Startups

Tenere d'occhio la polvere secca e gli spinout universitari

B envenuto a TechCrunch Exchange, una newsletter settimanale di startup e mercati.
È ispirato alla rubrica quotidiana TechCrunch+ da cui prende il nome.
Lo vuoi nella tua casella di posta ogni sabato? Iscriviti qui.
L'inizio di una nuova stagione è sempre un buon momento per rivisitare le previsioni passate e cercare nuovi argomenti da seguire.
Oggi polvere secca e spinout universitari.
— Anna Livelli record di polvere secca in Europa? Nel novembre dello scorso anno, PitchBook ha fatto così tante previsioni sul capitale di rischio e sul private equity in Europa che ora le sta riesaminando in un nuovo rapporto.
Il nuovo rapporto, intitolato "European Private Capital Outlook: H1 Follow-Up", non esamina solo se gli analisti di PitchBook avevano ragione o torto.
Rivaluta anche le sue previsioni e ciò che è cambiato da allora per fare nuove affermazioni.
Molte delle nuove previsioni di PitchBook hanno a che fare con il private equity, ma quella che ha attirato la mia attenzione riguarda più direttamente le startup: la quantità di capitale di rischio che potrebbe o meno essere a loro disposizione.
Spesso indicato come polvere secca, PitchBook si aspettava che il denaro raccolto dai fondi VC che non è stato ancora investito raggiungesse livelli record in Europa quest'anno.
Il suo analista di EMEA Private Capital Nicolas Moura sostiene la previsione, ma vale la pena esplorare le sfumature tra allora e oggi.
Tenere d'occhio la polvere secca e gli spinout universitari di Anna Heim originariamente pubblicato su TechCrunch

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...