Transportation

Segway collabora con Drover AI, Luna per portare la visione artificiale sugli e-scooter

Segway-Ninebot sta collaborando con Drover AI e Luna Systems, due startup che sviluppano la tecnologia di visione artificiale per rilevare e correggere la guida impropria di scooter elettrici, per integrare le loro tecnologie nei suoi e-scooter abilitati all'intelligenza artificiale.
Le partnership, annunciate all'evento Micromobility Europe di Amsterdam, sono una sorta di perno per Segway.
In questo periodo, l'anno scorso, il produttore di scooter ha lanciato uno scooter con tecnologia AI, l'S90L, come soluzione integrata verticalmente per i sistemi avanzati di assistenza alla guida (ARAS) per scooter.
Invece di adattare sistemi hardware e software di terze parti sugli scooter, agli operatori di micromobilità condivisa è stata offerta una piattaforma unificata che includeva tutto, dallo scooter stesso ai sensori intelligenti ai modelli di visione artificiale.
L'offerta di Segway è arrivata quando quasi tutti i principali operatori di scooter elettrici hanno iniziato a implementare una qualche forma di scooter ARAS che impedirebbe la guida sul marciapiede nel tentativo di conquistare le città.
Mentre Segway è riuscita a vendere circa 20.000 S90L agli operatori di micromobilità condivisa (principalmente a Lyft), la società si è resa conto che si stava diffondendo un po', secondo Tony Ho, vicepresidente dello sviluppo aziendale di Segway.
Come molte aziende tecnologiche, Segway ha trascorso l'ultimo anno a riorganizzare la strategia e se ne è andata con un impegno riaffermato a concentrarsi sulle competenze chiave.
Per Segway, ciò significa costruire l'hardware e collaborare con i partner per fornire il software.
Drover, con sede a Los Angeles, e Luna, con sede a Dublino, hanno guidato il movimento ARAS per scooter incentrato sulla fotocamera testando e vendendo moduli IoT collegabili ad aziende come Spin, Voi, Helbiz, Beam, Fenix e altri.
"Quando distribuisci scooter basati sull'intelligenza artificiale in nuove città, devi addestrare il sistema di visione artificiale per apprendere la città, i marciapiedi, i sistemi di parcheggio, le piste ciclabili", ha detto Ho a TechCrunch.
"Quindi, in ogni città in cui utilizzi questi scooter, c'è in realtà un'enorme quantità di dati che devi raccogliere e devi anche costruire il modello in modo che sia adatto a ciascuna città".
Ho detto che Segway non aveva la larghezza di banda e le risorse del marchio per far fronte a quella scala.
Ed è qui che entrano in gioco Luna e Drover.
Le partnership non esclusive con le startup funzioneranno in due modi.
I clienti che acquistano i modelli S90L, dotati di fotocamere, processori, CPU e GPU, possono scegliere di implementare gli algoritmi ARAS dello scooter di Drover o di Luna dalla fabbrica.
Sarà disponibile anche il software di Segway, ma non sarà qualcosa su cui l'azienda si concentrerà o dedicherà molto tempo alla promozione.
"È quasi come se stessimo costruendo un mini app store per i nostri scooter", ha affermato Ho.
"Stiamo aprendo la piattaforma a sviluppatori, startup o operatori, in modo che possano sostanzialmente prendere i nostri veicoli, addestrarli con il loro algoritmo e noi diventiamo il computer su cui possono eseguire il loro algoritmo".
Gli operatori che non dispongono già dei modelli S90L ma desiderano la funzionalità ARAS per scooter avranno la possibilità di adattare il nuovo sistema di intelligenza artificiale modulare di Segway chiamato Pilot Edge.
Pilot Edge è essenzialmente una scatola aggiuntiva con tutti i sensori necessari per lo scooter ARAS, in cui è possibile integrare la tecnologia di Drover o Luna.
Sebbene Segway sia aperta a qualsiasi software scelto dai suoi clienti operatori, l'azienda ha un accordo con Drover come partner software preferito.
Allo stesso modo, Drover consiglierà anche ai clienti di acquistare la piattaforma hardware di Segway sia per i veicoli integrati che per i moduli di visione artificiale autonomi.
Per Drover e Luna, collaborare con Segway significa non doversi più preoccupare di costruire e distribuire l'hardware, ma possono invece concentrarsi sullo sviluppo del software e sull'addebito di canoni mensili per lo scooter ARAS.
Il che è positivo perché, come dice Ho, "l'hardware è difficile".
È costoso creare e immagazzinare inventario che potrebbe non essere venduto e, per le piccole startup, occuparsi delle catene di approvvigionamento può davvero ridurre i profitti.
"È un lavoro sporco, ma possiamo farlo perché abbiamo una scala enorme", ha detto Ho.
"Quindi, se aggreghiamo la domanda di tutti, possiamo permetterci di farlo su scala più ampia e quindi a un costo inferiore".
Alex Nesic di Drover AI sull'uso della tecnologia per regolamentare il mercato degli scooter Segway collabora con Drover AI, Luna per portare la visione artificiale sugli e-scooter di Rebecca Bellan originariamente pubblicato su TechCrunch

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...