Founders Factory Africa distribuirà 114 milioni di dollari utilizzando quanto appreso dai programmi passati

Questa settimana, l'acceleratore e investitore sudafricano Founders Factory Africa (FFA) ha raccolto 114 milioni di dollari.
L'azienda prevede di utilizzare l'impact capital di Mastercard Foundation e Johnson & Johnson Impact Ventures "per ridimensionare il proprio modello per servire meglio i fondatori nell'ecosistema tecnologico africano".
FFA combina modelli di venture studio e VC, fornendo investimenti e supporto pratico ai fondatori in fase iniziale che costruiscono soluzioni locali per le sfide locali.
Fondata nel 2018 da Roo Rogers e Alina Truhina, l'azienda gestisce il suo modello tramite programmi in collaborazione con aziende e investitori d'impatto.
Nel 2019, FFA ha collaborato con la società sanitaria sudafricana Netcare per selezionare 35 startup africane di tecnologia sanitaria per un programma di accelerazione e incubazione.
L'anno successivo, l'azienda ha firmato un accordo con Standard Bank, accettando cinque startup nei settori fintech e healthtech nel suo programma di venture capital.
E nel 2021, FFA ha annunciato una partnership con Small Foundation, selezionando 18 startup agritech per un programma di accelerazione e incubazione.
Le startup selezionate nei tre programmi hanno ricevuto tra $ 40.000 e $ 250.000 in contanti in cambio di quote azionarie variabili.
Oltre al capitale, FFA ha fornito a queste startup competenze tecniche e operative, inclusi servizi di supporto su misura per lo sviluppo del prodotto, UX/UI, scienza dei dati, ingegneria, sviluppo aziendale e marketing per la crescita.
Attraverso le partnership, le startup hanno anche avuto accesso a canali di distribuzione, acquisizione di clienti, progetti pilota, dati, proprietà intellettuale e competenze fornite dagli investitori aziendali.
Fin dal suo inizio nel 2018, FFA ha sostenuto e aiutato a scalare 55 startup in 11 paesi africani.
Fornisce fino a $ 250.000 di capitale proprio alle startup nelle fasi di idea, pre-seed e seed e $ 150.000 di capitale catalitico in fondi non diluitivi nelle società in portafoglio.
Tuttavia, il gigantesco aumento appena annunciato di FFA non è solo per investire azioni e catalizzatore in startup nuove ed esistenti.
“I dettagli dell'allocazione sono ancora in fase di strutturazione e finalizzazione con vari investitori su come andrebbe a finire.
Siamo molto chiari sul fatto che il nostro modello fin dal primo giorno è stato abbastanza pesante dal punto di vista operativo per sbloccare la crescita del supporto per le nostre startup ", ha dichiarato il CEO Bongani Sithole a TechCrunch in un'intervista.
"Quindi questo significa assumere grandi talenti per sbloccare quella crescita, rafforzare la nostra struttura di supporto e costruire IP per aiutare i nostri fondatori a scalare le loro attività".
TechCrunch ha incontrato Sithole e il co-fondatore Truhina per discutere della strategia di Founders Factory Africa, delle sue dinamiche con vari LP e di come l'azienda intende distribuire il suo nuovo capitale.
TechCrunch: La strategia FFA, costruita in collaborazione con Standard Bank, Small Foundation e Netcare, cambierà alla luce di questo nuovo investimento? Sithole: La struttura che abbiamo costruito negli ultimi quattro anni e mezzo copre tre settori: healthtech con Small Foundation, fintech con Standard Bank e agritech con Small Foundation.
Questi sono stati i tre driver principali nel contesto africano per avere un punto di ingresso e guidare la nostra visione iniziale con cui abbiamo iniziato.
Con una capitale recente, abbiamo visto molti più settori iniziare a emergere nel continente africano, quindi abbiamo deciso di essere più agnostici.
L'idea non è cambiare la strategia; è cogliere le opportunità in questi nuovi settori emergenti.
Questa espansione per noi è per assicurarci di coprire le basi di ciò che è essenziale nel continente africano per costruire ulteriormente più velocemente e, quindi, cioè, in un certo senso, nuove partnership per sbloccare la crescita per noi.
Quindi questo, per me, non è un cambio di strategia.
È un'evoluzione del nostro modello.
Come ti sei avvicinato a questi diversi partner per essere agnostico e raddoppiare ciò che abbiamo ottenuto? Truhina: Quando abbiamo iniziato nel 2018, Standard Bank Group è stata la nostra prima ancora.
Abbiamo svolto un ruolo enorme nell'allineare le esigenze delle startup con la capacità di ridurre i rischi e supportarle operativamente con competenze tecniche.
Il team di FFA ha inoltre sfruttato l'esperienza e l'accessibilità a partnership e canali di distribuzione di Standard Bank e Netcare Group.
I fondatori Factory Africa e Netcare finanzieranno 35 startup di tecnologia sanitaria Il nostro ruolo sarà molto iterativo mentre ci evolviamo e continuiamo ad ascoltare gli imprenditori alla luce di un continente in evoluzione e delle dinamiche di mercato.
Dal punto di vista di un LP o di un investitore, ciò significa prendere in considerazione ciò con cui abbiamo iniziato che era basato sull'azienda e quindi portare un family office e una fondazione che possono anche fornire valore al nostro portafoglio; poi, i nostri partner più recenti in MasterCard e Johnson and Johnson Foundation.
Quindi, questa è una testimonianza del fatto che abbiamo continuamente bisogno di pensare ai diversi LP, investitori e finanziatori per fornire tipi di capitale diversi e dinamici ai nostri imprenditori e all'ecosistema.
E allo stesso tempo, essere molto in sintonia con dove stanno andando gli LP e gli investitori.
Come gestisci le dinamiche con vari LP di diversi programmi come acceleratore, venture studio e investitore? Sithole: le tipiche strutture di fondi significano che quando gli investitori raccolgono un fondo, dovranno consegnarlo, chiuderlo e avviarne uno nuovo.
Il modo in cui abbiamo strutturato FFA e le nostre partnership con i nostri LP è una relazione continua.
E il motivo è duplice.
L'integrazione di aziende e startup è molto critica per il continente africano.
Quindi, da quella prospettiva, questo ci dà due cose.
Uno è l'accesso al capitale per promuovere la nostra missione e, in secondo luogo, le nostre startup possono continuare a integrare e sfruttare le risorse detenute dalle aziende nel continente africano.
Quindi, ciò significa che continuiamo a mantenere relazioni e sfruttare la partnership che abbiamo costruito.
È una struttura costruita in modo tale da essere continua ma ugualmente al servizio delle esigenze dei fondatori africani, sia per fornire rendimenti azionari agli investitori sia per noi per avere un impatto significativo nel continente.
In quali altri modi verrà impiegato questo capitale? Truhina: È ancora importante riconoscere che ciò che facciamo non è "VC convenzionale".
Lo dico perché parte del capitale dei 114 milioni di dollari rafforzerà la nostra capacità operativa di fornire competenze tecniche perché sappiamo che il denaro è uno strumento contundente.
Sappiamo che se stai firmando assegni per imprenditori in fase iniziale, questo non è un catalizzatore per il loro successo.
E lo abbiamo dimostrato e abbiamo imparato molto su quale metodologia, IP, tipi di attività e interventi dobbiamo fornire affinché le società in portafoglio possano ridimensionarsi e non fallire.
Sithole: Quando abbiamo iniziato, il mercato continuava a dirci che avremmo dovuto fornire investimenti di avvio successivi.
Abbiamo pensato di effettuare investimenti successivi sin dal primo giorno, ma il capitale iniziale non era strutturato in modo tale da consentirci di farlo.
Ad un certo punto, abbiamo pensato di avere un fondo collaterale per sbloccare opportunità per fornire capitale successivo, anche finanziamento del debito.
Quindi, è positivo che questo nuovo capitale che abbiamo raccolto sia strutturato in modo tale che FFA possa effettuare finanziamenti successivi alle startup esistenti.
Inoltre, parte del capitale ci sta aiutando a guidare quello che chiamiamo un framework di trazione in cui mostriamo come costruire attività scalabili incentrate sui fondamentali.
Questa è la cosa più critica se dovessi differenziarci.
Abbiamo un processo, una struttura, un IP e tutto il resto.
È qui che andrà a raddoppiare parte del capitale operativo.
Non è l'unica cosa su cui FFA sta raddoppiando, a quanto pare.
Il comunicato stampa ha anche evidenziato che l'azienda vuole affrontare gli squilibri di genere con questo capitale.
Vuoi toccarlo? Sithole: Siamo una squadra molto equilibrata e questo è stato molto intenzionale.
A diversi livelli, abbiamo un'equa rappresentanza delle donne in tutta l'Africa, e questa è la nostra cultura e qualcosa per cui continueremo a lottare come azienda.
