Stoke Space ha ricevuto ripetuti investimenti dal braccio di rischio della CIA

Stoke Space ha ricevuto numerosi investimenti da In-Q-Tel, il braccio di capitale di rischio della Central Intelligence Agency, ha appreso TechCrunch.
Stoke Space e In-Q-Tel non hanno annunciato pubblicamente la loro relazione prima.
Sebbene In-Q-Tel sia legalmente un'entità separata da qualsiasi agenzia governativa, riceve tutti i finanziamenti dai partner governativi, inclusa la comunità della difesa e dell'intelligence.
Il preside di In-Q-Tel William Morrison ha confermato di aver guidato l'investimento più recente, che si è concluso alla fine di febbraio, e che l'azienda ha già effettuato più investimenti nella società.
Oltre all'investimento, le due entità hanno anche firmato un "accordo di sviluppo tecnologico", ha detto un portavoce di In-Q-Tel.
Stoke si unisce a un gruppo molto ristretto di società di lancio, tra cui Rocket Lab e ABL Space Systems, che hanno ricevuto investimenti dall'azienda.
"Il team è stato incredibile nell'esecuzione, follemente efficiente in termini di capitale", ha detto Morrison.
Stoke, con sede a Kent, Washington, è stata fondata nel 2019 da Andy Lapsa e Tom Feldman.
Hanno fondato l'azienda dopo anni di esperienza come ingegneri di propulsione presso Blue Origin; quando se ne andarono, Lapsa ricopriva una posizione a livello di direttore e Feldman era un ingegnere senior.
Stoke sta sviluppando un veicolo di lancio completamente riutilizzabile in grado di riportare sulla Terra sia il booster che il secondo stadio.
Il razzo è stato progettato per volare quotidianamente, una caratteristica che è probabilmente particolarmente interessante per i clienti della difesa.
La US Space Force ha dichiarato pubblicamente il proprio interesse a procurarsi capacità di lancio rapido.
Stoke ha raccolto $ 65 milioni in un round di serie A nel dicembre 2021, da investitori tra cui Breakthrough Energy Ventures di Bill Gates, Toyota Ventures e Spark Capital.
Più recentemente, l'USSF ha dichiarato che avrebbe riservato un'area dedicata all'uso di Stoke presso lo storico Cape Canaveral – Launch Complex 14, dove si sono verificati numerosi decolli negli anni '60.
Secondo il suo sito Web, Stoke si sta attualmente preparando a far volare lo stadio superiore riutilizzabile su un volo di prova "tramoggia" di decollo e atterraggio verticale.
"L'accesso allo spazio continua a essere limitato dalla disponibilità del lancio", ha dichiarato Lapsa in una dichiarazione a TechCrunch.
"Costruire una solida economia di lancio commerciale è fondamentale per sostenere la nostra base industriale e garantire l'accesso allo spazio per le esigenze di difesa e sicurezza nazionale".
In-Q-Tel è stata fondata nel 1999 come impresa senza scopo di lucro per aiutare il governo federale a trarre vantaggio dalla crescente innovazione e dalle tecnologie emergenti nel settore privato.
L'azienda si rifornisce di tecnologia da startup per la CIA e altre agenzie governative, come il Department of Homeland Security.
Una delle proposte di valore chiave di In-Q-Tel è facilitare i collegamenti tra le società private ei suoi partner governativi, anche nella comunità dell'intelligence.
In-Q-Tel ha effettuato 25 investimenti nel settore spaziale, tra cui Stoke.
Altri investimenti includono Capella Space, Palantir e Swarm Technologies, che è stata acquisita da SpaceX.
Gli assegni di solito vanno da $ 250.000 a $ 3 milioni, afferma l'azienda sul suo sito web.
Un portavoce di In-Q-Tel ha confermato che tutti i suoi investimenti in Stoke rientrano in quella finestra.
Morrison ha aggiunto in una dichiarazione scritta separata che l'accesso allo spazio è un'importante area di interesse per l'azienda.
"L'architettura unica di Stoke Space ha il potenziale per cambiare il modo in cui tutti progettiamo e usiamo lo spazio", ha affermato.
Stoke Space ha ricevuto ripetuti investimenti dal braccio di rischio della CIA di Aria Alamalhodaei originariamente pubblicato su TechCrunch

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: