Problemi di concorrenza nell'era dell'intelligenza artificiale

Henry Hauser Collaboratore Condividi su Twitter Henry Hauser è consulente nei gruppi di pratica antitrust e contenzioso di Perkins Coie e ha una significativa esperienza di lavoro su questioni relative a indagini e contenziosi antitrust ai sensi delle sezioni 1 e 2 dello Sherman Act e della sezione 7 del Clayton Act.
Shylah Alfonso Collaboratore Shylah Alfonso è Firmwide Chair della pratica di contenzioso antitrust e concorrenza sleale di Perkins Coie, incentrata su consulenza e contenzioso antitrust, autorizzazione antitrust per fusioni e acquisizioni, azioni collettive e contenziosi commerciali complessi, proprietà intellettuale e diritto equo, ragionevole e non discriminatorio (FRAND ) contenzioso.
Chris Williams Collaboratore Chris Williams è partner di Perkins Coie e si occupa di questioni antitrust relative a transazioni commerciali, incluse fusioni e acquisizioni (M&A); joint venture e altre collaborazioni strategiche; concessione in licenza di proprietà intellettuale; e accordi sui prezzi, la fornitura e la distribuzione.
L'antitrust è il motore della libera impresa: modella innumerevoli linee di commercio, dalla tecnologia ai servizi igienici, dalla birra al baseball e dall'assistenza sanitaria all'hardware.
L'antitrust guida il prezzo, la qualità, la varietà, l'innovazione e le opportunità.
Oggi l'intelligenza artificiale sta rapidamente cambiando il modo in cui le aziende percepiscono, ragionano e si adattano al mercato.
In ogni settore, le aziende stanno sfruttando l'apprendimento automatico per ricavare preziose informazioni senza un ampio coinvolgimento dei dipendenti.
Ma queste capacità rivoluzionarie stanno creando uno sconvolgimento nel modo in cui le aziende interagiscono con concorrenti e consumatori.
Avvocati esperti in materia di concorrenza e protezione dei consumatori possono aiutare le aziende a sfruttare le opportunità offerte dall'IA durante la navigazione nella terra nova del rischio normativo e di contenzioso.
Sebbene non sia corretto considerare l'IA come una scatola nera, la complessità dei sistemi di intelligenza artificiale può rendere opaco il ragionamento.
Ciò significa che i collegamenti tra i risultati dell'IA e le giustificazioni aziendali razionali rischiano di essere oscurati o addirittura persi del tutto.
Tuttavia, è improbabile che le autorità di regolamentazione giustifichino le preoccupazioni dei consumatori e della concorrenza semplicemente perché un'organizzazione non può spiegare perché determinate azioni sono state intraprese e altre no.
L'esposizione legale esiste ai sensi dello Sherman Antitrust Act, del Federal Trade Commission Act (FTC), del Robinson-Patman Act, nonché delle leggi statali sull'antitrust e sulla protezione dei consumatori.
Implementando policy e processi che preservano il controllo umano e la responsabilità, le organizzazioni possono ridurre al minimo l'esposizione legale ed evitare conseguenze indesiderate.
Un approccio proattivo e personalizzato è fondamentale.
L'intelligenza artificiale influisce sulla concorrenza e sui consumatori in innumerevoli modi, anche quando viene utilizzata per funzioni aziendali fondamentali.
Pricing AI aiuta le aziende a prendere decisioni sui prezzi rispondendo rapidamente ai cambiamenti istantanei della domanda, dell'inventario e dei costi di input.
Sintetizzando e riassumendo grandi quantità di dati complessi, può essere un aiuto significativo nella costruzione e nell'adattamento delle politiche di prezzo.
Ma i risultati generati dalla determinazione dei prezzi assistita dall'intelligenza artificiale possono anche essere visti come una facilitazione di per sé di collusione illecita, come la fissazione dei prezzi o la manipolazione delle offerte.
Secondo la presidente della FTC Lina Khan, l'intelligenza artificiale "può facilitare comportamenti collusivi che gonfiano ingiustamente i prezzi".
Queste preoccupazioni possono derivare direttamente o indirettamente dall'utilizzo dell'IA per eseguire una vasta gamma di attività come il benchmarking, la disaggregazione di informazioni, la segnalazione, lo scambio di informazioni o l'analisi delle tendenze dei prezzi.
Gli algoritmi di determinazione dei prezzi, ad esempio, possono sollevare problemi di antitrust quando i concorrenti li utilizzano per far rispettare un accordo preliminare, i fornitori di algoritmi avviano o organizzano un accordo, le aziende applicano algoritmi per aumentare drasticamente i prezzi o anche quando i concorrenti impiegano autonomamente algoritmi che successivamente intraprendono comportamenti collusivi.
La Divisione Antitrust del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sottolinea che "l'aumento dell'aggregazione dei dati, dell'apprendimento automatico e degli algoritmi di determinazione dei prezzi…
può aumentare il valore competitivo dei dati storici" e garantisce "una revisione del modo in cui pensiamo allo scambio di informazioni sensibili alla concorrenza".
AcquistiPreoccupazioni per la concorrenza nell'era dell'intelligenza artificiale di Walter Thompson originariamente pubblicato su TechCrunch

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: