Eagle Eye Networks e Brivo raccolgono 192 milioni di dollari in un round congiunto per incrementare il business della sicurezza nel cloud

Eagle Eye Networks e Brivo, due attori nel mondo della sicurezza del cloud fisico, rispettivamente sistemi di videosorveglianza e controllo degli accessi per proteggere edifici e altri spazi fisici, stanno raddoppiando le loro attività…
letteralmente.
La coppia di società statunitensi – la maggioranza di proprietà dello stesso individuo, l'imprenditore della sicurezza Dean Drako – annunciano oggi di aver raccolto un ampio round congiunto di finanziamento azionario, $ 192 milioni da un unico investitore strategico: il gigante giapponese dei servizi di sicurezza SECOM.
$ 100 milioni del finanziamento andranno a Eagle Eye e $ 92 milioni saranno assegnati a Brivo, ha detto Drako a TechCrunch in un'intervista.
Entrambe le società prevedono di utilizzare i fondi per la ricerca e lo sviluppo e in particolare per integrare più tecnologia basata sull'intelligenza artificiale nelle rispettive piattaforme.
Eagle Eye lavora con circa 20.000-30.000 clienti – grandi imprese e altre grandi organizzazioni – mentre Brivo ha in totale circa 20 milioni di persone che utilizzano i suoi servizi di controllo degli accessi.
Il finanziamento viene effettuato "principalmente in rialzo", ha detto Drako, ma non ha voluto approfondire le cifre esatte.
Drako, che è il fondatore e CEO di Eagle Eye, è anche presidente di Brivo, che ha acquisito per soli 50 milioni di dollari nel 2015 dopo essere passata attraverso una serie di altre strutture di proprietà.
Ha una storia piuttosto leggendaria come imprenditore oltre a questo: è stato anche uno dei co-fondatori ed ex CEO della società di sicurezza IT Barracuda, che più recentemente (nel 2022) è stata acquisita da KKR con un affare da 3,8 miliardi di dollari.
Ha anche un'omonima azienda di auto elettriche.
Il finanziamento sta arrivando in un momento chiave nel mondo del finanziamento delle startup, un momento che si è rivelato una manna per una manciata di aziende e gravi difficoltà per molte altre.
In parte a causa di eventi macroeconomici e politici, e in parte a causa dell'ineluttabile aumento di attività online dannose, la sicurezza è emersa come una delle categorie di spicco che è riuscita a superare la mischia ed è riuscita a continuare a crescere i ricavi, attirando l'attenzione degli investitori che cercano più sicurezza scommesse.
Sebbene Eagle Eye e Brivo siano lontani dall'estremità della "sicurezza informatica" dello spettro della sicurezza, si rivolgono comunque a una parte molto importante e importante del mercato con soluzioni tecnologicamente all'avanguardia.
"Molti investitori si sono resi conto dell'opportunità della conversione al cloud e dell'applicazione dell'IA nel mercato della sicurezza fisica", ha dichiarato Drako in un'intervista, citando i dati della società di ricerca Omdia, che nel 2021 prevede soluzioni basate sul cloud, denominate La sicurezza fisica come servizio crescerà tra il 19% e il 21% su base annua tra il 2021 e il 2024.
Eagle Eye, ha aggiunto, prevede una crescita annuale del 15% per i prossimi anni.
Entrambe le società, va sottolineato, propongono e hanno ancora una serie di clienti che utilizzano soluzioni ibride, con alcuni video o record di accesso archiviati in loco e alcuni in cloud.
La convinzione è che il futuro risieda nella creazione di soluzioni più innovative alla fine che aumenteranno l'automazione e il rilevamento, con gran parte del lavoro svolto in remoto, appoggiandosi all'infrastruttura cloud.
Sebbene ci sia una profusione di startup che stanno costruendo (e raccogliendo fondi) per la tecnologia AI, per ora Drako ha affermato che le due società sono focalizzate sulla propria ricerca e sviluppo proprietaria per avere un migliore controllo su ciò che viene costruito e per quale scopo.
Aree come la ricerca forense, ha affermato, sono casi d'uso troppo specifici per fare affidamento su dati di terze parti, almeno per ora.
Sebbene la ricerca forense sia già qualcosa che Eagle Eye offre (in effetti, l'ultima volta ha raccolto fondi per costruirlo), il piano è quello di aggiungere altro a quell'offerta per automatizzare più completamente il processo.
"Guarderemo le telecamere per te", ha detto Drako.
"Fumo, fuoco, persone che corrono in giro a fare cose che non dovrebbero fare", sono tutti casi d'uso che gli ingegneri stanno addestrando i sistemi Eage Eye a rilevare, ha detto, stimando che probabilmente ci vorranno altri due o quattro anni prima che i sistemi di sicurezza automatizzati vai online.
L'obiettivo di Brivo, ha affermato, sarà quello di utilizzare i finanziamenti per aiutare a sviluppare un migliore rilevamento delle anomalie per i sistemi di autenticazione utilizzati per ottenere l'accesso agli edifici e ad altre aree sicure.
Ho chiesto a Drako perché non ha unito Brivo con Eagle Eye quando ha acquisito la prima, e la sua risposta è stata che le due coprono aree abbastanza salienti del mercato della sicurezza fisica che aveva senso tenerle separate, entrambe per offrire ai clienti più opzioni per le modalità di acquisto delle soluzioni di sicurezza, ma anche per mantenere indipendenti le attività di ricerca e sviluppo delle due società.
"Sono un sostenitore dei sistemi aperti e, nel mercato aziendale, le piattaforme aperte vinceranno a lungo termine, questo è ciò che richiedono e di cui hanno bisogno, quindi volevamo assicurarci di costruire tenendo presente questo aspetto", ha affermato , aggiungendo che anche le dinamiche delle aziende fuse non sono sempre favorevoli all'innovazione.
"È difficile perché i team di ingegneri tendono a prendere scorciatoie quando lavorano nella stessa azienda".
Gli ho anche chiesto come fa a quadrare il tipo di tecnologia che le sue aziende costruiscono con le questioni più grandi relative alla privacy e alla protezione dei dati: mentre la maggior parte dei clienti per entrambi sono implementazioni private in campus chiusi, è notevole che anche Eagle Eye, ad esempio, elenca "Città" come segmento di clientela target.
“Siamo un fornitore di tecnologia e non ci soffermiamo su chi la utilizza e per cosa”, è stata la sua semplice risposta.
Quello più dettagliato è che l'azienda, in aree come il riconoscimento facciale, gestisce i suoi servizi su base opt-in e si aspetta che tutti i clienti rispettino le normative locali in materia di protezione dei dati e privacy.
In termini di opportunità di mercato, la sicurezza fisica è un mercato estremamente frammentato in paesi come gli Stati Uniti e in tutta Europa, ma in Giappone SECOM è una forza enormemente dominante, con almeno la metà del mercato sotto il suo controllo, ha affermato Drako, quindi in parte è La scelta di intraprendere questo investimento, avvenuta a seguito di un approccio proattivo della stessa SECOM, è stata una decisione pratica, un modo per poter entrare in Giappone e nei mercati limitrofi.
"SECOM ha una storia orgogliosa di innovazione che risale al primo sistema di sicurezza online giapponese per uso commerciale nel 1966", ha affermato Sadahiro Sato, amministratore delegato di SECOM, in una dichiarazione.
“Ci impegniamo a fornire servizi e sistemi che garantiscano sicurezza, tranquillità ed efficienza aziendale.
Il nostro investimento in Eagle Eye Networks e Brivo, leader di mercato nella sicurezza fisica del cloud, è un investimento nella missione che le nostre tre società condividono: fornire la migliore tecnologia possibile per proteggere le aziende e le comunità”.
Eagle Eye Networks e Brivo raccolgono 192 milioni di dollari in un round congiunto per potenziare il business della sicurezza cloud di Ingrid Lunden pubblicato originariamente su TechCrunch

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: