Enterprise

Intel e Tower Semiconductor annullano la fusione da 5,4 miliardi di dollari a causa di ostacoli normativi

Intel ha sospeso il suo piano per acquisire il produttore di chip a contratto Tower Semiconductor, citando la sua incapacità di "ottenere in modo tempestivo le approvazioni normative richieste dall'accordo di fusione".
Il gigante dei chip Intel ha annunciato per la prima volta che intendeva acquistare la società israeliana per 5,4 miliardi di dollari nel febbraio dello scorso anno, una mossa progettata per rafforzare la propria attività di produzione di chip a contratto con una maggiore capacità produttiva e proprietà intellettuale, conferendole anche una più ampia portata globale portata.
In effetti, Intel ha rivelato l'intenzione di investire 20 miliardi di dollari in due nuovi stabilimenti in Arizona circa due anni fa, confermando anche una nuova propaggine chiamata Intel Foundry Services (IFS) dedicata alla produzione di chip progettati da altre società.
Indicava un'importante espansione verticale per l'azienda, quella che il CEO di Intel Pat Gelsinger ha soprannominato "IDM (produzione di dispositivi integrati) 2.0".
Questo era essenzialmente un approccio su più fronti per la costruzione di chip semiconduttori, che abbracciava la rete di fabbriche di Intel, fabbriche di terze parti e costruiva i suoi servizi di fonderia alle prime armi.
Creare relazioni con aziende già profondamente integrate nello spazio della fonderia consentirebbe a Intel di accelerare questi piani.
Tower Semiconductor produceva chip analogici per centinaia di aziende in tutto lo spettro industriale da circa due decenni, rendendolo un obiettivo di acquisizione ideale per Intel.
Ostacoli Sebbene Intel non abbia discusso nessuno dei dettagli sui suoi ostacoli normativi – in Cina o altrove – a più di un anno dall'annuncio dell'acquisizione originale, hanno iniziato a crescere le preoccupazioni che l'accordo potesse essere in pericolo a causa del respingimento in Cina.
In effetti, Gelsinger ha effettuato diverse visite personali nel paese con l'obiettivo di costruire rapporti con l'industria e il governo, ma sembra che ciò non sia stato sufficiente per portare a termine l'accordo.
Sebbene fosse tecnicamente possibile concludere l'acquisizione senza l'approvazione della Cina, la Cina rappresenta una parte importante dell'attività e della strategia di Intel, il che significa che era essenziale ottenere il via libera dalle autorità di regolamentazione.
Come risultato di tutto ciò, Intel ha dichiarato che dovrà pagare una penale di 353 milioni di dollari a Tower Semiconductor, le cui azioni sono scese di oltre l'11% alla luce di questa notizia.
"I nostri sforzi di fonderia sono fondamentali per sbloccare il pieno potenziale di IDM 2.0 e continuiamo a portare avanti tutti gli aspetti della nostra strategia", ha affermato Gelsinger in un comunicato stampa.
"Stiamo eseguendo bene la nostra tabella di marcia per riconquistare le prestazioni dei transistor e la leadership nelle prestazioni energetiche entro il 2025, costruendo slancio con i clienti e l'ecosistema più ampio e investendo per fornire l'impronta di produzione geograficamente diversificata e resiliente di cui il mondo ha bisogno".

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...