ClimateStartupsTecnologia

DePoly evita che la plastica riciclabile finisca nelle discariche

Ogni anno vengono prodotte circa 400 milioni di tonnellate di plastica, ma meno del 10% viene riciclato, mentre la maggior parte del resto finisce incenerita o in discarica.

Uno dei motivi è che è difficile per i processi di riciclaggio convenzionali gestire plastiche contaminate, come quelle composte da diversi tipi di plastica, combinate con altri materiali o semplicemente sporche.

DePoly, una startup deep tech, ha sviluppato un processo in grado di affrontare flussi di plastica complessi e trasformare la plastica in materia prima senza comprometterne la qualità.

La startup con sede in Svizzera ha annunciato oggi di aver raccolto 13,8 milioni di dollari in finanziamenti iniziali.

Il round è stato co-guidato da BASF Venture Capital e Wingman Ventures, con la partecipazione di altri investitori come Beiersdorf, Infinity Recycling, CIECH Ventures e Angel Invest.

La tecnologia di riciclaggio chimico di DePoly riconverte tutte le materie plastiche PET e i tessuti in poliestere nei loro principali componenti chimici grezzi, che vengono poi rivenduti all’industria per creare nuovi articoli.

DePoly afferma che gli articoli realizzati con la sua materia prima sono di qualità vergine.

L’azienda attualmente gestisce un impianto pilota in grado di elaborare 50 tonnellate all’anno di flussi complessi di plastica PET o poliestere.

Serve industrie tra cui imballaggi post-consumo, tessuti, moda e flussi post-industriali.

DePoly sta costruendo un impianto vetrina con una capacità di 500 tonnellate per dimostrare la sua tecnologia su scala commerciale e ha già cinque clienti, che vanno dai marchi di fast fashion, marchi sportivi e utilizzatori di imballaggi ai produttori di resina.

DePoly è stata fondata nel 2020 dal CEO Samantha Anderson, dal CTO Bardiya Valizadeh e dal CSO Christopher Ireland, e ora ha un team di 13 persone.

Negli anni prima del lancio di DePoly, i tre si sono trasferiti in Svizzera per lavorare ai loro dottorati di ricerca e post-dottorato.

Anderson ha detto che sono stati pubblicati molti articoli su questioni come la microplastica nelle persone, la crescita di chiazze di plastica nell’oceano e gli animali che si lavano a riva con microplastiche nello stomaco.

DePoly evita che la plastica riciclabile finisca nelle discariche

I fondatori di DePoly Christopher Ireland, Samantha Anderson e Bardiya Valizadeh “Per noi, tutto questo è stato piuttosto allarmante, in particolare perché le aziende sembravano non preoccuparsi di risolvere il problema ora, non tra 10 o 15 anni”, ha affermato Anderson. “Così abbiamo deciso che volevamo affrontare il problema della plastica, usando la chimica e le competenze che avevamo sviluppato durante i nostri studi, con l’obiettivo di farlo funzionare, di far nascere un’azienda e affrontare il problema più velocemente di quanto si stessero muovendo gli altri.” Il riciclaggio convenzionale della plastica significa che cose come bottiglie e imballaggi alimentari in PET e altre materie plastiche vengono portate in un impianto di riciclaggio, quindi smistate in colori, pulite, sciolte e trasformate in pellet rPET. Ma se sono troppo sporchi, mescolati con altre materie plastiche o sotto forma di tessuto o fibre, di solito vengono inceneriti o gettati in una discarica, ha detto Anderson.

Esistono anche limiti a ciò che può essere riciclato a causa degli standard di salute e sicurezza alimentare, il che significa che la maggior parte della plastica prodotta viene distrutta o gettata via e la nuova plastica deve essere ricavata dal petrolio greggio.

La tecnologia di riciclaggio chimico di DePloy funziona a temperatura ambiente e pressione standard e non necessita di plastica e materiali da lavare, pre-selezionare, pre-fondere o separare. Ciò significa che può essere utilizzato per riciclare PET e poliestere che non entrano nei sistemi di riciclaggio convenzionali, tra cui plastica mista, colori misti, flussi di rifiuti di plastica sporchi, tessuti e fibre. Il PET viene riconvertito in PTA e MEG, i suoi due monomeri originali.

Anderson ha spiegato che DePoly ha un modello B2B, che collega gli utenti di rifiuti di plastica complessi, come poliesteri misti, articoli in PET multistrato o articoli in PET troppo sporchi o contaminati chimicamente per essere introdotti nel processo di riciclaggio meccanico, con le persone che producono articoli in PET di qualità vergine dal petrolio a causa della limitata accessibilità a prodotti chimici sostenibili come PTA e MEG.

La tecnologia di DePoly consente a una parte di sbarazzarsi del PET e di altri rifiuti di plastica e all’altra parte (o ai produttori) di avere accesso alle sostanze chimiche originali e sostenibili che compongono tali articoli, creando un’economia circolare per la plastica.

DePoly può anche eseguire il ripristino dei contenuti. Ad esempio, può recuperare PP o cotone da combo PP/PET o miste cotone/poliestere. Anderson ha detto che ciò è dovuto alla bassa temperatura del suo sistema, perché non fonde i polimeri.

La startup sta anche ridimensionando la tecnologia per poliuretani (PU), acido polilattico (PLA) e polimeri simili come PBT.

Come esempio di come è stato utilizzato il processo di riciclaggio chimico di DePoly, Anderson ha affermato di aver lavorato con clienti nel settore degli articoli sportivi che hanno articoli in poliestere misto poliuretano.

Il contenuto di poliuretano significa che quegli articoli verrebbero solitamente scartati, ma DePoly è in grado di riciclarli completamente e ora sta ridimensionando la sua tecnologia per recuperare la parte di poliuretano.

Anderson cita le startup Carbios, Gr3n e Ioniqua come altre startup che stanno facendo un lavoro simile con la plastica, e dice che pensa che “la tecnologia che hanno sviluppato è davvero eccellente”.

Il modo principale in cui DePoly si differenzia è la reazione che si verifica durante il suo processo di riciclaggio, l’uscita del prodotto nel caso di Ioniqua, la temperatura richiesta per la reazione e la soglia di contaminazione consentita. “Nel nostro caso, abbiamo una temperatura più bassa, produciamo gli stessi monomeri che compongono il PET e, a quanto ci risulta, abbiamo una soglia di contaminazione più alta rispetto ad altri”.

In una dichiarazione sull’investimento, la direttrice di Wingman Ventures Antonia Albert ha dichiarato: “Siamo estremamente orgogliosi di supportare DePoly sin dal primo giorno nel loro viaggio per affrontare questa crisi planetaria per ripulire i nostri oceani e le discariche dai rifiuti di plastica e per dare il benvenuto ai principali investitori del settore chimico , riciclaggio, clima e deep tech space a bordo per costruire il leader globale per il riciclaggio sostenibile della plastica”.

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...