A livello globale, nel mercato VC, puoi vedere che le donne fondatrici sono difficilmente supportate.
È ancora meno del 2% nello spazio globale.
In FFA, consideriamo intenzionalmente il nostro equilibrio come azienda e il modo in cui influenziamo gli investimenti nel mercato per assicurarci di supportare molte più fondatrici di VC bancabili nel continente.
Se guardi al nostro portafoglio attuale, rispetto alle statistiche globali, delle 55 aziende che abbiamo costruito attualmente, oltre il 20% sono fondate e guidate da donne.
È stato molto organico e intenzionale fin dal primo giorno.
Quindi, in sostanza, vogliamo raddoppiare questo sforzo.
Qual è l'idea alla base del finanziamento catalitico fornito e in che modo non è diluitivo per i fondatori? Sithole: Il capitale non diluitivo tocca il mio punto precedente in cui abbiamo visto aziende prendere capitale azionario negli ultimi quattro anni e mezzo quando non ne avevano bisogno, alla ricerca di un modello di business.
Vediamo una parte riservata alle startup che costruiscono in specifici settori o tipi di modelli di business, che i fondatori possono utilizzare mentre cercano un modello di business senza necessariamente rinunciare all'equità.
Questa è una necessità del mercato e siamo molto intenzionati a capire come crescere e ridimensionare il nostro modello, anche oltre i 114 milioni di dollari.
Una volta raggiunti determinati traguardi e individuate le modalità aziendali e operative, possono raccogliere capitale azionario, che possiamo anche finanziare.
Quindi, la realtà dell'attuale capitale in una natura non diluitiva significa che parte di questo capitale sarà utilizzato per sostenere quelle iniziative senza prendere capitale.
Truhina: Mentre capiamo come distribuire questo capitale, catalitico in questo contesto significa anche che puoi investire $ 1 e la startup può fornire $ 2 di valore.
Questo è ciò che stiamo cercando di fare, cercando modi per aiutare questi fondatori ad accedere a diversi tipi di capitale per fornire il doppio, il triplo e il quadruplo di quel valore.
Quante startup intende sostenere FFA e, sebbene indipendente dal settore, a quali settori si sta avvicinando l'azienda? Sithole: Il modo in cui stiamo affrontando il dispiegamento di capitali al momento con i nostri partner non è realmente focalizzato su un numero particolare di aziende di per sé.
È più focalizzato sui settori in cui vogliamo investire e alla ricerca di attività strategiche in cui possiamo investire.
Possono essere da 50 a 100 aziende o qualunque sia il caso.
Founders Factory Africa collabora con Small Foundation per investire in 18 startup agritech I tre settori originari: fintech, agritech e salute, rimangono critici.
Tuttavia, stiamo anche assistendo a una crescita della tecnologia logistica, dell'e-commerce e di altri settori sussidiari emergenti nel continente, come la tecnologia pulita, la tecnologia aziendale e il reclutamento delle risorse umane.
La raccolta di questo capitale dimostra che il modello di studio di rischio funziona in Africa? Sithole: Per noi, non ci occupiamo di dimostrare se un modello di studio di rischio funziona o meno, ad essere onesti.
Le imprese in Africa e la nascita del mercato suggeriscono che i fondatori africani, con dove siamo oggi, hanno ancora bisogno di molto supporto pratico.
C'è ancora una mancanza di talento, finanziamenti, accesso al mercato e fiducia che affligge l'industria tecnologica.
Ciò significa che è necessario che i fondatori abbiano partner da costruire o co-costruire nelle fasi iniziali.
Se questa è una risposta che il modello dello studio di rischio funziona o meno in Africa, non ne sono sicuro.
Ma quello che so è che per le imprese che stanno costruendo, queste esigenze continuano a crescere e continueremo a farlo perché il mercato ci chiede di farlo.
Truhina: Quando abbiamo iniziato, siamo stati descritti in modi diversi.
Ma ci piace pensare a noi stessi come leader di pensiero mentre spingiamo l'ago su cosa significhi investire nel continente.
Le raccolte fondi come la nostra servono a segnalare al mercato che ci sono più soldi.
Ma anche se ovviamente siamo investitori di livello base, non vogliamo essere rinchiusi in un acceleratore, incubatore, venture studio o VC perché ciò che facciamo non è paragonabile ai nostri colleghi e colleghi.

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: