Fintech

Il fornitore di BNPL Splitit si muove per diventare privato in cambio di nuovi fondi

Mentre il mercato buy now, pay later (BNPL) continua il suo lento declino, uno dei principali attori, Splitit, sta intraprendendo uno sforzo di riorganizzazione e rotazione.
Splitit ha annunciato oggi di avere un "impegno di capitale" di $ 60 milioni da parte di investitori strategici tra cui Thorney Investment Group, Parea Capital e Motive Partners.
Portando il totale della startup raccolto a circa $ 350 milioni (supponendo che l'accordo vada a buon fine), i proventi saranno destinati alla crescita e "a supporto dell'esecuzione del suo piano strategico", secondo l'amministratore delegato e CEO Nadan Sheth.
"Questo nuovo investimento ci consentirà di rafforzare il nostro bilancio, alimentare la nostra espansione geografica, rafforzare la nostra capacità di attrarre clienti grandi e sofisticati, investire in partnership strategiche e sviluppare ulteriormente il nostro innovativo white label Rate-as-a-service", ha aggiunto Sheth in un'e-mail a TechCrunch.
Ma mentre la capitale promette di fornire un'infusione tanto necessaria per Splitit, l'impegno – o gli impegni, piuttosto – hanno termini insolitamente rigorosi.
Motive fornirà $ 50 milioni ($ 0,20 per azione privilegiata) in due tranche: $ 25 milioni ciascuna.
Per i primi 25 milioni di dollari, Splitit dovrà essere cancellata dall'Australian Securities Exchange (ASX), dove è diventata pubblica nel 2019, con l'approvazione dei suoi azionisti e reincorporarsi come entità privata con sede nelle Isole Cayman.
Splitit, che ha sede ad Atlanta, in Georgia, con uffici satellite a Londra e in Israele, è registrata in Australia come società straniera, il che le ha permesso di quotarsi su ASX in primo luogo.
Perché le Isole Cayman? Presumibilmente, perché storicamente ha agito come un rifugio per le multinazionali per proteggere alcuni – o tutti – i loro redditi dalla tassazione.
A differenza di molti paesi, le isole non impongono imposte sul reddito delle società, plusvalenze, imposte sui salari o altre imposte dirette alle startup che vi hanno sede.
Per i secondi 25 milioni di dollari di Motive, Splitit dovrà raggiungere alcuni traguardi non divulgati della performance finanziaria dell'intero anno 2023, traguardi che secondo Sheth la società è sulla buona strada per superare.
Se gli azionisti dovessero votare per rimuovere Splitit da ASX, avranno la possibilità di mantenere la proprietà di Splitit come società privata o scambiare le loro azioni rimanenti su ASX prima del delisting di Spliti.
Sheth ha difeso la mossa, sostenendo che Splitit è stato a lungo sottovalutato.
"Il delisting è fondamentale perché ci offre flessibilità in termini di future esigenze di capitale e rappresenta la migliore opportunità per creare valore a lungo termine per gli attuali azionisti di Splitit", ha affermato.
"Rafforza in modo significativo il nostro bilancio e consente al team di concentrarsi sulla nostra strategia di prodotti white label, sull'innovazione e sui nostri partner di distribuzione globale di primo livello".
Thorney Investment Group e Parea Capital forniranno $ 10 milioni dei $ 60 milioni di impegni sotto forma di una nota convertibile, una forma di debito che può essere convertita in azioni in una data futura.
Fondata nel 2012, Splitit ha iniziato come azienda BNPL tradizionale focalizzata sul mercato consumer.
Ma nel 2022, Splitit ha abbandonato la sua attività di consumo per lanciare una piattaforma di pagamenti rateali in white label per i commercianti.
Sheth afferma che la mossa ha dato i suoi frutti, indicando un aumento dei ricavi dal 2022 al 2023.
Ma data la drastica trasformazione dell'azienda, non è chiaro che sia vero.
Splitit, come la maggior parte della sua concorrenza BNPL, focalizzata sul consumatore o meno, ha subito un calo degli investimenti lo scorso anno poiché le condizioni macroeconomiche hanno minacciato il modello di business fondamentale.
Klarna, una volta la società sostenuta da VC di maggior valore in Europa, ha subito un taglio delle valutazioni dell'85%, mentre società pubbliche come Affirm con sede negli Stati Uniti e Zip australiana hanno visto precipitare i prezzi delle loro azioni, rispettivamente di oltre il 77% e l'89%, da gennaio a luglio 2022 .

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...