La startup della supply chain Baskit supporta gli intermediari indonesiani

I distributori di grandi marchi dominano la parte superiore della catena di approvvigionamento, ma verso il basso ci sono migliaia di intermediari, inclusi i grossisti, che sono quelli che creano relazioni con i rivenditori.
Fondata lo scorso anno, Baskit vuole fornire loro strumenti per digitalizzare la gestione del loro inventario e servizi per aiutarli a ottenere prezzi migliori.
La startup con sede in Indonesia ha annunciato oggi di aver raccolto 3,3 milioni di dollari per il suo seed round, da investitori tra cui Betatron, Forge, 1982, Investible, DS/X, Orvel e Michael Sampoerna.
Questo segue un seed round da $ 1,5 milioni tre mesi fa.
Il fondatore Yann Schuermans ha affermato di essere un “grande sostenitore dello spazio.
Le catene di approvvigionamento sono fondamentali per le economie di tutte le principali economie del sud-est asiatico, poiché ovunque dal 40% al 50% del loro PIL dipende dalle catene di approvvigionamento.
Alla fine devono modernizzare e digitalizzare”.
Baskit lavora attualmente con più di 50 grossisti, prevalentemente nel West Java.
Schuermans ha osservato che le catene di approvvigionamento nei mercati emergenti sono molto frammentate, specialmente in Indonesia, che ha una geografia complicata con migliaia di isole.
Di conseguenza, una catena di approvvigionamento non è semplice come portare merci dal punto A al punto B.
Gli intermediari sono necessari, ha affermato Schuermans, perché le catene di approvvigionamento iniziano con un produttore e distributori, quindi i distributori più piccoli e i grossisti che vendono ai rivenditori.
"Tutti questi ragazzi nel mezzo sono così critici con le loro relazioni e la connettività con le loro comunità", ha aggiunto.
“I loro figli vanno a scuola con i figli dei negozianti che acquistano i loro prodotti.
I grossisti spesso non hanno l'esclusiva per i marchi, operando più come commercianti acquistando prodotti che possono vendere a prezzi più alti.
Invece di sforzarsi di eliminare il ruolo degli intermediari dalle catene di approvvigionamento, Baskit fornisce loro diversi livelli di strumenti per far crescere le loro attività.
Ciò include il software che li aiuta a digitalizzare le loro operazioni e portare l'inventario online.
Il team di Baskit da sinistra a destra: Da sinistra a destra: Adityo Wibisono Haryanto (responsabile del prodotto), Yann Schuermans (CEO), Sigfrid Erik (responsabile della tecnologia), Yoonjung Yi (responsabile del personale), Surya Bhirawa (responsabile commerciale) , e Hamdhanny Suria Amijaya (responsabile delle operazioni) Schuermans ha affermato che Baskit si differenzia dalle altre startup della catena di approvvigionamento perché spesso si concentrano sulla creazione di software ERP per la parte superiore delle catene di approvvigionamento, come i grandi distributori di marchi che fanno decine di milioni di dollari al mese nel fatturato.
Al contrario, il software di Baskit aiuta gli intermediari organizzando i loro magazzini e l'inventario, dando loro visibilità su prezzi, merci mancanti o articoli che stanno invecchiando.
Quindi il loro inventario è collegato a un sistema di ordinazione, quindi i clienti che in precedenza acquistavano merci tramite processi offline possono farlo online tramite un catalogo.
Baskit offre anche un servizio clienti che aiuta i grossisti a reperire prodotti e prezzi migliori dai produttori.
"Il modo migliore per descrivere la nostra attività è un ibrido tra partner per la digitalizzazione del software, ma con un punto di vista del fornitore di servizi di tipo molto commerciale in cui forniamo in tal senso, sembriamo quasi un mercato", ha affermato Schuermans.
"Aiutiamo a connettere acquirenti e venditori, ma è un mercato gestito molto strettamente".
In definitiva, l'obiettivo di Baskit è quello di rendere gli intermediari nelle catene di approvvigionamento partner più attraenti per le organizzazioni al vertice, compresi i grandi produttori e i proprietari di marchi.
“L'inventario è il gold standard qui, perché quando ho i dati, ho informazioni sui prezzi, so quanto prodotto è disponibile.
So quali prodotti si stanno muovendo velocemente.
Questo è il fulcro del nostro intero stack.
Una volta che abbiamo la visibilità dell'inventario, possiamo fare molte magie nel modo in cui li aiutiamo a vendere, ma anche nell'aiutare quel grossista a ottimizzare i propri margini ", ha aggiunto.
Questo è importante perché i grossisti spesso operano con margini sottili dal 3% al 7% e hanno anche a che fare con l'inflazione.
Aiutando gli intermediari a gestire il loro inventario, Baskit è anche in grado di aiutarli a decidere da quali fornitori acquistare e a stabilire il prezzo corretto per le persone a cui stanno vendendo i prodotti.
Baskit offre anche servizi di finanziamento agli intermediari, che spesso lottano per ottenere capitale circolante dalle istituzioni finanziarie tradizionali.
È in grado di farlo perché il suo software dispone di dati su quanto fatturato ha un'azienda e quanti soldi vanno e vengono.
Baskit sta attualmente lavorando con diversi prestatori P2P e alcune banche tradizionali, inclusa una delle tavola del cappello.
Il piano di Baskit è di espandersi in più città, con l'obiettivo di raggiungere una penetrazione a due cifre della base di grossisti in ciascuna di esse, cosa che secondo Schuermans lo renderà un attore indispensabile.
“Questo ci dà una distribuzione molto ampia perché questi 50 grossisti possono coprire l'intero territorio e ci dà anche accesso a una base di fornitura molto importante, una quota di portafoglio.
È interessante come pochissimi fornitori, pochissimi grossisti, possano fare così tanto per coprire le esigenze complessive dei rivenditori che servono".
ZEBOX, un incubatore per startup della supply chain, lancia il suo hub asiatico a Singapore La startup della supply chain Baskit supporta gli intermediari indonesiani di Catherine Shu originariamente pubblicata su TechCrunch

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: