Enterprise

All'inizio i designer odiavano lo strumento di progettazione collaborativa di Figma, ma hanno imparato ad amarlo

Nel 2012, quando Dylan Field era uno studente alla Brown University, ebbe l'idea di creare uno strumento di progettazione basato su browser.
A quel tempo, gli strumenti di progettazione erano tutti sul desktop, il che significava che i progettisti lavoravano da soli, inviando file per la revisione alle varie parti interessate coinvolte, quindi apportando modifiche in base al feedback in un ciclo non digitale piuttosto inefficiente.
Field e il co-fondatore Evan Wallace hanno lanciato Figma per alterare completamente il paradigma del design, uno in cui invece di stampe che viaggiano avanti e indietro tra revisori e designer, tutti potevano lavorare insieme sullo stesso strumento.
Non era diverso da Google Docs, consentendo a più persone di lavorare sullo stesso file contemporaneamente, lasciando commenti e generalmente interagendo e collaborando tra loro sul web.
Il problema era che la tecnologia web nel 2012 non era davvero pronta per abilitare questo tipo di funzionalità di progettazione e fornirla in tempo reale a più utenti.
Il design è molto più complesso di un documento di testo.
Inoltre, ai designer sembrava piacere avere il controllo del proprio strumento e avere le parti interessate che si rivolgevano a loro.
Anche dopo che Figma ha superato tutti gli ostacoli tecnici per fornire un prodotto funzionante valido, ha dovuto superare la resistenza degli utenti a questo approccio, anche se oggi sembra l'approccio più sensato al mondo.
Field e Wallace hanno impiegato fino al 2017 per portare un prodotto sul mercato al punto da poter iniziare a raccogliere entrate, ma i loro investitori sono rimasti pazienti, riconoscendo che le idee rivoluzionarie a volte richiedono tempo per essere cotte.
Valeva la pena aspettare.
Entro giugno 2021, la società ha raccolto un investimento di $ 200 milioni su una valutazione di $ 10 miliardi, quindi nel settembre 2022 Adobe ha annunciato la sua intenzione di acquistare la società per il doppio.
L'accordo è stato sottoposto a controllo normativo negli Stati Uniti e in Europa e per ora rimane nel limbo, ma la storia di come è arrivata a questo punto come azienda da 20 miliardi di dollari, superando innumerevoli ostacoli tecnici, mentre tenaci investitori sono rimasti a guardare, è avvincente.
All'inizio i designer odiavano lo strumento di progettazione collaborativa di Figma, ma poi si sono innamorati di Ron Miller, originariamente pubblicato su TechCrunch

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...