Il Regno Unito approva provvisoriamente l'acquisizione di VMware da 69 miliardi di dollari da parte di Broadcom

L'autorità per la concorrenza del Regno Unito ha dichiarato di voler dare il via libera all'offerta da 69 miliardi di dollari di Broadcom per il gigante del software di virtualizzazione VMware.
La notizia arriva esattamente una settimana dopo che la Commissione europea (CE) ha approvato l'accordo, che praticamente lascia gli Stati Uniti come ultimo ostacolo rimasto per Broadcom, con la Federal Trade Commission (FTC) che sta attualmente indagando sull'accordo.
Diversificare L'interesse di Broadcom per l'acquisto di VMware, annunciato per la prima volta lo scorso maggio, rappresenta parte dei suoi piani per diversificare oltre l'hardware ed estendersi al software dell'infrastruttura aziendale.
La preoccupazione principale finora è stata che Broadcom potesse limitare o degradare il supporto di VMware dei rivali hardware di Broadcom, che includono artisti del calibro di Marvell.
Pertanto, la scorsa settimana la CE ha approvato l'accordo a condizione che Broadcom fornisca accesso e interoperabilità garantiti tra VMware ei concorrenti di Broadcom.
La Competition and Markets Authority (CMA) del Regno Unito ha ora scoperto che il vantaggio finanziario per Broadcom e VMware derivante dalla limitazione dell'accesso ai concorrenti "non supererebbe il potenziale costo finanziario in termini di perdita di affari".
Tuttavia, a differenza della CE che ha stabilito che Broadcom debba impegnarsi a sostenere e adottare misure di interoperabilità per i prossimi 10 anni sotto la diretta supervisione di un fiduciario nominato, il Regno Unito sembra non applicare tale supervisione.
"I server dei computer, che spesso utilizzano i prodotti di Broadcom e VMware, svolgono un ruolo fondamentale nel consentirci di lavorare in ufficio o a casa o di accedere a programmi TV o utilizzare servizi bancari", ha osservato Richard Feasey, presidente del panel che ha svolto ha detto l'inchiesta.
“Ecco perché è importante indagare su questo accordo per garantire che le aziende del Regno Unito continuino a beneficiare della concorrenza e dell'innovazione nella fornitura di componenti per server.
Dopo aver attentamente considerato un'ampia gamma di prove, abbiamo provvisoriamente concluso che questo accordo non danneggerebbe la concorrenza".
Il grosso affare, che costituisce $ 61 miliardi di capitale proprio e $ 8 miliardi di debito, è destinato a diventare una delle più grandi acquisizioni tecnologiche di tutti i tempi.
Ma attirerà sempre il controllo normativo, con l'Europa che ha rivelato per la prima volta i piani per un'indagine approfondita a dicembre con il Regno Unito che ha seguito l'esempio quattro mesi dopo.
Ora, salvo alcuni appelli dell'ultimo minuto da parte di altre parti interessate, l'accordo è un passo avanti verso il superamento del limite.
Il termine ultimo per le risposte è il 9 agosto, con una relazione finale prevista per il 12 settembre.

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: