Questa startup sostenuta da venture capital ha tranquillamente acquistato più di 80 negozi a conduzione familiare

Teamshares è una startup con sede a Brooklyn, a basso costo, con grandi ambizioni di sfruttare un'opportunità in bella vista: quella delle piccole imprese senza un piano di successione.
Non è un mercato piccolo.
Secondo la US Small Business Administration, le piccole imprese rappresentano il 99,7% delle aziende statunitensi e il 64% dei posti di lavoro nel settore privato.
Nel frattempo, solo il 15% circa dei titolari di piccole imprese trasferisce la propria azienda a un membro della famiglia, mentre molti altri a un certo punto semplicemente chiudono i battenti.
Con l’invecchiamento della popolazione negli Stati Uniti, Teamshares scommette che questo mercato diventerà ancora più grande, motivo per cui dal 2018 ha acquisito 84 piccole imprese da proprietari in pensione.
A questi proprietari piace la sua presentazione.
Sebbene Teamshares affermi che a volte paga un'azienda al di sotto del prezzo di mercato, insedia un nuovo presidente che forma e concede il 10% delle azioni dell'azienda ai suoi dipendenti.
Inoltre, si promette di aumentare la proprietà dei dipendenti all'80% entro 20 anni.
Sembra quasi coraggioso, come quando KKR acquistò un’azienda di produzione di porte nel 2015 e promise a ogni dipendente un pagamento di almeno 15.000 dollari se l’azienda avesse raggiunto i suoi obiettivi una volta venduta.
Quando nel 2022, KKR vendette l’azienda per 10 volte quello che aveva pagato, i suoi 800 dipendenti videro un pagamento di 360 milioni di dollari.
Ma Teamshares non opera nel settore del private equity.
È una società fintech che fino ad oggi ha raccolto 245 milioni di dollari in capitale di rischio, anche da QED Investors, Spark Capital, Union Square Ventures, Inspired Capital, Khosla Ventures e Slow Ventures.
Ha anche assicurato altri 150 milioni di dollari di debito.
Questi sostenitori non finanziano Teamshares in modo che possa crescere e rivendere le attività acquisite.
Infatti, secondo il co-fondatore e CEO Michael Brown, Teamshares non vuole vendere le società che sta acquistando, mai e poi mai.
Il piano è invece quello di generare entrate da una gamma crescente di prodotti fintech che vende alle aziende che acquista.
Pensa alle assicurazioni, pensa alle carte di credito.
Se tutto andrà come previsto, Teamshares finirà per sostituire la maggior parte dei fornitori utilizzati da queste aziende e diventerà un marchio noto a molti altri al di fuori della sua sfera immediata.
Certamente, è uno dei modelli fintech più unici che questo giornalista possa ricordare.
Più sotto, modificato per lunghezza.
TechCrunch: A parte alcune eccezioni come KKR, che si concentra in parte sull'azionariato dei dipendenti perché i proprietari tendono ad essere dipendenti migliori, non conosco un'altra società sostenuta da venture capital che faccia quello che stai facendo tu.
Come sei arrivato a questa idea più ampia? Michael Brown: Ho trascorso i primi sette anni della mia carriera nell'investment banking.
Ed è lì che ho conosciuto Alex Eu e Kevin Shiba, gli altri due fondatori.
Kevin ha deciso molto presto di voler entrare nel settore tecnologico [e si è unito] all'Assemblea Generale del bootcamp di codifica; Alex e io siamo andati a comprarne una, e poi alla fine otto, piccole imprese.
Siamo passati dall'essere fogli di calcolo finanziari all'essere operatori e successivamente imprenditori; imparare come gestire un'impresa informa [il nostro lavoro] oggi.
Come sei uscito da quelle attività? Possediamo ancora quelli in Canada; oggi si gestiscono da soli.
C'è un presidente, un vicepresidente.
Sono una specie di azienda ereditaria dormiente, ma hanno anche iniziato il percorso di azionariato dei dipendenti, e questo continua.
Guadagni da quelle attività attraverso i dividendi? È così che guadagnerai su Teamshares? Il modo in cui Teamshares guadagna è che acquistiamo aziende, ci diluiamo volontariamente per far ripartire l'azionariato dei dipendenti.
Noi [ritagliamo] il 10% per tutti i dipendenti e un ulteriore 5% per [un presidente che assumiamo per gestire ciascuna attività], e quelle azioni sono un dono: si guadagnano nel tempo attraverso il servizio.
Da un punto di vista finanziario, siamo [strutturati] proprio come Berkshire Hathaway, quindi se acquistiamo un'azienda con 5 milioni di dollari di entrate, quelle diventeranno le nostre entrate il giorno successivo.
Traiamo profitto dagli utili dell'azienda acquisita, in proporzione alla nostra proprietà, e vendiamo le nostre azioni nel tempo alle società fino a quando non diventano di proprietà dei dipendenti per l'80%.
Abbiamo anche nuovi flussi di entrate che abbiamo appena iniziato a lanciare.
Abbiamo costruito una neobank, presto lanceremo le carte di credito e stiamo costruendo anche un'attività assicurativa, quindi c'è un livello secondario di prodotti finanziari che sostanzialmente sostituiranno i venditori che le aziende utilizzavano.
Questi prodotti saranno disponibili esclusivamente per le società Teamshares o inizierai da lì e ti espanderai? La speranza è quest'ultima.
Costruiamo qualcosa solo se un prodotto non esiste per il nostro caso d'uso esatto, che è una combinazione di piccola impresa veramente tradizionale o proprietà dei dipendenti.
E non c'è molta roba [là fuori].
Quando siamo partiti, non pensavamo che avremmo costruito una neobanca, ma semplicemente non c'era qualcosa che esistesse per noi, in parte perché le piccole imprese purtroppo ricevono ancora molti assegni.
Ma la speranza è che in futuro – chiamiamolo nei prossimi cinque anni – potremmo ampliare e aprire questi prodotti e fare in modo che le piccole imprese generalmente conoscano Teamshares.
Cosa hanno in comune le aziende che avete acquisito finora? I punti in comune tra le aziende riguardano l’azionariato dei dipendenti, l’educazione finanziaria, il programma presidenziale e l’infrastruttura finanziaria.
Quindi, siamo controllati da KPMG, ad esempio, e aiutiamo queste aziende a passare dalla contabilità mamma-e-pop ad avere un'infrastruttura finanziaria reale e ad essere in grado di produrre rendiconti finanziari ogni mese conformi ai GAAP.
Ma noi crediamo davvero che le aziende [operino nel modo] più indipendente possibile.
Forniamo supporto e lavoriamo a stretto contatto con i presidenti.
Ma non pensiamo che sia una buona idea cercare di integrare tutte le aziende.
Quindi non stai cercando di raggruppare società simili, o gruppi o società simili? Ci sono alcune eccezioni in cui, ad esempio, abbiamo acquistato pizzerie in uno stato dell'est, e queste vengono integrate per creare un'azienda più grande che creerà più ricchezza azionaria dei dipendenti di quanto potrebbe fare un insieme autonomo di pizzerie.
Lo stiamo facendo di nuovo nella manutenzione del pool, dove molte aziende sono davvero [piccole] e in realtà [acquistano] una prima che è piccola ma abbastanza grande da sostenere il costo di un presidente, e poi puoi aggiungerne di più piccole.
Quindi c'è un elemento di tipo roll-up in alcune aziende con cui lavoriamo, ma in generale, riteniamo che si tratti di aziende di altissima qualità che possono operare in modo abbastanza indipendente e in realtà facciamo una devota promessa ai clienti che le aziende diventeranno 80 %, di proprietà dei dipendenti o mai più in vendita.
Quali sono i tuoi criteri di investimento? Esistono oltre 40 settori specifici [rappresentati nell'attuale portafoglio di Teamshares], ma in realtà rientrano in circa sei categorie, ovvero servizi alle imprese, servizi ai consumatori, distribuzione, produzione, ristoranti e vendita al dettaglio.
Quindi sono tutte aziende tradizionali che hanno, in media, 30 anni, con un fatturato annuo compreso tra 2 e 10 milioni di dollari in generale.
Siamo convinti che l'azionariato dei dipendenti funzioni in ogni settore e la nostra decisione finale effettiva, tra i 70.000 contatti che riceviamo ogni anno, viene presa caso per caso.
Ma iniziamo filtrando le aziende in base a quelli che chiamiamo i nostri criteri strutturali.
Quindi è una vera svendita di pensione? I proprietari hanno quell'età? Ci sono due o più gestori? C'è una bassa concentrazione dei clienti? I guadagni compaiono nella dichiarazione dei redditi? Hai intenzione di vendere a queste aziende i tuoi prodotti.
Esistono altri modi in cui le aziende nell'ecosistema Teamshares possono lavorare insieme? Assolutamente.
Stiamo ormai raggiungendo il punto in cui stiamo iniziando a organizzare le aziende attorno a gruppi industriali.
Quindi si parla di tutte le società di ristorazione che si uniscono [verso l'obiettivo di] acquisti comuni.
I presidenti [a volte] condividono le conoscenze su quale sia il miglior tipo di sistema ERP e altro software da utilizzare? Poi ci sono altre cose che non ha senso costruire per noi, ma che possiamo organizzare partnership con grandi fornitori aziendali.
Quindi, ad esempio, molte di queste aziende hanno bisogno di veicoli, quindi avere un conto nazionale con uno dei principali noleggiatori di veicoli avrà senso.
Hai menzionato Berkshire Hathaway all'inizio.
È questo ciò che aspiri a costruire? Vuoi che Teamshares diventi pubblico? Il risultato più probabile è che diventiamo pubblici, ma ci sono anche modi per rimanere privati.
Non abbiamo intenzione di vendere mai Teamshares, vorremmo che fosse indipendente.
Per quanto riguarda l'articolo di Berkshire Hathaway, sottoscriviamo gran parte della loro filosofia di avere una mentalità a lungo termine e di essere piuttosto efficienti nella nostra sottoscrizione e di mantenere le cose semplici.
Ma non siamo una traduzione uno per uno del modello.
Il loro modello è quello di avere la proprietà permanente per sempre, mentre il nostro modello prevede l'azionariato dei dipendenti come una svolta, quindi in realtà stiamo rinunciando a una certa quantità di crescita futura realizzando l'azionariato dei dipendenti.
E crediamo che sia la cosa giusta da fare.
E crediamo che grazie a questo le aziende diventeranno più grandi e migliori.
Inoltre Berkshire Hathaway può acquistare solo aziende che hanno già un amministratore delegato, mentre questo non è un lusso che si può concedere nelle piccole imprese.
Ci siamo resi conto che dovevamo costruire una nuova generazione di persone, generalmente tra i 30 e i 40 anni, che fossero pronte per qualcosa di più imprenditoriale e pronte per qualcosa di veramente in linea con la missione.
E così reclutiamo persone da aziende davvero grandi – McKinsey, USAA, Tesla e Amazon – e le formiamo per gestire queste piccole imprese.
Quanti dipendenti hai e quanto è grande il tuo team tecnico? Abbiamo circa 140 persone in totale e un team tecnico di 70 persone, quindi abbiamo chiuso sette aziende al mese con due persone.
Abbiamo creato molta leva finanziaria costruendo molti software per noi stessi e per le aziende.

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: