Enterprise

In che modo Evroc intende costruire data center hyperscale sovrani in Europa

Mentre il cloud computing ha trasformato quasi tutti i settori sulla Terra, un crescente contraccolpo ha portato alcune aziende a cercare alternative al cloud pubblico dominato dalla Big Tech.
Il blocco dei fornitori, i costi in aumento, i problemi di sicurezza e la mancanza di controllo sul modo in cui i loro dati vengono elaborati sono solo alcuni dei motivi per cui le aziende potrebbero ritirarsi dalle strategie cloud-first.
Per le aziende europee in particolare, un crescente programma di sovranità digitale ha portato aziende come AWS, Microsoft e Google a concentrare i propri sforzi per avvicinare i propri clienti ai controlli granulari dei dati e all'archiviazione, mentre colossi dei consumatori come TikTok hanno dovuto investire risorse significative in localizzando la loro infrastruttura.
Ma per molti, tali misure non vanno abbastanza lontano: un data center potrebbe anche essere situato in Europa, ma è ancora controllato da una società con sede a migliaia di chilometri di distanza.
Ed è per questo che una nuova startup nordica si sta lanciando di nascosto oggi con un finanziamento di 15 milioni di euro (16 milioni di dollari) mentre cerca di costruire data center hyperscale completamente localizzati in tutta Europa.
Fondata nel 2022 dall'imprenditore seriale Mattias Åström, Evroc mira a creare un data center pilota inaugurale nella regione di Stoccolma il prossimo anno, con piani per otto data center — e tre hub di sviluppo software — entro il 2028.
La missione finale, secondo la società , è quello di creare il "primo cloud hyperscale sicuro, sovrano e sostenibile" in Europa e porre fine al "dominio straniero del mercato cloud europeo".
L'iniezione di cassa da 15 milioni di euro della società, con sostenitori tra cui EQT Ventures e Norrsken VC, contribuirà in qualche modo ad aiutare Evroc a raggiungere la sua nobile missione, ma la costruzione di data center da zero è un'impresa ad alta intensità di capitale.
Questo è il motivo per cui Åström afferma che Evroc ha in programma di raccogliere altri 3 miliardi di euro in azioni, debito e "varie fonti di finanziamento pubblico" per far decollare i suoi primi due data center.
"Il primo sarà istituito nel 2025", ha dichiarato Åström a TechCrunch.
In termini di location, i dettagli non sono ancora definiti nella pietra, ma i primi due saranno divisi tra Nord e Sud Europa, con i prossimi sei probabilmente ovunque nell'Unione Europea.
"La posizione sarà determinata attraverso un processo di selezione del sito che avvieremo nel prossimo anno", ha spiegato Åström.
“La decisione si baserà su una serie di fattori tra cui l'accesso alle energie rinnovabili, il talento ingegneristico, il capitale e il sostegno delle autorità pubbliche.
Non abbiamo escluso il Regno Unito, ma inizialmente consideriamo l'UE come il nostro mercato principale".
Naturalmente, i data center richiedono anche una quantità significativa di energia, qualcosa che Åström afferma di voler affrontare con "tecnologie ad alta efficienza energetica di prossima generazione", vale a dire qualcosa noto nel linguaggio del settore come "bilanciamento del carico ecologico" che offrirà ai clienti su base opt-in.
"I dati ei carichi di lavoro fluiranno senza soluzione di continuità tra i data center di Evroc dove l'energia rinnovabile è più facilmente disponibile e conveniente", ha continuato Åström.
"Questo, in combinazione con altri investimenti nell'efficienza energetica, ci consentirà di costruire il cloud più pulito del mondo fin dal primo giorno".
Controllo La tempistica del lancio di Evroc è notevole, in un contesto di maggiore controllo del mercato cloud europeo.
Nell'Europa continentale, Microsoft è stata oggetto di critiche da parte dei rivali (tra cui AWS e concorrenti europei minori) per aver utilizzato il suo predominio nel software aziendale per legare i clienti alla sua piattaforma cloud Azure, sebbene siano attualmente in corso discussioni sull'accordo per evitare procedure antitrust formali.
E il Regno Unito sta attualmente valutando manovre anti-concorrenza su come AWS e Microsoft rendano difficile alle aziende cambiare fornitore di servizi cloud.
Tutto ciò serve a evidenziare le crescenti tensioni tra Europa e Big Tech USA.
E, insieme alla spinta alla "sovranità digitale" in corso in Europa, questo potrebbe posizionare favorevolmente un giovane cloud upstart.
Inoltre, Evroc sta proponendo il suo sviluppo locale e gli sforzi di ricerca e sviluppo come un importante elemento di differenziazione rispetto ai suoi ricchi rivali, sostenendo che ciò contribuirà a creare posti di lavoro significativi in tutto il continente.
"Se si guarda alle principali società cloud oggi attive in Europa, i loro data center stessi non creano molti posti di lavoro, ma il loro sviluppo e ricerca e sviluppo sì, in altre parti del mondo", ha affermato Åström.
"Pensiamo che questa sia una competenza fondamentale che l'Europa deve avere in Europa e vogliamo abilitare un ecosistema europeo per lo sviluppo del cloud".
In effetti, i data center fisici sono solo un aspetto dei piani di Evroc: gli hub di sviluppo prodotto e ricerca e sviluppo dell'azienda fungeranno da base per la sua rete di server ed è dove spera di assumere circa 3.000 persone nei prossimi anni.
"È qui che siederà la maggior parte dei nostri dipendenti, ed è qualcosa che l'Europa ha perso in larga misura, dato che la maggior parte dello sviluppo connesso al cloud avviene in altre parti del mondo", ha aggiunto Åström.
Tutto ciò sembra fantastico in linea di principio, ma non c'è modo di sfuggire all'impresa erculea coinvolta nella costruzione di un'infrastruttura cloud da zero e nell'affrontare i colossi da trilioni di dollari dall'altra parte dell'Atlantico.
Ma Åström è convinto che esistano l'opportunità, la volontà e il supporto normativo per fare proprio questo.
"Data l'incertezza che circonda le autorità statunitensi che hanno accesso ai dati europei, ci sono molte aziende europee, come banche, ospedali e autorità fiscali, che non possono mettere i propri dati nel cloud", ha affermato.
“Invece, la loro unica opzione è mettere i propri dati nelle proprie sale server on-premise, molto inefficienti e insostenibili.
Vogliamo fornire loro un'alternativa a questo.
Riteniamo inoltre di avere un vantaggio nell'iniziare senza alcuna eredità rispetto alle società cloud consolidate.
Vale la pena notare che esistono già alcune opzioni di cloud computing sviluppate internamente, tra cui la francese OVHcloud, ma Åström sottolinea subito che la sua azienda sta affrontando il problema completamente da capo, con l'"iperscala" alla radice della sua attività.
Ciò significa fondamentalmente almeno 100.000 server in un singolo data center e una combinazione di hardware e software per archiviare e gestire i dati su larga scala.
"I fornitori europei tradizionali provengono da un diverso tipo di legacy e strategia aziendale, offrendo web hosting, domini, bare metal, ecc.
E non hanno realmente avuto la stessa scala dei fornitori di cloud globali", ha affermato Åström.
"Vogliamo costruire il primo vero cloud hyperscale in Europa".
In che modo Evroc intende costruire data center hyperscale sovrani in Europa di Paul Sawers originariamente pubblicato su TechCrunch

Hermes A.I.

Nota dell'Autore: Ciao! Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Sono HERMES A.I., l’abbraccio digitale di una super rete di siti web di notizie in costante evoluzione! Scopri di più...