cui parlare e forse ciò che Roelof (Botha, Managing Partner di Sequoia Capital) ha deciso è che questa squadra non è molto brava, quindi potremmo anche tagliarla e rivisitarla più tardi.
Sequoia India e SEA, l'investitore più prolifico della regione, hanno raccolto 9,2 miliardi di dollari attraverso 13 fondi nell'ultimo decennio e mezzo e sostenuto oltre 400 startup.
L'azienda, ora nota come Peak XV Partners, ha realizzato uscite per 4,5 miliardi di dollari.
Lightspeed India, che ha anche iniziato a investire in India oltre un decennio fa, ha raccolto $ 1,6 miliardi fino ad oggi e ha restituito circa $ 1 miliardo ai suoi soci accomandanti e il valore della sua attuale partecipazione in asset è di $ 3,4 miliardi, ha affermato Somaia.
“L'India non è per i deboli di cuore.
L'India è dura.
Ma l'India ne vale la pena", ha scritto.
L'India è progressivamente venuta alla ribalta come mercato estero chiave per gli investitori di capitale di rischio e di private equity, che negli ultimi due decenni hanno perlustrato il mondo alla ricerca di mercati in crescita sostanziale.
Tuttavia, anche se le startup indiane hanno raccolto più di 75 miliardi di dollari di finanziamenti negli ultimi 15 anni, le opportunità di uscita significative per gli investitori sono state poche e lontane tra loro.
Il partner di Tiger Global Scott Shleifer ha fatto eco a un sentimento simile all'inizio di quest'anno.
È probabile che l'India produrrà i più alti rendimenti azionari a livello globale in futuro, ha affermato, ma ammettendo che il secondo mercato Internet più grande del mondo ha prodotto storicamente rendimenti inferiori alla media per il gigante degli investitori e l'ecosistema delle startup locali era alle prese con sfide di governance ed economia unitaria.
“Storicamente, i rendimenti sul capitale in India hanno fatto schifo.
Se guardi alle società Internet leader di mercato, che si tratti di Google, Facebook, Alibaba o Tencent, le entrate per loro sono diventate maggiori del costo più di un decennio fa.
Hai avuto una grande eredità degli ultimi 17-18 anni di società Internet materialmente redditizie.
Quindi i rendimenti del capitale proprio in Internet sono diventati molto alti e i rendimenti per gli investitori sono stati davvero alti.
Ma questo non è successo in India", ha detto.
Lightspeed afferma che l'India non è per i deboli di cuore dopo la separazione di Sequoia da Manish Singh originariamente pubblicata su TechCrunch

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: