La Cina svela le regole provvisorie per l'IA generativa, incluso un regime di licenze

Poiché i casi d'uso dell'IA generativa vedono un adattamento esplosivo, la Cina ha assunto un ruolo di primo piano nella definizione di come utilizzare la tecnologia in rapida evoluzione, compreso un regime di licenze per i fornitori di servizi.
Giovedì, il principale regolatore del cyberspazio cinese ha svelato una serie di regole provvisorie per governare i servizi di intelligenza artificiale generativa, inclusi i fornitori di API, che servono gli utenti con sede in Cina.
La domanda quindi è se la rapida risposta della Cina per frenare l'IA generativa e le sue rigide regole soffoceranno l'innovazione.
I responsabili politici sono ben consapevoli della preoccupazione, sottolineando nel documento che le regole mirano a "bilanciare sviluppo e sicurezza".
Innanzitutto, le regole richiedono ai fornitori di IA generativa di aderire ai valori fondamentali del socialismo, che proibiscono qualsiasi cosa, dalla pornografia al terrorismo, al razzismo e ai contenuti che minacciano la sicurezza nazionale della Cina.
Gli algoritmi che possono influenzare le opinioni pubbliche, dicono le regole, devono essere registrati presso l'autorità competente.
Anche i fornitori di servizi di IA generativa dovrebbero ottenere una licenza amministrativa in conformità con la legge, sebbene il documento non specifichi chi è tenuto a farlo.
Quando si tratta di protezione degli utenti, le regole stabiliscono che gli algoritmi non devono essere discriminatori sulla base di fattori quali etnia, sesso, età, occupazione o salute e non devono essere utilizzati per comportamenti anticoncorrenziali.
I fornitori di servizi sono incoraggiati a creare un sistema anti-dipendenza per gli utenti minorenni, simile a quelli utilizzati nei videogiochi.
I fornitori di servizi sono responsabili dell'identificazione e dell'arresto del processo generativo per i contenuti illegali, e successivamente della correzione degli algoritmi e della segnalazione dell'incidente all'autorità competente.
Ciò significa che le richieste in un generatore di immagini o in un chatbot potrebbero potenzialmente portare a problemi legali per le persone.
Inoltre, le autorità di regolamentazione hanno il diritto di conoscere le specifiche di un modello di IA generativa, compresi i dati di addestramento, le dimensioni, il tipo, le regole di codifica e gli algoritmi.
Infine, lo sviluppo dell'IA in Cina è stato uno sforzo dall'alto verso il basso.
Il documento chiede la creazione di una piattaforma pubblica di formazione sui dati e la condivisione della potenza di calcolo.
A Pechino sono già state proposte regole concrete per una piattaforma centralizzata e sostenuta dallo stato che allochi le risorse del cloud pubblico in base alle esigenze dei clienti.
piattaforme e altre infrastrutture, pur incoraggiando una cooperazione internazionale "uguale e reciprocamente vantaggiosa".
Le regole cinesi sull'IA generativa stabiliscono limiti e punizioni per l'uso improprio La Cina svela le regole provvisorie per l'IA generativa, incluso un regime di licenze di Rita Liao originariamente pubblicato su TechCrunch

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: