Government & Policy

Il giudice mette a tacere i colloqui sui social media della Casa Bianca in una causa che si discosta dalla realtà

Durante le vacanze del 4 luglio, è emerso che un giudice della Louisiana aveva emesso un'ingiunzione che impediva alla Casa Bianca di parlare con le società di social media in determinati modi.
La causa di cui fa parte questa decisione, va detto, è piuttosto folle.
Robert F.
Kennedy Jr ha inghiottito interi i file di Twitter e ora sta facendo causa a Biden per cose accadute nel 2020, sotto Trump.
Il Washington Post ha riportato per primo la notizia secondo cui la Casa Bianca, secondo l'ingiunzione, deve astenersi da "sollecitare, incoraggiare, fare pressioni o indurre in qualsiasi modo la rimozione, la cancellazione, la soppressione o la riduzione di contenuti contenenti libertà di parola protetta".
Tali ingiunzioni hanno lo scopo di fermare un comportamento che i querelanti ritengono illegale e, se un giudice ritiene che sia probabile che una causa abbia successo, può bloccarla preventivamente (o "impedirla") per prevenire ulteriori danni.
E in questo caso ci sono molte presunte prove che il governo federale stia eseguendo de facto la censura coordinandosi con "tre società di social media: Facebook, Google e Twitter".
Ma anche una lettura superficiale della denuncia mette a nudo il fatto che si tratta di una rappresentazione ridicolmente imprecisa degli eventi in questione.
Questo caso è degno di nota non per i suoi meriti, ma per la potenziale importanza della decisione del giudice.
Certamente il ruolo e la portata del governo federale nel controllare la disinformazione, la disinformazione e qualsiasi altra cosa online è qualcosa che dovrebbe essere esaminato e messo in discussione.
Ma questa causa, che semplicemente tira fuori le stesse vecchie lamentele sul laptop di Hunter, la rimozione del contenuto anti-vaccino e la teoria dell'origine del laboratorio di Wuhan del COVID-19.
È una lunga lista di cospirazioni e canard di destra che sono state screditate o abbandonate per mancanza di interesse negli ultimi anni, ma che alcuni agenti sembrano non riuscire a lasciar andare.
Molti di loro sono presi direttamente dai file Twitter deludenti, che abbiamo esaminato in dettaglio qui.
Se c'è mai stato del sangue da estrarre da questa pietra, è sparito da tempo.
Decostruire "i file di Twitter" Gli argomenti di questa debole ricostruzione sono così noiosi e familiari e le caratterizzazioni di base di aziende, pratiche e termini così palesemente sbagliate che una confutazione completa sarebbe sia noiosa che superflua.
Nessuno dovrebbe aver bisogno di spiegare che il Census Bureau non sta eseguendo la censura quando chiede alle persone di segnalare false dichiarazioni di censimento in modo che possa correggerle.
Per l'unica cosa che devi veramente vedere per capire quanto sia assolutamente ridicolo questo caso, vedi pagina 23.
iniziano le accuse.
Una varietà di agenzie avrebbe lavorato a stretto contatto, clandestinamente e in coordinamento per censurare il discorso protetto.
Come molti hanno sottolineato quando questo tipo di accuse sono apparse durante le non rivelazioni dei Twitter Files, nel 2020 Donald Trump era presidente di questi Stati Uniti.
Ogni agenzia esecutiva era sotto la sua autorità e lo era stata per anni.
Ma la causa dice: perché i due più importanti "risultati" della censura di quell'anno – la soppressione della teoria delle fughe di laboratorio sulle origini di COVID e dei rapporti sul laptop di Hunter Biden – sembrano essere in conflitto con gli interessi e le posizioni assunte da allora- Presidente Donald Trump, è dubbio che la Casa Bianca stesse organizzando o guidando questi sforzi di censura federale.
Sì, il motivo per cui l'amministrazione responsabile delle pratiche contestate dalla causa non viene citata come imputata è perché, senza alcun elemento di prova a loro sostegno, i querelanti affermano che la Casa Bianca non era effettivamente coinvolta.
Ma quello di Biden è stato – a partire dal 2021 e apparentemente retroattivamente nel 2020.
Questo è un allontanamento dalla realtà, chiaro e semplice.
La causa cita le dichiarazioni degli allora candidati Biden e Harris secondo cui i social media dovevano lavorare di più per catturare cose come la disinformazione legata alle elezioni e che se non potevano farlo, il governo potrebbe dover ripensare la Sezione 230.
238.
Sostenuto da queste minacce, i voluminosi sforzi degli agenti federali e delle entità partner federali per indurre la censura dei social media basata sul punto di vista nel periodo precedente alle elezioni presidenziali del 2020 sarebbero stati ragionevolmente percepiti dalle società di social media come richieste che dovevano essere sostanzialmente rispettato a pena di conseguenze potenzialmente catastrofiche come la perdita dell'immunità della Sezione 230 o una rottura dell'antitrust.
239.
La campagna di censura del governo si è rivelata molto efficace.
240.
Ad esempio, la censura raggiunta attraverso questi sforzi ha incluso la soppressione del discorso del presidente Trump, nonché molte espressioni di preoccupazione da parte dei repubblicani sulla sicurezza elettorale a seguito del massiccio aumento del voto per corrispondenza durante le elezioni generali del 2020.
Nel caso in cui non l'avessi capito, nel 239 la causa si riferisce agli sforzi di Biden e Harris come "il governo", durante una campagna presidenziale in corso quando Trump – presumibilmente l'obiettivo di questa campagna – era in realtà, legalmente e visibilmente il governo.
Infatti la sua amministrazione era nota per le sue frequenti controversie con i social media e per le minacce molto pubbliche e frequenti che Trump faceva contro le aziende.
Queste azioni ufficiali, compresi gli ordini esecutivi e varie dichiarazioni pubbliche, non sono chiaramente menzionate nella causa.
Sembra chiaro che questa causa sia un documento puramente politico: RFK Jr, l'aspirante di lunga data alla nomination del GOP nel 2024, sta tentando di coccolare cospirazioni, apparire duro con la tecnologia ed evitare scrupolosamente di criticare o persino menzionare Trump in questo bizzarro, obsoleto , e un elenco di accuse profondamente errato.
Per quanto riguarda l'ingiunzione: che il giudice l'abbia concessa è una cattiva notizia, in quanto implica che abbia letto la denuncia e l'abbia trovata convincente, o non abbia notato le sue numerose e gravi carenze.
Tuttavia, la difesa (un lungo elenco di funzionari ed enti) deve ancora depositare la sua replica, e potrebbe impugnare l'ingiunzione con alcuni punti ben piazzati.
Il caso è fresco e in evoluzione, e se l'ingiunzione è valida, non è chiaro quali comunicazioni costituiscano legalmente ciò che è ingiunto.
Puoi seguire gli ultimi documenti qui.
Il giudice mette a tacere i colloqui sui social media della Casa Bianca in una causa che si discosta dalla realtà di Devin Coldewey originariamente pubblicato su TechCrunch

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...