Questo acceleratore di Austin ha fatto grandi affermazioni; dipendenti e clienti affermano che non ha funzionato

Newchip, un acceleratore online che promette di aiutare le startup, ha presentato istanza di fallimento e ora sta affrontando l'insolvenza tra il malcontento dei dipendenti e dei clienti.
Decine di dipendenti dell'organizzazione in difficoltà hanno organizzato uno sciopero il 4 maggio, chiedendo al fondatore Andrew Ryan di dimettersi dalla carica di CEO.
Ryan – che in precedenza si chiamava Ryan Rafols – ha fondato Newchip con sede ad Austin nel 2016 dopo aver trascorso più di sette anni come commissario cittadino ad Austin, secondo il suo profilo LinkedIn.
Newchip inizialmente ha iniziato, secondo Grit Daily, "come un aggregatore delle migliori offerte da varie piattaforme di crowdfunding basate su azioni", e successivamente si è evoluto nel suo attuale modello di acceleratore.
Nel suo profilo LinkedIn, Ryan descrive Newchip come un'entità che fornisce "agli imprenditori tutte le competenze e gli strumenti necessari per costruire, ridimensionare e finanziare le loro startup dal lancio all'uscita" tramite il suo "acceleratore globale online e fondo di rischio".
In sostanza, Newchip si è presentata come un acceleratore che avrebbe aiutato le startup a incontrarsi e raccogliere fondi dagli investitori e far crescere le loro aziende a pagamento.
Ma l'acceleratore non è riuscito a mantenere una serie di promesse, affermano alcuni dipendenti, e ha lasciato in sospeso i fondatori che si erano iscritti.
Alcuni fondatori hanno sostenuto, nelle interviste con TechCrunch e in almeno una discussione pubblica su LinkedIn, che il compenso di Newchip – che variava da poche migliaia di dollari fino a $ 18.000 o $ 20.000 – era troppo alto e non valeva i servizi forniti.
Alcuni hanno insistito sul fatto che era difficile se non impossibile ottenere un rimborso quando l'acceleratore non ha dato seguito.
La principale nella lunga lista di lamentele di otto ex dipendenti che sono usciti e sono stati intervistati da TechCrunch è la "cattiva gestione" da parte di Ryan.
Il dirigente, hanno affermato, era regolarmente aggressivo nei confronti delle persone in azienda tramite comunicazioni scritte e verbali e prendeva decisioni sbagliate riguardo ai ruoli di leadership.
Un ex dipendente che desiderava rimanere anonimo ha detto a TechCrunch: "Spesso assumeva abitualmente dipendenti ingenui o del tipo 'yes man' e diventava assolutamente spietato, degradante e umiliante per le persone mentre diceva cose come 'Sono troppo bravo per sprecare il mio brillantezza su questo 'e urla alle persone.
In risposta al fatto che fosse umiliante nei confronti dei dipendenti, Ryan ha riconosciuto che il suo stile di leadership era basato su "una mentalità militare" e che "ci sono stati momenti in cui il confine tra responsabilità e conflitto si è offuscato".
Ha anche ammesso che in un caso particolare, ha potuto vedere come la sua reazione "avrebbe potuto sembrare umiliante".
Ryan ha anche aggiunto che è stato "noto per abbandonare o interrompere bruscamente le riunioni prive di un ordine del giorno, sottolineando l'importanza della preparazione".
In un'intervista su Zoom con TechCrunch e in due diversi post su LinkedIn (che possono essere trovati qui e qui), Ryan ha in gran parte incolpato il macroambiente, i manager e i dipendenti per la scomparsa dell'azienda.
Via e-mail, Ryan ha detto che alla fine ha accettato "la piena responsabilità per gli eventi a Newchip".
Ha affermato di essere attualmente "in discussione con numerose società di venture capital, family office e società di PE per formulare un piano di continuità".
Newchip, che opera sotto Astralabs, ha presentato istanza di fallimento ai sensi del Capitolo 11 a marzo, rivelando di avere solo $ 1,7 milioni di attività rispetto a $ 4,8 milioni di passività.
La scorsa settimana, un giudice fallimentare ha finito per convertire il caso in liquidazione ai sensi del capitolo 7.
Ciò non sorprende, considerando che, secondo Grit Daily: “Mentre Newchip ha raccolto 7,9 milioni di dollari da investitori accreditati e non accreditati, i dati di Crunchbase rivelano una preoccupante storia di perdite finanziarie.
I documenti della SEC mostrano una perdita netta di $ 197.884 per il 2016, una perdita di $ 748.999 nel 2017 e la società ha richiesto $ 4,5 milioni di perdite fiscali riportate nei suoi bilanci del 2020.
Ryan ha affermato che i dipendenti hanno organizzato il recente sciopero per protestare contro il fatto che la società avrebbe licenziato più dipendenti e che erano guidati da un investitore di Newchip.
Sebbene Ryan non abbia nominato l'investitore, si ritiene che quell'individuo sia Joe Merrill, che è stato anche capo del consiglio di amministrazione di Newchip.
(TechCrunch ha contattato Merrill ma non ha risposto alle richieste di commento.) Ryan ha aggiunto che l'acceleratore aveva già condotto diversi turni di licenziamenti nei sei mesi precedenti, passando da più di 200 dipendenti a circa 75 all'inizio di questo mese .
Parlando con TechCrunch, Ryan ha detto: “Abbiamo dovuto fare tagli nel team e ci sarebbero stati massicci licenziamenti […] Altrimenti non ci sarebbero stati soldi per pagare le persone e abbiamo dovuto ridurre l'attività.
E mentre chiedevo l'approvazione del tribunale per assumere capitale e avevamo investitori pronti a darci capitale, i nostri avvocati non avevano presentato la mozione.
E così li abbiamo praticamente spinti a presentare [un] deposito di emergenza.
Ha affermato che i dipendenti non erano contenti di quella mossa e ha chiesto di "sciogliere l'azienda e sostanzialmente liquidare tutto", cosa che ha detto che non poteva fare durante il procedimento del Capitolo 11.
Ryan ha detto che ha continuato a chiudere il consiglio.
Da parte loro, gli otto ex dipendenti di TechCrunch hanno parlato negando di essere stati licenziati o non pagati e hanno invece citato la "mancanza di leadership e cattiva gestione" di Ryan.
Nella loro lettera di sciopero (che è stata condivisa con TechCrunch), i dipendenti hanno scritto delle loro preoccupazioni per i licenziamenti del "personale chiave", affermando che la loro "rimozione ha portato a un'erosione della fiducia e del morale all'interno dell'organizzazione, creando un ambiente di lavoro tossico.
" I dipendenti hanno chiesto che i dirigenti venissero reintegrati e che Ryan si dimettesse dalla carica di CEO "con effetto immediato".
Ryan non si è dimesso; nessuno è stato reintegrato.
Via e-mail, Ryan ha dichiarato a TechCrunch: "Alla fine, siamo stati purtroppo costretti a chiudere la società nonostante ci fossimo assicurati impegni di capitale per farla andare avanti a causa del tentativo di acquisizione e delle false accuse fatte alla corte secondo cui avremmo potuto essere liquidati per mezzo miliardi di dollari se il tribunale avesse appena firmato, il che ha comprensibilmente portato alla frustrazione in questo momento e molte delle nostre 1.200 società attive sono giustamente sconvolte.
Mi immedesimo profondamente con tutte le persone colpite e sto prendendo tutte le misure possibili per correggere la situazione.
Ha anche affermato che la società "porterà un nuovo CEO più esperto".
Sentirsi fuorviati Non sono solo i dipendenti a dire di essere stati bruciati da Newchip.
Andrew Goei, fondatore di PitchPages, un pitch deck e startup di software per la raccolta fondi, ha dichiarato di volere un rimborso per alcuni mesi dall'inizio del programma dopo aver sentito che non stava ottenendo i servizi promessi, in particolare le introduzioni degli investitori.
In un'intervista con TechCrunch, Goei ha ricordato i venditori di Newchip che gli dicevano che l'acceleratore "ha questa enorme rete e può presentarci a tutti questi investitori".
PitchPages pagherebbe $ 8.000 e se la società non avesse ottenuto finanziamenti di successo, la società avrebbe recuperato i suoi soldi, ha detto Goei.
Quindi la sua azienda si iscrisse nell'agosto di quell'anno.
"Dopo circa due o tre settimane, non abbiamo ancora ricevuto alcuna comunicazione da loro, anche se abbiamo pagato", ha detto Goei.
A quel punto, PitchPages aveva pagato circa $ 6.000 al programma.
Durante quel periodo, Goei ha detto di aver incontrato due mentori del programma che hanno espresso preoccupazione per Newchip e hanno raccomandato a Goei di ottenere un rimborso.
Sarebbero passate settimane prima che il personale dell'assistenza clienti rispondesse e alla fine gli è stato detto che non ci sarebbe stato alcun rimborso, ci ha detto Goei.
“Era molto evidente che il loro intero modello era 'ottenere il maggior numero possibile di startup.
Non ci interessa chi sono.
Non ci interessa in che fase si trovino finché pagano, questo è tutto ciò che conta'”, ha detto Goei.
“E troverebbero ogni modo possibile e non darebbero alcun rimborso.
La cosa davvero triste dell'intera faccenda è che Newchip è stato avviato da questo ragazzo che viene dalla comunità VC.
Anche il fondatore Orri Bogdan ha detto a TechCrunch che i venditori di Newchip gli hanno detto che avrebbero offerto un rimborso completo se non fosse riuscito a raccogliere fondi attraverso l'outfit, ma poi "si è intrufolato in clausole estreme con l'intenzione di non rimborsare mai nessuno".
Il fondatore di VAE Labs, che sta sviluppando uno spray energetico commestibile, Bogdan afferma che, a seguito dei termini di Newchip, la sua startup ha rifiutato la sua offerta di "accettare" la sua azienda in favore di entrare a far parte di un altro acceleratore.
"Se non fossimo entrati in DSHA, avremmo sicuramente accettato e perso $ 7.500 a $ 18.000, con il prezzo più alto a seconda se avessimo accettato o meno il loro mandato di $ 250.000", ha detto Bogdan.
Rimborsi Gli ex dipendenti di Newchip hanno dichiarato a TechCrunch che la società "emetteva raramente rimborsi".
Hanno anche affermato che la società ha pagato i clienti per rimuovere le recensioni negative.
Ryan contesta entrambe queste affermazioni.
Ha detto che nel contratto con il cliente si afferma che i rimborsi non sono stati concessi, ad esempio, quando le società hanno chiuso.
Ha anche affermato che era "una pratica molto comune" per i clienti utilizzare recensioni negative per cercare di ottenere un rimborso.
"Non si qualificano per i rimborsi, quindi lasciano una recensione e ti rispondono via email dicendo 'Ehi, dammi il mio rimborso e lo tolgo'", ha detto Ryan.
“Abbiamo dato circa $ 150.000 in rimborsi al mese.
Per un'azienda che guadagna circa un milione di dollari di tasse, si tratta di un importo significativo, circa tre volte l'importo che vedresti in ogni caso.
Ryan ha anche detto che "ha cercato di formare alcune delle persone di marketing di basso livello" per tenere il passo con la gestione delle recensioni positive, ma che "spesso non ci sarebbero riuscite".
Via e-mail, Ryan ha anche affermato che Newchip "ha perso denaro su quasi ogni singola ammissione" ai suoi programmi "a causa dell'alto rischio e del fallimento delle startup".
Affermazioni di "cattiva gestione" Sebbene il gruppo di dipendenti sia recentemente diventato pubblico con le proprie lamentele, fa affermazioni di cattiva gestione che risalgono ad anni fa, tra cui il recupero delle commissioni di vendita e Ryan che si concede bonus durante i deficit finanziari mensili.
Ad esempio, il gruppo ha affermato che le commissioni di vendita sono state assegnate quando è stato istituito un contratto, ma affermano che in seguito sono state rimosse per quelli che gli era stato detto che erano contratti non firmati, anche se il cliente stava pagando attivamente.
Ryan contesta tale accusa, dicendo a TechCrunch che da 200 a 300 contratti non sono stati firmati, per un importo di circa $ 1 milione, e che ha scoperto che alcuni membri del team "mentivano ai clienti" e addebitavano comunque conti.
“Abbiamo aderito rigorosamente al principio di pagare le commissioni di ammissione solo dopo che i contratti sono stati firmati a nostra conoscenza.
Sfortunatamente, nel quarto trimestre dell'anno precedente, abbiamo scoperto casi di non conformità all'interno del nostro team di ammissione concentrati in una manciata di individui che costituivano circa il 10% del nostro team ", ha affermato Ryan via e-mail.
A quel tempo, il gruppo di dipendenti afferma che Ryan si è fatto capo delle vendite.
Quando gli è stato chiesto se fosse accurato, Ryan ha confermato, anche se ha detto che era temporaneo mentre la società cercava un sostituto.
Ryan ha anche detto a TechCrunch via e-mail che il suo primo anno "per ricevere una paga superiore a $ 75.000 dal 2016" è stato nel 2020, quando ha ricevuto $ 92.000, e nel 2021 è stato di $ 175.000 e nel 2022, $ 287.000, "pari a circa l'1,4% delle entrate.
" Ha aggiunto che "circa un terzo degli importi annuali erano bonus basati sulle prestazioni".
Al momento in cui scriviamo, non è chiaro cosa accadrà agli imprenditori che partecipano al programma, al resto dei dipendenti e all'azienda stessa.
Il gruppo di ex dipendenti ha affermato che sta contattando altri acceleratori e l'ecosistema delle startup per vedere se possono aiutare i fondatori interessati dalla liquidazione.
Ryan ha detto di essere "alla ricerca di un cavaliere bianco" per sostenere l'azienda e rilevare i suoi programmi.
Questo acceleratore di Austin ha fatto grandi affermazioni; dipendenti e clienti affermano che non è stato consegnato da Christine Hall originariamente pubblicato su TechCrunch

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: