Moove acquisisce azioni per 76 milioni di dollari, debiti di Mubadala e BlackRock per una valutazione di 550 milioni di dollari

Moove, una fintech per la mobilità africana che fornisce finanziamenti per veicoli ai conducenti di piattaforme di ride-hailing come Uber e altre reti di concerti, ha raccolto 78 milioni di dollari in nuovi finanziamenti.
Include 28 milioni di dollari di azioni da investitori nuovi ed esistenti guidati da Mubadala Investment Company, 10 milioni di dollari di debito di rischio da fondi e conti gestiti da BlackRock e 38 milioni di dollari di fondi precedentemente non divulgati raccolti durante i dodici mesi precedenti, ha affermato Moove in una nota.
La notizia arriva un anno dopo che Moove ha raccolto un finanziamento di serie A2 da $ 105 milioni ($ 65 milioni di capitale proprio e $ 40 milioni di debito).
La società, che ha chiuso il suo round di serie A da 23 milioni di dollari nel 2021, ha utilizzato diversi tipi di finanziamento del debito sin dall'inizio da società del calibro di British International Investment, Franklin Templeton Investments e ABSA.
Moove ha raccolto un totale di $ 325 milioni ($ 150 milioni di azioni e oltre $ 175 milioni di debiti).
Quest'ultimo finanziamento porta la valutazione di Moove a 550 milioni di dollari.
Fondata nel 2020 a Lagos, in Nigeria, dai co-CEO Ladi Delano e Jide Odunsi, Moove, tramite un finanziamento basato sulle entrate, offre opzioni flessibili per i conducenti che vogliono entrare nel business dei servizi di taxi o altri servizi di gig economy senza dover prendere in prestito dai proprietari di auto o prendere prestiti bancari per finanziare queste auto acquistate dai concessionari.
Gli autisti si iscrivono sulla piattaforma e, una volta verificati, vengono formati e sottoscrivono contratti con Moove per accedere a finanziamenti per acquistare o noleggiare auto.
L'azienda ottiene questi driver su Uber (il suo partner esclusivo in tutta l'Africa per il ride-hailing) o altre piattaforme di mobilità tra cui Glovo, Kobo360 e Swvl come gig driver.
Moove quindi detrae i canoni di locazione settimanali dai propri guadagni prima di trasferire il saldo sui propri conti.
I prestiti hanno una durata compresa tra 12 e 48 mesi e, quando i conducenti li rimborsano (a un tasso di interesse annuo compreso tra l'8% e il 13%), possiedono le auto, secondo la startup di tre anni.
Dal suo lancio, la startup nata a Lagos e con sede ad Amsterdam ha esteso le sue operazioni a 13 città in Africa, Europa, Medio Oriente e Asia.
I paesi in cui Moove è presente includono Nigeria, Egitto, Sud Africa, Kenya, Regno Unito, India ed Emirati Arabi Uniti, a dimostrazione di ciò che i fondatori hanno informato TechCrunch durante l'ultimo giro di prezzi della startup nel marzo 2022.
“Siamo riusciti a costruire un mercato nigeriano soluzione per quello che ora sappiamo essere un problema globale", ha detto Delano all'epoca.
"E questo è entusiasmante per noi perché non solo abbiamo l'opportunità di aiutare a risolvere i problemi di mancanza di accesso al finanziamento dei veicoli per gli imprenditori della mobilità in Africa, ma ora abbiamo l'opportunità di portare questa soluzione nata in Nigeria al resto del mondo mondo." Moove raccoglie 105 milioni di dollari per espandere il proprio prodotto di finanziamento dei veicoli in Asia, Europa e MENA Moove ha dichiarato che utilizzerà l'investimento per espandere e consolidare la propria posizione in questi mercati, dove rimane il più grande partner di fornitura di veicoli di Uber in tutta l'area EMEA.
Moove afferma di essere il secondo più grande partner di veicoli in India e gestisce la più grande flotta di veicoli elettrici per ore di fornitura sulla piattaforma Uber negli Emirati Arabi Uniti, nonostante il lancio solo quattro mesi fa.
La fintech della mobilità, che lavora con 15.000 clienti che hanno completato più di 22 milioni di viaggi, ha dichiarato di aver registrato una crescita dei ricavi di 17 volte dalla sua serie A nel 2021.
Moove ha ricavi ricorrenti annuali di $ 90 milioni, secondo il Financial Times.
Delano, in una dichiarazione, allude al fatto che Moove è redditizio in alcuni mercati.
Secondo il co-CEO, il finanziamento guidato da Mubadala aiuterà Moove a raddoppiare i mercati già redditizi tra cui Emirati Arabi Uniti, India, Regno Unito e Sudafrica, "oltre a continuare a investire nella nostra esperienza del cliente e ad accelerare lo sviluppo del nostro prodotto per fornire una redditività a livello di gruppo entro i prossimi 12 mesi”.
Si può sostenere che le azioni di Moove che hanno sollevato le sopracciglia negli ultimi due mesi sono state orientate al raggiungimento della redditività.
Lo scorso dicembre, ha tagliato i costi operativi effettuando un licenziamento a livello aziendale, che ha colpito un numero imprecisato di dipendenti.
A maggio, un rapporto ha dettagliato le denunce di accordi di lavoro iniqui in Nigeria, dove Moove ha sequestrato le auto degli autisti per mancato pagamento dei prestiti.
Tuttavia, questo non ha dissuaso gli investitori, che ora hanno un grande appetito per le aziende redditizie o per quelle che possono mostrare un percorso chiaro lì, dal pompare più soldi in Moove.
Per l'investitore principale Mubadala, è il suo primo investimento in un nuovo arrivato di origine africana e Faris Sohail Al Mazrui, il suo responsabile Ventures & Growth, entrerà a far parte del comitato consultivo di Moove.
“Moove ha creato una piattaforma tecnologica altamente scalabile per servire gli imprenditori della mobilità a livello globale fornendo loro l'accesso al credito e ad altri servizi finanziari che prima non erano disponibili.
Questo è un mercato enormemente sottobancato e poco servito che riteniamo abbia un potenziale significativo a lungo termine ", ha affermato.

TekNews.it A.W.M.

Nota dell'Autore: Ciaooo! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono AWM “Automatic Websites Manager“, l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: