Venture

VC GMG Ventures, società di tecnologia multimediale in fase iniziale del Regno Unito, cambia marchio in Mercuri e chiude un fondo da 50 milioni di sterline

GMG Ventures, società di capitale di rischio per la tecnologia dei media in fase iniziale con sede nel Regno Unito, ha rinominato Mercuri.
Ha anche raccolto 50 milioni di sterline (81,35 milioni di dollari) per il suo secondo fondo guidato dalla British Business Bank, attraverso il suo programma Enterprise Capital Funds, per sostenere le startup che utilizzano l'intelligenza artificiale per reinventare i modelli di media tradizionali.
Altri investitori nell'ultimo fondo includono The Scott Trust, proprietario del Guardian Media Group e investitore inaugurale di Mercuri, che lo ha lanciato per supportare lo sviluppo di nuove attività tra le interruzioni che si verificano nello spazio dei media.
Hanno partecipato anche diversi altri sostenitori istituzionali, strategici e angel.
"Siamo lieti di annunciare il lancio del nostro primo fondo multi-LP in un momento in cui questo profondo progresso nell'intelligenza artificiale sta influenzando l'intero ecosistema della tecnologia dei media, compresa la creazione di contenuti, i giochi, la personalizzazione, la musica, la privacy, l'istruzione, la comunità e la comunicazione ”, ha affermato Alan Hudson, general partner fondatore di Mercuri.
“L'opportunità nel mercato è probabilmente più forte che mai in questo momento con alcuni problemi complessi che il settore deve affrontare.
Cercheremo di utilizzare tutta l'ampiezza e la profondità delle conoscenze del nostro team esperto per supportare le startup in cui investiamo e creare valore duraturo".
Il Moonfire VC del Regno Unito raccoglie il suo secondo fondo da 115 milioni di dollari per puntare alle start-up in fase iniziale A parte la base diversificata di investitori e il cambio di nome, nient'altro è destinato a cambiare per l'azienda di VC, che prevede di continuare a guidare gli investimenti nella fase iniziale, e concentrandosi sulla creazione, distribuzione, consumo e monetizzazione di contenuti e dati.
In particolare, Mercuri ha affermato che presterà maggiore attenzione alle startup migliorando il modo in cui le persone comunicano e si impegnano in un contesto professionale e personale utilizzando l'IA.
“Stiamo investendo in attività di intelligenza artificiale generativa dal 2018 e continua a essere un'area di interesse.
All'interno della creazione di contenuti, i modelli di intelligenza artificiale generativa includono tutti gli strumenti per i creatori (ad esempio testo in diversi formati audio e visivi), strumenti per sviluppatori (da testo a codice) e strumenti per pensare ", ha affermato Hudson.
“La creazione include anche l'economia dei creatori in cui siamo un investitore attivo.
Ci sono oltre 200 milioni di creatori in tutto il mondo che si guadagnano da vivere e accedono agli strumenti di sviluppo ad esso associati ", ha affermato.
Mercuri ha investito in 21 startup nel suo primo fondo tra cui l'acceleratore e incubatore Founders Factory.
Prevede di finanziare otto nuovi prodotti, effettuando diversi investimenti successivi ogni anno.
Il Regno Unito sollecita un fondo da 21 milioni di sterline per estendere l'intelligenza artificiale più in profondità al Servizio Sanitario Nazionale La tecnologia dei media in fase iniziale del Regno Unito VC GMG Ventures cambia marchio in Mercuri, chiude il fondo da 50 milioni di sterline di Annie Njanja originariamente pubblicato su TechCrunch

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...